21
ottobre

IL GIURI’ DEFINISCE ILLECITA LA PUBBLICITA’ COMPARATIVA MEDIASET PREMIUM, PROMOSSA INVECE LA TALPA DI SKY.

Fiorello, Talpa ugo

E’ un Giurì che si avventura nel campo della critica pubblicitaria quello che oggi ha diffuso le motivazioni della pronuncia con la quale è stata definita la querelle tra Sky e Mediaset Premium in relazione alle pubblicità comparative con le quali le due pay tv si sono date battaglia in queste settimane.

Dov’eravamo rimasti? Nella sentenza del 13 ottobre l’organo chiamato a decidere sulla questione aveva definito lo spot Mediaset in contrasto con l’articolo 15 del Codice di autodisciplina della comunicazione commerciale. Nella motivazione resa pubblica in data odierna, il Giurì ha spiegato la propria decisione motivando che “le offerte non sono omogenee in quanto l’offerta di Sky, quella disponibile a 29 euro al mese, è assai più ricca e varia della parallela offerta della parallela offerta di Premium”. E questo non autorizza la pay tv di Cologno “a fornire al consumatore notizie fuorvianti come indiscutibilmente se si pongono in comparazione prodotti o servizi fra loro disomogenei“. Il giudice per questo motivo ha disposto l’immediata sospensione dello spot in questione. Da registrare che Premium è già corsa ai ripari dal momento che è in onda, proprio in questi giorni, lo spot in cui le zebre “possono solo sognare” la Juventus in Europa League se non sono abbonate al Digitale Terrestre.

Sul fronte opposto, è stata riconosciuta la legittimità dell’utilizzo della talpa Ugo. Proprio in relazione agli spot che vedono protagonista l’animale insieme a Fiorello, il Giurì si traveste da critico pubblicitario definendo questa tipologia di spot “un’intelligente idea creativa volta ad esaltare la ricchezza dell’offerta Sky” che la pay tv può mettere in pratica “avvalendosi di una tecnica pubblicitaria così fine e brillante“.

Da registrare anche la non conformità alle norme di settore dello spot Sky relativo al soggetto “Esci dal buco”, nel quale è stato ravvisato un aspetto denigratorio a causa del fatto che “viene citata espressamente Mediaset Premium” ma la piattaforma satellitare ha già sospeso la messa in onda dello spot in questione. Semaforo verde invece nei confronti delle campagne – contestate da Cologno Monzese nel riscorso inoltrato al Giurì – “Il calcio più bello è solo su Sky” e “Scegli tu il migliore”.

Tra colpi bassi, ricorsi e reciproche accuse di non correttezza si è arrivati finalmente ad una pronuncia che dovrebbe avere puntualizzato i confini entro i quali muoversi nel campo della pubblicità comparativa. Vedremo se gli acerrimi competitor saranno in grado, senza violare le norme che regolano la materia, di produrre nuovi e divertenti spot in cui illustrare e paragonare (la comparazione è lecita) le rispettive offerte.



Articoli che potrebbero interessarti


Sky vs Mediaset
SKY VS MEDIASET: IL GIURI’ BOCCIA LA TALPA UGO E GLI SPOT COMPARATIVI. SKY DIALOGA CON DAHLIA?


Mediaset_premium_vs Sky
MEDIASET PREMIUM “COSTRETTA A RISPONDERE” ALLA PUBBLICITA’ COMPARATIVA DI SKY


Pubblicità comparativa Sky Mediaset Premium
SKY SFIDA MEDIASET PREMIUM: FIORELLO PER LA PRIMA PUBBLICITA’ COMPARATIVA TRA LE DUE OFFERTE PAY.


Sky
Antitrust: Sky può acquisire R2 (ramo Mediaset Premium), ma col divieto di esclusive web

1 Commento dei lettori »

1. marcellina ha scritto:

28 ottobre 2010 alle 10:32

lo avevo sempre detto ke c’era qualcosa ke nn andava in quella pubblicità di mediaset…giustizia è fatta



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.