3
settembre

MERCY: Il MEDICAL DRAMA SULLE INFERMIERE FLOP NEGLI USA DA STASERA SU MYA

Mercy da stasera su Mya

È in arrivo questo venerdì alle 21 su Mya (in replica anche la domenica) Mercy, medical drama targato NBC. Il telefilm, che si compone di una sola serie di 22 episodi, racconta le vicende di tre infermiere che lavorano al Mercy Hospital a Jersey City, New Jersey. Mercy si presenta con l’intento di fornire un diverso punto di vista, poco trattato fino ad adesso nei medical drama, quello delle infermiere di reparto. La protagonista principale Veronica Flanagan Callahan (interpretata dall’attrice Taylor Schilling) è un’infermiera appena rientrata da una missione in Iraq: la sua vita all’interno del Mercy Hospital si complicherà ben presto con l’arrivo del dottor Chris Sands (James Tupper) con cui ha avuto in passato una relazione extra-coniugale dando del filo da torcere all’intenzione di rimettere in sesto il suo matrimonio con Mike Callahan con cui ha una storia d’amore fin dai tempi del liceo.

Le altre due colleghe sono Sonia Jimenez (Jaime Lee Kirchner) fresca di fidanzamento con un poliziotto e la neolaureata, piuttosto impreparata alla nuova mansione, Chloe Payne (Michelle Trachtenberg). L’attrice Taylor Schilling, ancora sconosciuta al grande pubblico, si dice sia stata fortemente voluta come protagonista della serie dopo un provino registrato e inviato su VHS che ha piacevolmente impressionato i produttori esecutivi. Jaime Lee Kirchner invece vanta un passato a Broadway, alcune apparizioni in film come Carlito’s way ma soprattutto la partecipazione come guest star in serie tv quali CSI, Dollhouse e Enemies.

Non ha bisogno di presentazioni Michelle Trachtenberg, indimenticabile Dawn Summers in Buffy l’Ammazzavampiri e amata-odiata Georgina Sparks, nemesi della bella Serena in Gossip Girl. Va segnalata anche una guest star d’eccezione come James Van Der Beek (più noto come Dawson dell’omonima serie tv) che comparirà per 10 episodi nel ruolo del dottore Joe Griggs. La serie ha debuttato nel settembre 2009 il mercoledì sera nello slot delle 20 e dopo essere stata, prima, confermata ad ottobre per l’intera stagione e, quindi, spostata ad aprile 2010, è stata cancellata alla fine della prima serie in seguito ai bassi ascolti subendo lo stesso triste destino dell’altro nuovo medical di NBC, Trauma.

Dopo una buona partenza del pilot attestatosi sugli 8 milioni di telespettatori, la serie ha chiuso i battenti con l’ultima puntata che ne ha raggiunti circa 4, per una media complessiva intorno ai 6 milioni di telespettatori. Il rating sul pubblico attivo 18-49 anni è arrivato anche a toccare punte minime di 1.0.

Oltre al progressivo disinteresse del pubblico americano, la serie è stata anche stroncata dalla critica che l’ha bollata di avere portato sul piccolo schermo una serie di situazioni e cliché già visti. Ad ogni modo, non sarà paragonabile alla freschezza e all’irriverenza della ben più nota Nurse Jackie, non avrà il potere di ricreare quella chimica di azione e sentimento dell’osannato Grey’s anatomy, ma ha comunque la dignità e la piacevolezza di una trama soap, di dialoghi e attori credibili che potranno quindi incontrare i favori del pubblico più femminile a cui si rivolge.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Three-Rivers
THREE RIVERS APPRODA SU RAI 2. BASTERA’ A DARE VIGORE AL ‘VENERDI’ NERO’ DELLA RETE DI LIOFREDI?


Royal_pains
ROYAL PAINS: ANCHE I RICCHI SI AMMALANO. DA DOMANI SU ITALIA1 DOPO DR HOUSE


Waco, serie tv
Waco: armi e subdolo fanatismo nella serie in arrivo su Paramount Network


The OA - Seconda Parte
The OA: nuovi misteri paranormali nella seconda stagione. Dal 22 marzo 2019 su Netflix

5 Commenti dei lettori »

1. Markos ha scritto:

3 settembre 2010 alle 11:09

A me attira…però peccato una sola stagione…



2. zia-assunta ha scritto:

3 settembre 2010 alle 11:30

Finalmente in primo piano la professione infermieristica.



3. tinina ha scritto:

3 settembre 2010 alle 12:38

Ma non bastavano i flop di casa nostra? Ora dobbiamo importare anche quelli americani?



4. Markos ha scritto:

3 settembre 2010 alle 17:07

tinina ma che ragionamento è??



5. silvia ha scritto:

4 febbraio 2015 alle 14:22

A me è piaciuto molto e mi dispiace che non sia stata fatta una seconda serie!!!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.