17
giugno

RAI DIRE GIALAPPA’S: CANCELLATA ANCHE LA TRASMISSIONE DI SANTIN PER INDEBITA PUBBLICITA’

Non c’è pace per la Gialappa’s Band, il trio comico più irriverente della tv nostrana. Dopo la cancellazione di Mai dire Sanremo lo scorso febbraio e quella, molto più “rumorosa”, di Rai dire mondiali dai palinsesti di Radio Rai (per maggiori informazioni clicca qui) è arrivata ieri l’ennesima rottura tra la l’azienda di Stato e il terzetto di Mai dire gol.

Questa volta a farne le spese non è pero la band al completo ma Marco Santin, l’unico “gialappo” rimasto ancora in forze a Viale Mazzini. La sua trasmissione radiofonica, in onda su RadioDue, infatti è stata ieri improvvisamante cancellata dai palinsesti. Il motivo? Il conduttore milanese pochi giorni or sono, mentre era in onda con la sua “Grazie per averci scelto”, sarebbe caduto nell’imperdonabile errore di aver fatto pubblicità non ad una ma a ben due trasmissioni radiofoniche concorrenti.

Santin, infatti, oltre a prendere parte alla trasmissione di Radiodue, è stato chiamato, in occasione dei Mondiali di calcio, alla conduzione di due programmi che vanno in onda rispettivamente su Radio Deejay e su Rtl 102.5. Ecco la dichiarazione “incriminata” del “gialappo” sul finale di trasmissione che ha decretato la chiusura anticipata del programma per indebita pubblicità alla concorrenza:

E’ mezzogiorno e mezza. Tra poco raggiungerò i miei compari su Radio Deejay e più tardi commenteremo la partita dai microfoni di Rtl 102.5

Parte la sigla di chiusura, l’ultima per la trasmissione in diretta dai microfoni di Radiodue: a distanza di poche ore infatti arriva la decisione del direttore Flavio Mucciante che, chiamati gli avvocati dell’azienda, ha fatto comunicare a Santin che “Grazie per averci scelto” non sarebbe andato più in onda. Ma c’e’ di più, oltre al danno anche la beffa: stando a Dagospia la Rai starebbe pensando di avanzare una richiesta di risarcimento a Santin per il danno che quest’ultimo avrebbe inflitto all’azienda pubblica per il “buco” lasciato in palinsesto.

Se la Rai adirà o meno le vie legali non ci è ancora dato saperlo, quello che è certo è che quest’ennesimo episodio sancisce definitivamente la rottura, insanabile per giunta, tra il trio milanese e la Rai e va ad aggiungersi ad una serie di non ancora chiariti episodi che, nei mesi scorsi, hanno portato Santin-Gherarducci e Taranto a parlare di una vera e propria volontà da parte di chi è a capo di RadioRai di voler fare a meno della loro presenza nei palinsesti radiofonici, da sempre garanzia di divertimento e buoni ascolti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Michele Astori - Pif
I palinsesti di Radio Rai 2017/2018


pio-amedeo
EURO 2016: SI ACCENDONO ANCHE LE RADIO. SU RTL RACCONTANO LE PARTITE PIO E AMEDEO


gialappa's band a le iene
LA GIALAPPA’S DOVRA’ PAGARE I DANNI ALLA RAI


Rtl 102.5
Classifica Radio più ascoltate 2019: Rtl 102.5 è prima. Ma la Rai contesta i dati

19 Commenti dei lettori »

1. ale ha scritto:

17 giugno 2010 alle 16:24

e come se non bastasse sul sito di radio2 hanno tolto il link al podcast di ‘grazie per’!!



2. chiara ha scritto:

17 giugno 2010 alle 16:41

i podcast potete recuperarli su “gialappa’s forum…
detto questo,mucciante ha solo usato una scusa debole e ridicola per far fuori definitivamente santin(che non ha mai digerito ed ha ostacolato in tutto e per tutto)…da che mondo e mondo in radio si fanno,certe volte,nomi di altre stazioni e altre trasmissioni…lo fa linus,l’ha sempre fatto FIORELLO…ma evidentemente da santin è un peccato imperdonabile…
mucciante sta distruggendo radio 2 e io,ascoltatrice fedele da anni,non ascolto piu nulla(nell’oramai schifezza di palinsesto)



3. Camus ha scritto:

17 giugno 2010 alle 16:46

Mi domandavo una cosa: ma se l’esclusiva radiofonica dei mondiali ce l’ha RTL 102.5 come avrebbero mai potuto fare Rai Dire Gol su Radio2 se non potevano commentare le partite?



4. sirgeorgebest83 ha scritto:

17 giugno 2010 alle 17:01

siamo al ridicolo………privatizzate questo baraccone



5. stesc86 ha scritto:

17 giugno 2010 alle 17:04

Correggo. La frase incriminata è stata detta nella puntata di Venerdì 11, non martedì 15.



6. Diegoz ha scritto:

17 giugno 2010 alle 17:54

Assurdo…



7. giemmegi ha scritto:

17 giugno 2010 alle 18:22

Avete confermato il mio sospetto.
Quando non ho sentito la puntata alla radio mi sono posto la classica dpmanda: cosa sarà accaduto?
Un nostro amico di blog passa a voi la notizia, e mentre la leggo, mi passa il messaggio di Santin che di lì a poco avrebbe cominciato assieme ai suoi amici della Gialappa’s Band a commemntare i mondiali nelle due radio citate.
Quello che mi ha sorpreso è perchè non su Radio2 come facevano sempre?
Quello che mi fa riflettere è che la “legge del bavaglio” imperversa in TV e anche nella Radio.
Il programma “grazie per averci scelto” programma che con il “Ruggito del coniglio” riempiva la mattina di Radio2, con la soppressione la stessa radio ha perduto infiniti ascoltatori.
Io avevo organizzato la mattinata per non perdere una puntata, anzi l’avevo riorganizzata perchè era stata spostata di 1 ora (dalle 10 alle 11). Vi prego non ridete!!!
Sono vicino a Marco Santin, in quanto ho sempre apprezzato la sua spregiudicatezza e franchezza nel dire le cose in faccia alla gente e non alle spalle o tacere, ben consapevole che rischiava.
La censura impera, anche se qualcuno dice che ce l’hanno tutti con lui.



8. Davide Maggio ha scritto:

17 giugno 2010 alle 18:31

Ragazzi, io sono d’accordo con tutto, ma se pero’ vogliamo anche giustificare il far pubblicita’ su un’emittente ad emittenti concorrenti… siamo all’assurdo



9. Candido ha scritto:

17 giugno 2010 alle 18:39

Davide, come mai non hanno mai cacciato Fiorello che si collegava addirittura in diretta con altre radio?

Innanzitutto Santin non ha invitato gli ascoltatori di radio2 a sintonizzarsi sulle altre radio, ha (incautamente certo) detto che andava a condurre in altre radio. Quindi se vogliamo essere fiscali non ha fatto pubblicità, ha detto una cosa che lo riguarda.
Come dire.. ieri sera ho guardato canale5. Dovrebbero essere cacciati tutti i conduttori che dicono una frase del genere?

Su su… non cerchiamo di difendere la dirigenza di Radiodue, o meglio di Radioset2



10. giemmegi ha scritto:

17 giugno 2010 alle 18:44

Nel programma citato “Grazie….” che era in diretta (qualche volta registrato), si susseguivano telefonate che rispndevano al tema del giorno.
E’ accaduto che qualche ascoltatore fosse di una radio locale concorrente e Marco Santin, non si è tirato indietro per fare pubblicità e gemellaggi con tali radio,
Solo perchè queste due radio viaggiano a livello nazionale, è scattata la soppressione del programma?
Non è questo, …. o meglio, è la goccia che ha fatto traboccare il vaso, o se volete la scusa che non si riusciva a trovare.
Mi ripeto, hanno voluto toglierlo di mezzo, perchè personaggio scomodo.



11. stesc86 ha scritto:

17 giugno 2010 alle 18:49

Ma poi quante volte Luca Sofri ha invitato Linus nel suo Condor; quante volte Fiorello in Viva Radio2 canticchiava i jingles di RDS o Radio Italia; nei giorni scorsi gli Spostati hanno parlato al telefono con un dipendente di Radio Italia, ripetendo il nome della radio più volte; quante volte Striscia si affaccia su RaiUno per prendere premi o no (come nel programma di D’Alessio) con tanto di collegamento dallo studio e loghino in basso a sinistra (quello, per me, è veramente scandaloso)…mah
Mucciante ha solo trovato il pretesto per cacciarlo, era da tempo che lo voleva fare.



12. lele ha scritto:

17 giugno 2010 alle 19:01

per me non è normale parlare di due (non una, due!) emittenti “concorrenti” in un programma radiofonico
se poi mucciante e santin non si comprendevano prima… fatti loro



13. ale ha scritto:

17 giugno 2010 alle 20:03

@ camus

RTL non ha l’esclusiva del mondiale in radio, tant’è che ha comprato i diritti poco tempo fa, molto tempo dopo che li aveva già acquisiti la rai. e inoltre su radio1 vanno in onda le radiocronache di tutte, e dico tutte, le partite del mondiale quindi RTL non può avere l’esclusiva.



14. SaraLurker ha scritto:

18 giugno 2010 alle 00:36

Non comprendo come mai Davide e Lele parlino di fare pubblicità ai concorrenti quando è ormai da anni una cosa normalissima collegarsi o citare programmi di altre emittenti sia un radio che in tv.

L’ho visto fare in rai come in mediaset.



15. sirgeorgebest83 ha scritto:

18 giugno 2010 alle 01:10

davide dice che è fare pubblicità ai concorrenti, ma però io posso rispondere dicendo che la rai aveva una specie di opzione per rai dire gol, e a rigor di logica, dovrei dire che se non l’hanno sfruttata è perchè non l’hanno ritenuta profittevole.
santin ha fatto solo un servizio verso coloro che non sapevano che anche quest’anno c’era un ‘rai dire gol’ chiamato ‘noi dire gol’ su rtl e uno spazio chiamato ‘mai deejay gol’ su radio deejay.
il consumatore dove lo mettiamo?
è assai strano che il tizio di radiorai faccia questo discorso:
1-se ritiene profittevole la gialappa aveva il preciso dovere di riconfermarli,;
2-se non li ritiene redditizi non ha senso questa nuova presa di posizione. sennò io son portato a supporre che ci sia un antipatia per la gialappa’s, che non li abbia riconfermati per una mancanza di professionalità, e che sa che dai competitors otterrebbero comunque un buon successo, e per far si che questo non accada, questi voglia che la gente non lo sappia. mi sembra un atteggiamento infantile, oltre che, ripeto, poco professionale



16. Raffaele1 ha scritto:

18 giugno 2010 alle 08:53

Trovo il comportamento della RAI giusto, non poteva fare altro.
Non la trovo assolutamente censura.
Santin ha commesso un grave errore, se era radio due non doveva dire che trasmetteva anche da RDJ e R102,5, perché un ascoltatatore fisso di radio 2 non sapeva di queste trasmissioni adesso lo sa e può cambiare radio in modo permanente.
Tra le altre cose dirlo a fine trasmissione è come dire: ti è piaciuto il mio programma ? Bene!! Sappi che sono anche su queste radio, praticamente uno spottone per lui e per le radio, che è molto diverso dal canticchiare i jingle di una radio o fare collegamenti con radio locali.



17. William ha scritto:

18 giugno 2010 alle 10:34

La RAI cade sempre più nel ridicolo sia televisivamente che radiofonicamente



18. lele ha scritto:

18 giugno 2010 alle 11:22

scusate, se il presentatore di un programma del mio canale parla degli impegni che ha con altri competitors io m’incavolerei… no?
poi così come è stata detta (“Tra poco raggiungerò i miei compari su Radio Deejay e più tardi commenteremo la partita dai microfoni di Rtl 102.5″) sembra quasi un invito a cambiare stazione
è vero che nelle trasmissioni si parla dei competitors ma viene fatto all’interno di contesti giocosi o comunque in situazioni in cui te lo aspetti. qui era proprio una pubblicità sui programmi di santin



19. CeleTheRef ha scritto:

18 giugno 2010 alle 12:57

Per me ha fatto apposta perchè tre trasmissioni al giorno non sono un impegno da niente. Aveva troppe carte in mano e ha pensato di scartare quella meno gradita.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.