31
gennaio

LE MILLE VERITA’ DEI SALOTTI TELEVISIVI

Teatro Parioli

Una premessa è doverosa prima di accingermi ad argomentare questo articolo. DM è un blog che parla di televisione: appunto per questo, cercheremo di attenerci rigorosamente a tutto ciò che riguarda le dinamiche narrative inerenti a fatti o vicende che ci vengono giornalmente (aggiungerei esageratamente) propinati nei cosidetti salotti televisivi (ormai purtroppo veri motori trainanti, in termini di ascolti, di molte delle reti generaliste e non solo). Nostra intenzione è quella di dimostrare come un certo fatto possa diversamente essere “metabolizzato e recepito” da uno spettatore qualsiasi attraverso l’utilizzo di tecniche precise, o costruite ad arte, per alterare, manipolare, condizionarne la percezione del concetto di verità. Tali subdole e a volte capziose tecniche vanno dall’uso della satira come passepartout per ogni argomento, anche il più scabroso, al conduttore stesso del programma: ce ne sono di tutti tipi e modelli. Facciamo un giochino? Vediamo se riuscite ad individuarli…

C’è il finto buonista con il vestitino da primo della classe e la barbetta curata, il bravo ragazzo occhialuto della porta accanto che tutte le madri vorrebbero come genero, c’è l’astioso ed egoriferito Capopopolo, griffato Armani, con tutte le sue truppe cammellate pronte ad azzannare chiunque passi da quelle parti; continuiamo col direttore dall’orobica inflessione dichiaratamente schierato, perennemente imperturbabile e sempre assolutamente documentato, il sottile giornalista prestato temporaneamente alla televisione, bravissimo nel suo mestiere, ma con ancora qualche anno di gavetta per definirsi un “principe dei talk show”, c’è il direttore frou frou che balla canta e diveggia con gli ospiti tra fornelli, pantaloni scozzesi e risate che però, quando c’è da “fare politica rosa tendente al fucsia” non è certo uno che si tira indietro, c’è il Leonardo Da Vinci dei salotti televisivi, l’inventore , colui che del talk show ne ha fatto un’arte e finiamo con il Richelieu della Tv di Stato, uomo temuto, trasversale. Lui va dove c’è il Potere. E il Potere? Va dove c’è Lui… ( siete riusciti ad individuarne qualcuno?)

Ma continuiamo la nostra carrellata di mezzi subdolamente utilizzati: uso sapiente delle luci, stacchi di camere e primi piani particolarmente ad effetto, volti a esasperare una certa situazione; immagini di forte impatto emotivo, di solito trasmesse sul ledwall durante l’intervento di un certo ospite; scelta e composizione del parterre degli ospiti (fondamentale), “lancio” improvviso di un break pubblicitario da parte del conduttore subito dopo aver rivolto una domanda particolarmente insidiosa senza prima averne ricevuto risposta (il tempo del break pubblicitario permette di attenuare il pathos in studio, ma fondamentalmente fa perdere “peso specifico” alla esaustività della risposta. Floris è un genio nell’uso di questa tecnica: fateci caso).

Ma gli escamotage possono proseguire ad libitum: dallo stacco delle telecamere su particolari apparentemente insignificanti (il colore della calza, la ruga, una smorfia di imbarazzo, un cenno di diniego), continuando con il privilegiare interventi di alcuni ospiti a scapito di altri, sovrapposizioni delle voci degli astanti per rendere poco chiare, da casa, certe risposte chiarificatrici, fino ad arrivare a moltiplicare l’immagine dell’intervistato su tutti i monitors dello studio creando una sorta di angosciosa moltiplicazione e reiterazione dell’immagine al fine di accrescerne gli effetti drammaturgici: tutti questi esempi sono solo alcuni degli artifizi che si possono usare, all’insaputa dell’inconsapevole telespettatore, che tuttavia viene, senza saperlo, condizionato subliminalmente, ricevendone una rappresentazione artatamente distorta dell’oggettività di un fatto.

Ciò che stiamo tentando di spiegare non vuole essere una presa di posizione riguardo a fatti di cronaca nera (Avetrana, Meredith), politica (Rubygate, case o Bunga–bungalow a Montecarlo, intercettazioni o quant’altro). Ciò che ci preme, per concludere, è allertare ed informare i lettori come il mezzo televisivo non sia solo banalmente un semplice elettrodomestico o un alleviatore fedele di “stati di solitudine esistenziale” ma, se usato in modo abile, furbo e a volte impietosamente disonesto, possa essere un mezzo molto più subdolo e pericoloso di altri media palesemente schierati e quindi logicamente superfaziosi. Terminerei parafrasando una citazione del Senatore Andreotti: “la televisione logora chi non la fa… onestamente”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


applausi
BASTA APPLAUSI NEI TALK SHOW. MASI CHIEDE AI CONDUTTORI L’IMPARZIALITA’ NEI DIBATTITI POLITICI


la7_dhsj2454
SU LA7 AL VIA TRE SPECIALI SULLE ELEZIONI REGIONALI CON ANTONELLO PIROSO


Talk Show Politici
IL CDA RAI CONFERMA LO STOP AI TALK SHOW: LA PALLA PASSA ALLA COMMISSIONE DI VIGILANZA


Piero-Badaloni
AVANTI IL PROSSIMO: PIERO BADALONI SU TV2000 PUNTA SU PERSONE E IDEE PER DISTINGUERSI DAI TALK ESISTENTI

11 Commenti dei lettori »

1. Pape Satan ha scritto:

31 gennaio 2011 alle 17:32

bravo ragazzo occhialuto = Floris

capopopolo griffato = Santoro

orobico = Belpietro

giornalista senza gavetta = Vinci

direttore frou frou = Signorini

Leonardo da Vinci = Costanzo

Richelieu = Vespa



2. massimo dorati ha scritto:

31 gennaio 2011 alle 17:48

quasi tutto giusto ne hai toppato uno



3. massimo dorati ha scritto:

31 gennaio 2011 alle 17:50

e non ne hai beccato un altro , il primo



4. Eugenio ha scritto:

31 gennaio 2011 alle 17:52

Infatti nessuno in Italia sa (e vuole) fare le interviste come Larry King: un tavolo, due persone, senza nessuno schermo o ledwall (Fazio invece ha una scenografia intera cangiante)…. Quelle sono interviste in cui esce fuori REALMENTE l’intervistato, oltre alla bravuta dell’intervistatore



5. lauretta ha scritto:

31 gennaio 2011 alle 19:15

Parole sante!!



6. Fede ha scritto:

31 gennaio 2011 alle 19:50

il sottile giornalista prestato temporaneamente alla televisione = salvo sottile?



7. massimo dorati ha scritto:

31 gennaio 2011 alle 19:59

gianluigi paragone



8. Franco2 ha scritto:

31 gennaio 2011 alle 21:35

Quello con la barbetta dovrebbe essere Luca Telese.



9. massimo dorati ha scritto:

1 febbraio 2011 alle 00:36

telese ha i baffetti . fabio fazio



10. Cristian Tracà ha scritto:

1 febbraio 2011 alle 00:48

mi piace questa idea di far riflettere con semplicità su alcuni particolari che lo spettatore medio magari trascura



11. Euforione ha scritto:

1 febbraio 2011 alle 11:17

Che la televisione logori chi non la fa, lo pensano solo quelli che la fanno, che l’hanno fatta o che aspirano a farla.
Lo scarso livello degli ascolti delle tv generaliste lo dimostra.
Chi soffre di solitudine esistenziale (consapevolmente o meno )
è lo spettatore ideale a cui fanno riferimento le reti Rai e Mediaset.
Tutti gli altri dirottano la loro attenzione altrove ( un altrove molto ampio ) e quando guardano i cosiddetti programmi di approfondimento di queste reti ( facendone lievitare gli ascolti ) lo fanno con lo spirito di chi guarda un reality show finalmente autentico anche se desolatamente tale. Le uniche valutazioni da trarne sono di tipo antropologico.
La gente non è così disponibile a farsi permeare dalle verità costruite ad ” arte ” .



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.