18
marzo

HO IMPARATO UNA CANZONE: CON MATILDE BRANDI TORNA IN TV IL BABY TALENT IN VERSIONE LOW COST

Matilde Brandi

Se pensavate di esservi liberati dei bambini canterini che in queste ultime stagioni hanno invaso la tv, sbagliavate. I tanto amati e altrettanto criticati baby talenti, continuano imperterriti ad occupare il piccolo schermo anche nel primaverile palinsesto ormai alle porte. Tranquilli, non sta per partire una nuova edizione di Ti lascio una canzone, magari priva della firma autorale di Eddy Martens e neppure un nuovo appuntamento di Io canto, ipotesi piuttosto improbabile, visti i molteplici impegni lavorativi del conduttore da record Gerry Scotti.

I baby cantanti di età compresa tra i 5 e 16 anni, pronti a sfidarsi a colpi di ever green per ben 13 settimane, sono i protagonisti  dello show Ho imparato una canzone, in onda in prima serata su Canale Italia dalla scorsa domenica. Il programma, come intuibile sin dal titolo decisamente poco originale, s’ispira ai prestigiosi show targati Rai e Mediaset,  pur non potendo contare sugli stessi mezzi e lo stesso budget a disposizione per la realizzazione. In altre parole, una versione low cost, dove l’Auditorium di Napoli e la tecnologica tensostruttura  di Canale 5, lasciano spazio al più modesto studio dell’emittente padovana.

Il programma giunto alla sua seconda edizione, vede come padrona di casa la showgirl Matilde Brandi, che dimenticati i grandi show con Panariello e Celentano si ricicla nei panni di conduttrice occupando il posto che fu di Povia, conduttore della prima edizione. Alla  Brandi spetta il compito di presentare i talenti in erba e interagire con la giuria tecnica (composta nella prima puntata da Luisa Corna e Ivan Cattaneo) e con quella popolare, che insieme decretano la canzone vincitrice della serata. Tra un’esibizione e l’altra non mancano gli spazi comici affidati a Fabrizio Fontana.

Ho imparato una canzone appare una “palese scopiazzatura” dei due baby talent più noti, ma attenzione, curiosando tra i titoli di coda, si viene a scoprire che la trasmissione è prodotta dalla Remida Records. La società già nel 2007, quindi prima della nascita di Ti lascio una canzone, avvenuta nel 2008, realizzò una manifestazione con l’obiettivo di ricercare giovani talenti nel canto, intitolata pensate un po’ Io canto. La finale del concorso fu condotta da Valerio Merola e Perla Pendenza su Rai 2. La stessa Pendenza ha poi affiancato il cantante Povia nella conduzione della prima edizione di Ho imparato una canzone, nella quale, con l’incarico di giurato figurava Valerio Merola. Difficile capire quindi, chi abbia partorito per primo l’idea del baby talent. Tra l’altro, la Remida Records ha anche prodotto La giostra sul 2, sfortunato programma ideato e condotto dallo stesso Merola  la scorsa estate su Rai 2. All’interno del programma vi era un piccolo spazio culinario, condotto neanche a dirlo, proprio dalla Pendenza. Insomma una gran bella confusione.



Articoli che potrebbero interessarti


DM Live 24 3 Ottobre2010
DM LIVE24: 3/10/2010. CI ASSALE UN DUBBIO: COSA HA FATTO AL LABBRO RUDY ZERBI?


Massimo Di Cataldo
Il cast di Tale e Quale Show 2018


Federica Citarella ieri
Come sono diventati i bambini della fiction italiana – Foto


Keshia Knight Pulliam (Rudy Robinson) oggi
Come sono diventati i bambini delle serie TV – Foto

17 Commenti dei lettori »

1. Domy-paolaperego ha scritto:

18 marzo 2011 alle 13:56

Il Ti lascio una canzone dei “poveracci” come direbbe la d’urso!



2. Nina ha scritto:

18 marzo 2011 alle 14:16

Sarà la “sagra del cattivo gusto”.



3. Nicola ha scritto:

18 marzo 2011 alle 14:31

Insomma, Canale Italia si dimostra rete inorgogliosa per il Veneto, assieme a La9 e suoi cloni.



4. Daniele Pasquini ha scritto:

18 marzo 2011 alle 14:43

Ho visto per “deformazione professionale” la precedente edizione. La Pendenza ha un accento piuttosto “marcato” però non mi dispiaceva tutto sommato (Povia era un valletto, veramente poco interessante nel ruolo). Ma è stata fatta fuori, sarà impegnata in altro probabilmente.



5. Clà ha scritto:

18 marzo 2011 alle 16:14

Cmq se la Rai vuole eanche mediasert potrebbero fare die talent (nn per bambini però) a basso costo evidentemnte queste idee nn vengono



6. simonevarese ha scritto:

18 marzo 2011 alle 18:00

Per la versione “sfigata” del programma anche i bambini saranno più “sfigati”?



7. lauretta ha scritto:

18 marzo 2011 alle 18:47

A me qualche volta è capitato di vederlo. Roba da ’sagra di Ariccia’..



8. Nina ha scritto:

18 marzo 2011 alle 19:15

@ simonevarese: veramente bella, complimenti.

Comunque a Canale Italia c’è già un gruppo di sfigati, quelli di Cantando Ballando, in cui ci sono delle vecchie in minigonna, ultratruccate, con extensions, un’obbrobbrio.



9. Salvatore Cau ha scritto:

18 marzo 2011 alle 21:23

Cantando e Ballando è un appuntamento cult della rete!!!
Il logo tra l’altro ricorda quello di Ballando con le stelle.



10. Daniele Pasquini ha scritto:

18 marzo 2011 alle 22:20

Mi rispondo da solo:
Perla Pendenza sta girando a Milano il film tratto dal libro ‘Voglio un mondo rosa shokking’, sarà la coprotagonista.



11. Daniele Pasquini ha scritto:

18 marzo 2011 alle 22:26

La cosa curiosa è che è evidente che Canale Italia sta investendo, e pure tanto. Però i risultati lasciano veramente il tempo che trovano. Peccato.



12. Salvatore Cau ha scritto:

18 marzo 2011 alle 22:47

@Daniele

Perla Pendenza praticamente conduce qualsiasi trasmissione prodotta dalla Remida Records. Dai baby talent, ai programmi di motori, dai varietà comici ad una specie di linea verde. Se vai sul sito della Remida, che tra l’altro mi pare faccia pure da sua agenzia, il nome della pendenza figura in qualsiasi trasmissione.



13. Daniele Pasquini ha scritto:

18 marzo 2011 alle 22:52

Cau Cau, ho seguito le vicende della Remida per filo e per segno :-).
La Pendenza è gestita proprio dalla Remida, che l’ha piazzata praticamente ovunque!
Io l’ho detto: “a me… me piace”. Nulla di eccezionale ma la trovo affascinante.

Certo, rimane il fatto che a ‘Ho imparato una canzone’ c’è stato un vero e proprio salto di qualità quest’anno: Matilde Brandi alla conduzione, Luisa Corna in giuria…



14. Salvatore Cau ha scritto:

18 marzo 2011 alle 22:56

sei un carampano di Perla Pendenza, come io lo sono di Vania Della Bidia ah ah ah



15. Franco2 ha scritto:

19 marzo 2011 alle 15:17

Contento per la Brandi, che è una grandissima professionista e noi meritiamo di vederla di più in tv, ma l’ennesimo talent show, e per di più sui bambini, mi fa venire il latte alle ginocchia.



16. anna81 ha scritto:

25 marzo 2011 alle 14:30

“ho imparato una canzone”,la prima puntata e’ stata bellissima e i bambini erano bravissimi….ora anke se e’ un imitazione ke importa,basta ke piace,i bambini meritano la brandi anche e allora dov ‘e’ il problema?io credo ke le persone non abbiano niente da fare e allora si mettono a giudicare,e non e’ nemmeno bello x ki legge i commenti non positivi se ne fa parte del programma……vediamo e su “io canto” e “ti lascio una canzone” che avete da dire?



17. puffo emiliano ha scritto:

30 marzo 2013 alle 13:52

ma secondo voi e giusto mettere a confronto una rete che si impegna come canale italia anche se con budget ridotto con mamma rai (di stato) o canale 5 (di Fininvest)??? viva canale italia siamo tutti con te !!!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.