1
marzo

CI HA LASCIATO CARLO BIXIO, PRESIDENTE DI PUBLISPEI.

Sissi

Proprio mentre aspettiamo i dati Auditel di una fiction campione d’ascolti come ‘Atelier Fontana – Le sorelle delle Moda’, ci giunge notizia del passaggio a miglior vita di un celebre produttore di fiction cult del nostro Paese.

A soli 69 anni, a causa di un malore improvviso, ci ha lasciati ieri Carlo Bixio, a capo di quella Publispei che con Un Medico in Famiglia, I Cesaroni, Tutti Pazzi per Amore – dopo essere stato per anni a capo del Festival di Sanremo – è entrato di diritto tra i big della fiction italiana, lavorando con successo tanto in Rai quanto in Mediaset.

Bixio era nato a Milano il 18 dicembre 1941 da una famiglia storica, quanto a tradizioni musicali. Il padre, Cesare Andrea Bixio, è stato tra gli inventori della canzone italiana: tra i suoi motivi più noti `Parlami d’amore Mariù`.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Antonello Falqui con le gemelle Kessler
Antonello Falqui, i 10 programmi che hanno fatto la storia del varietà


Elda Lanza
E’ morta Elda Lanza. Addio alla prima presentatrice della tv italiana


Maria Perego e Topo Gigio
Maria Perego è morta. Addio alla «mamma» di Topo Gigio


Beppe Bigazzi
E’ morto Beppe Bigazzi

7 Commenti dei lettori »

1. CLà ha scritto:

1 marzo 2011 alle 11:20

R.I.P, una grande perdita pe rle fiction italiane , mi dispiace tantissimo



2. ANGELO ha scritto:

1 marzo 2011 alle 11:26

GRANDE PERDITA PER LO SPETTACOLO ITALIANO MA LE SUE PRODUZIONI CONTINUERANNO A VIVERE



3. Davide Maggio ha scritto:

1 marzo 2011 alle 14:23

GARIMBERTI:

“Sono profondamente addolorato per la scomparsa di Carlo Bixio. Il tratto gentile e da gran signore del suo carattere mi hanno colpito sin dalla prima volta che l’ho incontrato. Era un professionista di grandissima versatilità che ha sempre saputo coniugare la qualità con il gusto popolare, come dimostrano le numerosissime testimonianze di cui ha disseminato la storia della Rai e di tutta la televisione italiana”.



4. Davide Maggio ha scritto:

1 marzo 2011 alle 14:23

CAPPON:

“Ho perso prima di tutto un amico. Carlo Bixio era un uomo straordinario, di grandissime qualità umane e professionali. La passione che metteva in tutto ciò che faceva, il suo carattere straordinariamente cordiale, la sua capacità di lettura del mondo attraverso i prodotti che realizzava per la televisione, tutto questo faceva di lui una persona unica. Un signore d’altri tempi per modi ed eleganza, un professionista appassionato quando parlava di lavoro. Ma anche un uomo di grandissima umanità, capace di ascoltare e aiutare le persone in difficoltà. Credo che mancherà a tutti quelli che lo hanno conosciuto e a quelli che hanno avuto il privilegio di lavorare con lui”.



5. Davide Maggio ha scritto:

1 marzo 2011 alle 14:24

DEL NOCE:

Con Bixio abbiamo avuto un rapporto molto intenso sia nei sette anni di Rai 1 che nei tre di Rai Fiction . Un grande produttore per lo spettacolo italiano, non a caso molte edizioni del Festival di Sanremo sono state firmate da lui.

Personalmente lo ricordo come un vero produttore all’antica, le sue fiction erano curate nei minimi particolari e caratterizzate da una continua ricerca di linguaggi sempre diversi, pensiamo solo alla scommessa di Tutti Pazzi per Amore, atipico per il pubblico di Rai 1 e oggi uno dei punti fermi delle produzioni seriali.

Umanamente lo ricordo come una persona squisita .Con lui anche le inevitabili divergenze che a volte possono sorgere nei rapporti di lavoro , venivano risolte sempre con grande civiltà. Con Bixio scompare una delle persone che ha saputo affrontare il lavoro con passione e competenza.



6. mimmo1978 ha scritto:

1 marzo 2011 alle 16:27

Una gran perdita per le fiction italiane. Però c’è una curiosità. Una sera durante Sanremo era passato il promo di un medico in famiglia 7 che poi non si è più visto nei giorni seguenti. Forse si è deciso di posticipare la fiction?



7. *Elena* ha scritto:

1 marzo 2011 alle 20:08

Una grande perdita per la fiction italiana. Aveva creato degli ottimi prodotti per la nostra tv.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.