25
novembre

RAI5: L’AZIENDA PUBBLICA INVESTE TUTTO SULLA CULTURA (E DIMENTICA GLI ALTRI CANALI DIGITALI?)

Rai5

Rai5

E mentre un nuovo (Mediaset) Extra apre, un vecchio (Rai) Extra chiude. Per far posto ad un nuovo canale, si intende. Con il passaggio di Milano al digitale terrestre, che avverrà dal 26 novembre, l’azienda pubblica ha deciso di celebrare l’atteso evento inaugurando un secondo canale semigeneralista che, siamo certi, farà felici molti degli sfegatati del “servizio pubblico” in senso stretto: Rai5.

Diretto da Pasquale D’Alessandro (ma la nomina non è stata ancora ufficializzata dal CDA Rai), uno dei “figli di” Carlo Freccero, con la supervisione del ViceDG Antonio Marano, Rai5 sarà il canale “della cultura e delle culture” e proporrà all’interno del proprio palinsesto documentari, programmi di intrattenimento, concerti, cinema d’autore, eventi culturali (tra cui la prima de La Scala) e svariati magazine “prodotti in casa”. Un investimento consistente, forse più di quanto immaginassimo, per quello che diventerà, in collaborazione con il Comune di Milano, il canale ufficiale dell’Expo 2015.

Tanti i protagonisti del neonato canale che si alterneranno in prime time (e durante la giornata) e che ci racconteranno a modo loro tutto ciò che concerne la “cultura”. Ma vediamo assieme come sarà strutturato il prime time di Rai5:

Il venerdì sarà dedicato completamente ai viaggi e ad aprire le danze ci penserà Benedetta Mazzini (con la partecipazione di Enzo Iacchetti, La Pina e Max Gazzè) con Africa Benedetta, un reportage sull’Africa dove verranno svelate la storia e le curiosità di questo continente. A seguire Spain on the Road con Gwyneth Paltrow e Megalopolis di Francesco Conversano e Nene Grignaffini, la cui prima puntata sarà dedicata a Tokyo. Sabato a tutta danza con Kledi Kadiu che ci racconterà l’universo danza con Step Passi di danza e a seguire una piece teatrale (le prime tre saranno: Sarà una bella società, La lunga notte del Dottor Galvan e Il sogno del Principe di Salina) introdotta da un personaggio dello spettacolo. La musica la farà da padrona nella serata della domenica con Rock e i suoi fratelli condotto da Omar Pedrini che introdurrà un concerto di musica rock o pop e un documentario sugli artisti musicali del nostro tempo (Rolling Stones e John Lennon saranno i primi due appuntamenti).

Lunedì toccherà ai documentari sui protagonisti del nostro secolo (ma prima Gualtiero Marchesi ci illustrerà la cucina italiana) mentre martedì sarà la volta del cinema d’autore (Io non sono qui, L’appartamento spagnolo e 21 grammi i primi titoli). Il mercoledì la serata sarà dedicata all’Italia e al made in Italy con Emporio Daverio, condotto da Philippe Daverio, che ci illustrerà le meraviglie del nostro paese; Il bello, il brutto e il cattivo, realizzato da Gregorio Paolini, dedicato alla creatività italiana e infine Spiriti Liberi, con una serie di omaggi ai personaggi “spiriti liberi” dell’Italia. Il giovedì sarà appannaggio di Renzo Arbore con Arbore e gli aborigeni, in cui alcuni personaggi dello spettacolo ci racconteranno il famoso autore e conduttore televisivo, e Doc Memories, in cui Elio e le storie tese introdurranno le puntate più interessanti del programma musicale di Renzo Arbore dedicato alla musica live.

Durante la giornata gli altri appuntamenti saranno: Cool tour con Carlo Massarini, Incontri ravvicinati (da Magazine sul 2) con Antonello Aglioti, Passepartout (Quasi tout) con Philippe Daverio, Amori di Simona Ercolani e QB Quanto basta con Natascha Lusenti.

Come abbiamo già detto, non mancheranno i documentari targati RaiCinema e Rai3 (Surfin’ Torino, A proposito di Suso Cecchi D’Amico e Dante Ferretti lo scenografo italiano, i primi titoli) che, assieme alla musica d’arte (il teatro musicale, le opere di Giuseppe Verdi e i concerti dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai di Torino), faranno da “collante” per tutto il palinsesto.

Una tv in tutti i sensi quindi, come recita il claim del canale. La nostra speranza però è che tanta attenzione e investimento vengano riposti anche nei restanti canali all digital dell’azienda pubblica, alcuni dei quali (Rai4 in primis, sempre più abbandonato a sè stesso) richiedono a gran voce nuova linfa prima di diventare dei meri contenitori di repliche di cui francamente ne abbiamo abbastanza.



Articoli che potrebbero interessarti


Rock e i suoi fratelli
ROCK E I SUOI FRATELLI: CON OMAR PEDRINI SU RAI 5 E’ TUTTA UN’ALTRA MUSICA.


Festival di Sanremo 2018
Festival di Sanremo 2018: i 20 big in gara


Rai5
RAI5: NEL NUOVO PALINSESTO ARTE, TEATRO E CINEMA D’AUTORE. OGGI, LA PRIMA DELLA SCALA IN DIRETTA


Omar Pedrini
POP! VIAGGIO DENTRO UNA CANZONE: OMAR PEDRINI TORNA QUESTA SERA SU RAI5

12 Commenti dei lettori »

1. lele ha scritto:

25 novembre 2010 alle 18:33

la rai ha 13 canali “commericali”, ma credo che andrebbero razionalizzati: ad esempio si potrebbero unire rai gulp e rai yoyo, oppure chiudere rai sport 2 o rai scuola che non hanno futuro e sono solo una spesa per i contribuenti.

1 domanda: ma domani chiuderà anche rai premium? sapevo che il canale sarebbe stato unito a rai movie ma poi non s’è saputo più nulla



2. ale88 ha scritto:

25 novembre 2010 alle 19:35

@ lele
rai premium rimane, anche perché è uno dei canali digitali rai che fa più ascolti e sarebbe un suicidio chiuderlo



3. lordchaotic ha scritto:

25 novembre 2010 alle 20:30

Premium resta come canale per le fiction!

I canali dell’offerta rai saranno 14!

Rai scuola prossimamente verrà chiuso visto che il suo share è sempre sullo 0%

Condivido pure io che di canali sportivi ne basterebbe uno solo, mentre per rai yoyo e rai gulp, assolutamnte contrario. Essendo rai servizio pubblico deve garantire canali per bambini. uno di fascia prescolare e uno per ragazzi più grandi



4. ester ha scritto:

25 novembre 2010 alle 20:32

E’ una vergogna che il canale RaiExtra chiuda! La replica di trasmissioni Rai dei giorni precedenti che non avevo potuto vedere era per me importante ed avevo acquistato un decoder a questo scopo!
Siamo sempre alla “coperta corta”. Sono veramente amareggiata
Ester (Livorno)



5. tinina ha scritto:

25 novembre 2010 alle 20:44

Concordo perfettamente con Ester: RAI EXTRA così com’è adesso è molto interessante, da quanto annunciato diventerà di una noia mortale!



6. Daniele Pasquini ha scritto:

25 novembre 2010 alle 20:46

ester – tinina
Ci sono già Rai.tv, Rai Replay e Rai Replay On Demand (sui decoder compatibili). Che altro volete di più?



7. Antonio B ha scritto:

25 novembre 2010 alle 22:25

ad un anno al passaggio al DTT niente rai 5… una sola parola: vergogna!



8. tinina ha scritto:

26 novembre 2010 alle 07:13

@ Daniele Pasquini

Io Rai replay e Rai replay on demand non li prendo!



9. Nicola47 ha scritto:

26 novembre 2010 alle 07:55

@Daniele pasquini

Ti sei chiesto Perchè Mediaset ha creato Mediaset extra?
Io si.
Farebbe bene la Rai a far tornare Rai extra.
Lo spazio c’è.
Spero che la Rai utilizzi lo spazio che ha sui suoi mux e che attivi il mux Rai 4 in tutte le aree swich off altrimenti il canale Rai 5 farà sicuramente pochi ascolti.



10. ale88 ha scritto:

26 novembre 2010 alle 08:10

@ tinina

rai replay è su internet…



11. tinina ha scritto:

26 novembre 2010 alle 10:08

@ ale88

Grazie! Questo vi fà capire quanto io mi intenda di queste tecnologie moderne!!!



12. Diegoz ha scritto:

27 novembre 2010 alle 14:02

@titina
Rai Replay versione on demand per la tv c’è, ma è necessario avere un dispositivo apposito nel tv o un decoder predisposto (con accesso ADSL) per vederlo (E’ un servizio tipo LA7 On Demand)

@Daniele Pasquini
E’ vero che c’è Rai Replay (ver. web e Tv) però non tutti hanno voglia e possibilità di spendere soldi per comprare dispositivi appositi. Rai Extra era un canale utile e adatto per tutti per rivedere alcuni programmi storici e repliche per chi si fosse perso qualche programma trasmesso durante la settimana



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.