28
ottobre

LOST SU RAI4: LA SERIE CULTO RIPARTE IN ACCESS PRIME TIME DALLA PRIMA STAGIONE.

Lost su Rai4

Un altro tassello viene collocato nel perfetto mosaico di Rai4: Lost debutta questa sera sulle frequenze del digitale terrestre nell’insolito slot dell’access prime time con cadenza quotidiana a partire dalla prima stagione. Si sa, ormai il futuro è del digitale, ed il canale diretto da Carlo Freccero si conferma uno dei più all’avanguardia dell’intera piattaforma potendo contare su un’intelligente programmazione che strizza l’occhio agli appassionati di serialità americana.

In una recente intervista, peraltro, il direttore ha parlato proprio dei “quattro quadranti” in cui si articola il palinsesto dell’emittente: sci-fi, teen, seralità d’autore e produzioni indipendenti (quest’ultimo, a dir la verità, è ancora in fase di studio) ed ha definito Lost “la serie dispositivo che incrocia tutti i quadranti che ho costruito e che esplicita bene cosa significa programmazione culto”.

C’è grande curiosità di capire se l’ascolto ottenuto dalla serie sarà in linea con gli alti parametri raggiunti da Rai4, che arriva a sfiorare l’1% di share in prime time, e si rivelerà all’altezza di un prodotto tanto popolare ed apprezzato quanto penalizzato nella collocazione e nei risultati ottenuti nella programmazione in chiaro. Più che ai fedelissimi (che magari guarderanno sporadicamente qualche episodio), crediamo che la scelta di Freccero abbia lo scopo di permettere a coloro i quali hanno sentito parlare di Lost – ma non l’hanno mai seguito – di appassionarsi alle avventure dei naufraghi sopravvissuti alla caduta del volo Oceanic 815.

Il fatto che la programmazione riparta dallo storico episodio 1×01 è un’opportunità in tal senso, dal momento che non si tratta di una serie da potere iniziare a guardare in corso d’opera (a meno che non si voglia subire un esaurimento nervoso). E l’orario è sicuramente più comodo rispetto a quello notturno scelto dai Rai2 per mandare in onda le repliche del telefilm

Come dicevamo, Lost si aggiunge ad una gamma di telefilm di qualità in onda su Rai4 che può definirsi estremamente ricca, tra i quali spiccano titoli come Weeds, Breaking Bad e Mad Men: se tanti indizi fanno una prova può ben dirsi che la serialità ha un futuro (oltre che sul satellite) anche sul digitale terrestre e che queste piattaforme fungono da medicina alla crisi che il genere attraversa sui canali generalisti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


mad_men
MAD MEN: RAI4 PUNTA ANCORA UNA VOLTA SULLA QUALITA’ DELLA PROGRAMMAZIONE


La Unidad - Hamid Krim
La Unidad: su Rai4 la serie spagnola sull’antiterrorismo


For Life
For Life: arriva su Rai 4 il dramma carcerario con 50 Cent tratto da una storia vera


Il Principio del Piacere - Rai 4
Il Principio del Piacere: su Rai4 si cerca un serial killer internazionale

10 Commenti dei lettori »

1. Eleonora ha scritto:

28 ottobre 2010 alle 17:50

bravissimo Freccero, l’unico che cerca di”svecchiare” la tv.



2. Zoro ha scritto:

28 ottobre 2010 alle 18:04

io praticamente ho guardato solamente la prima serie per poi mollarlo a qualche puntata della seconda serie perchè stavo perdendo il filo e non capivo più niente, ma visto come ne parlano e il fatto che tutti dicono che sia un capolavoro, questa sarà un’occasione per riguardare la prima serie e vedere in seguito tutte le altre che per me saranno delle prime TV assolute,



3. tinina ha scritto:

28 ottobre 2010 alle 18:20

Ho provato a vedere le prime puntate della prima serie, anche perché adoro tutto quelle che è mistero, ma questo era veramente troppo astruso e il vero mistero è come fa’ ad avere così tanti estimatori. Ha ragione Zoro, ad un certo punto non si capiva più niente.



4. Massimo ha scritto:

28 ottobre 2010 alle 18:59

peccato che qui nel veneto rai4 non c’è :D



5. *Elena* ha scritto:

28 ottobre 2010 alle 19:39

Bell’idea!!! Una volta su rai 2 mi sono beccata anche il mega riassuntone delle prime 5 stagioni in attesa della 6^ ed ultima. Anche lì devo dire che la rai aveva avuto una bella idea, tanto per rifrescare la memoria ai fans del telefilm. Bene bene, dai che qualche volta le buone idea arrivano.



6. simonevarese ha scritto:

28 ottobre 2010 alle 20:55

Io ho cominciato a guardarlo lo scorso gennaio e ora mi mancano gli ultimi 10 episodi dell’ultima serie. è molto impegnativo, bisogna guardarlo molto attentamente altrimenti non ci si capisce più nulla, soprattutto le ultime serie. Ma è davvero troppo appassionante!



7. Jessica ha scritto:

28 ottobre 2010 alle 22:55

io vidi Lost per la prima volta quando Rai2 lo mandò in chiaro e fino alla quarta stagione lo seguii sempre su Rai2…arrivata alla quinta però sinceramente non ce la facevo più ad aspettare così tanto fra una stagione e l’altra e sopratutto trovavo vergognoso la programmazione in piena estate di 3 episodi di fila quindi ho iniziato a guardare le puntate in streaming…la sesta stagione infine l’ho vista su sky perchè ha avuto la grandissima idea di trasmetterla solo con 1 settimana di ritardo con gli Stati Uniti e addirittura l’ultimissimo episodio è andato in onda in contemporanea con gli USA. Insomma…faccio i complimenti a Rai4 che sta dedicando a Lost tutto quel rispetto ke Rai2 gli ha negato e che senza dubbio gli spetta: Lost è la serie più bella ke io abbia mai visto in tutta la mia vita!



8. white ha scritto:

29 ottobre 2010 alle 10:14

w lost.capolavoro



9. otissito89 ha scritto:

29 ottobre 2010 alle 10:17

W rai 4 e W Lost!!



10. sirgeorgebest83 ha scritto:

29 ottobre 2010 alle 16:37

a sentir parlare di lost oramai mi scende la lacrimuccia



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.