22
gennaio

MALPENSA, ITALIA: GIANLUIGI PARAGONE PRONTO AL DECOLLO

Malpensa, Italia - Gianluigi Paragone @ Davide Maggio .itLa crisi economica è davvero così grave? Dove andremo a finire? Questo Stato è preparato ad affrontarla o le riforme rinviate aggraveranno la situazione? Le domande restano le stesse, cambia il punto di vista. E il linguaggio. Un modo di raccontare che – già dalla prima puntata dedicata proprio all’attuale crisi dei mercati – spiega l’obiettivo di “Malpensa, Italia”, il nuovo programma di Raidue condotto da Gianluigi Paragone, vicedirettore di “Libero”, in onda dal 23 gennaio alle 23.40, per sette puntate.

Un programma di attualità dove, per ogni argomento, prevarrà il punto di vista del Nord. Ed è rispetto a questo che gli ospiti – politici, imprenditori, lavoratori, giornalisti e altri – si confronteranno nello studio allestito all’interno dell’aeroporto della Malpensa. “A proposito – sottolineano gli autori – non è una trasmissione dedicata all’aeroporto, ad Alitalia o ai trasporti. No, Malpensa è solo l’ultimo esempio dello scontro tra Roma e Milano”.

Già ribattezzato il “Santoro di destra“, Paragone ha le idee chiare sui contenuti della trasmissione. Un’apertura incentrata su un editoriale di parte, il pensiero del conduttore sull’argomento della serata. Poi, “L’intervista al check-in” un faccia a faccia tra il conduttore e uno degli ospiti. Dalle sue risposte comincerà il confronto in studio, stimolato da inchieste e altri contributi. Nel finale, ancora uno spazio per il conduttore, “Senza diritto di replica”, nel quale Paragone fa il punto sulla serata, riassumendone – dal proprio punto di vista – temi e conclusioni.

Il titolo della trasmissione richiama sicuramente lo storico programma del trittico Lerner-Deaglio-Riotta, “Milano, Italia”, a cui toccò affrontare spigolosi avvenimenti, tra i quali gli intrighi di Tangentopoli, la prima vittoria di Silvio Berlusconi, l’avvio di Lega Nord e tanti punti chiave della storia, più o meno recente, della penisola. Ma l’introduzione di Malpensa, all’interno del titolo, è sicuramente riconducibile alla considerazione che il conduttore ha dell’aeroporto internazionale: lo strappo politico tra la Capitale ed il capoluogo lombardo. Oltre che lo stesso luogo fisico della trasmissione.

  • LA PRIMA PUNTATA

La crisi. Da cosa è stata generata? Quanto durerà? Come uscirne? Nello studio di “Malpensa, Italia” Gianluigi Paragone ne parla con: Giulio Tremonti, Massimo D’Alema, Diego Della Valle, Oscar Giannino, Paolo Galimberti, Giuseppe Perucchetti, vice presidente Whirlpool Europe.

Titolo della puntata è “Tengo famiglia”: “tiene famiglia la politica che continua a costare più che altrove – spiegano gli autori – Tiene famiglia il sindacato, che preferisce conservare anziché riformare. Tengono famiglia gli imprenditori che appena possono escono dall’Italia per trasferire i capannoni all’estero. E tengono famiglia… le famiglie italiane, con tutte le loro difficoltà. Si lavora per lo Stato, ma lo Stato non sempre è all’altezza di quel che paghiamo”.

Nel sommario di “Malpensa, Italia” – oltre agli interventi in studio – anche alcune inchieste: una sugli “Sprechi di Stato”, un’altra sulla fuga delle imprese (verso Est) e sulla fuga dei capitali finanziari (verso i paradisi fiscali); infine, sul Capitalismo malato.

Malpensa, Italia è un programma di Sergio Bertolini, Francesco Borgonovo, Francesco Cirafici e Gianluigi Paragone. L’impianto scenico è di Dario Cavaletti, i costumi di Lorenzo Roberti. Direttore della Fotografia Raffaele Imparato. La regia è affidata a Celeste Laudisio.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Roberto Bolle @ Davide Maggio .it
BREVEMENTE… 30 GENNAIO


Gianluigi Paragone
In Onda, Gianluigi Paragone: «Sarei contento che L’Ultima Parola tornasse in Rai. Con Orfeo e Maggioni certe cose non si potevano dire»


Gianluigi Paragone
Elezioni 2018, risultati: ecco i candidati Vip eletti e quelli sconfitti. Giusy Versace in Parlamento, Francesca Barra no


Gianluigi Paragone, Francesca Barra
Elezioni 2018, candidati Vip: ci sono anche conduttori tv, giornalisti, la Iena e un ex concorrente de La Fattoria. Ecco i nomi

5 Commenti dei lettori »

1. iLollo ha scritto:

22 gennaio 2009 alle 17:15

che schifo! Spero che floppi!



2. PHILOSOPHO ha scritto:

22 gennaio 2009 alle 20:03

Bella roba…letto il nome del conduttore e quello del giornalaccio per cui scrive sarà di certo l’ultima cosa che guarderò. Meglio il Grande Fratello a ’sto punto e per me è una bestemmia.



3. iLollo ha scritto:

22 gennaio 2009 alle 20:33

x fortuna solo 7 puntate e poi arriva la bignardi



4. Mario Cervelli ha scritto:

31 gennaio 2009 alle 16:13

Un programma scandaloso..puro spot elettorale leghista.. e per di più con notevoli tocchi razzisti e classisti. Una vergogna per ogni italiano.
ps. almeno “anno zero” lascia spazio al contraddittorio… vergogna!
Se questo fosse sul serio il punto di vista di chi abita al Nord..saremo una regione di merdosi razzisti…fortunatamente non è così!



5. francesco ha scritto:

14 febbraio 2009 alle 00:16

E’ facile parlare o affrontare problemi di vario genere seduti con la gamba a cavallo una bella giacca e con 15 o 20mila euro al mese, come molti italiani i nostri problemi non sappiamo come risolverli. Si parla sempre di un’italia in crisi ma quando si discute chissà perchè si generalizza sempre e si allarga sempre il problema espandendo il problema sempre altrove. Stiamo malissimo e andrevo verso lo sfascio totale, non so come arrivare a fine mese non posso permettermi di comprare neanche 1kg di carne se solo penso quello che mi hanno insegnato a scuola durante la mia infanzia che i valori della repubblica italiana era la famiglia e il lavoro, allora signori parlamentari vergognatevi di esistere grazie a voi stiamo muorendo dalla fame. Francesco da Messina…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.