24
maggio

GERRY FESTEGGIA I SUOI 10 ANNI DA “MILIONARIO”

Da dieci anni esatti Gerry Scotti, tutte le sere, domeniche comprese, entra nelle case degli italiani pronto a fare domande al concorrente di turno alla cui risposta definitiva segue l’ormai proverbiale “l’accendiamo?”. Ebbene, questa sera  ad accendersi sugli schermi di Canale5 sarà una puntata speciale di Chi Vuol Essere Milionario in cui si celebreranno i due lustri dalla prima puntata dello storico quiz prodotto da Endemol.

Il 24 maggio del 2000, infatti, lo zio Gerry pronunciava la sua prima domanda al signor Giuseppe Scala da Roma, primo concorrente del quiz che, un po’ per l’emozione, un po’ perchè nuovo ai meccanismi del gioco, non arrivò nemmeno al primo traguardo del valore di 1 milione di vecchie lire. Per festeggiare il decennale Scala sarà presente oggi in studio per la puntata speciale in cui verrà proposto il filmato della sua partecipazione alla prima puntata. Dubitiamo che, nel rivedere quelle immagini, il pubblico a casa potrà trovare delle differenze rispetto ad oggi, se non, forse, per il conduttore, che magari poteva vantare, non ce ne voglia il sempre simpatico Scotti, qualche capello in più e qualche ruga in meno.

Per il resto, infatti, i cambiamenti nella scenografia, nelle luci, e nel meccanismo del gioco, che prevede un escalation di 15 domande fino al traguardo finale di un milione di euro, nel corso degli anni sono stati ben pochi, se si esclude, chiaramente, la conversione della lira in euro che ha modificato anche il titolo della trasmissione nel 2002, da “Miliardario” a “Milionario”, e una piccola modifica nella formula.

In tutte queste puntate solo due concorrenti hanno provato il brivido, oltre alla contestuale gioia, della vittoria finale: la prima, nel 2001, la toscana Francesca Cinelli che si ricorderà per tutta la vita il nome di Albert King che la condusse a rispondere esattamente alla domanda del valore di un miliardo delle vecchie lire e il secondo, nel 2004, lo studente d’ingegneria Davide Pavesi che raggiunse il fatidico traguardo di un milione di euro centrando la domanda su Laplace.

Quello che era partito come un esperimento per l’ammiraglia del Biscione, portare un format di grande successo oltreoceano sui nostri schermi, è diventato, nel corso degli anni, un piacevole appuntamento per il pubblico televisivo, complice, probabilmente, la bonaria conduzione di Gerry Scotti, vero e proprio simbolo del programma assieme al suo team di autori, tra cui annoveriamo il mitico “signor no” del Rischiatutto, Ludovico Pellegrini.

L’appuntamento è quindi per stasera sera alle 18.45 con questa puntata speciale “amarcord” per i dieci anni di “Chi Vuol essere Milionario”



Articoli che potrebbero interessarti


GERRY FESTEGGIA I SUOI 10 ANNI DA "MILIONARIO"
CHI VUOL ESSERE MILIONARIO TORNA L’8 SETTEMBRE


GERRY FESTEGGIA I SUOI 10 ANNI DA "MILIONARIO"
AD UN PASSO DAL MILIONE


Gerry Scotti
Gerry Scotti a DM: «All’inizio pensavo che The Wall fosse un’americanata. Sono felice che La Corrida torni su Rai1 ma io quel linguaggio l’ho superato. Riporterei La Ruota e il Milionario»


gerry-scotti-milionario
Gerry Scotti: «Ci stiamo mettendo d’accordo per rifare ‘Chi vuole essere milionario’»

11 Commenti dei lettori »

1. sepese ha scritto:

24 maggio 2010 alle 13:03

Ennesimo,vergognoso episodio di censura e mistificazione della realtà al tg1: Elio Germano vince il premio migliore attore a Cannes (era dal 1987 che non accadeva ad un attore italiano), e ritirando il premio lo dedica all’Italia e a tutti gli Italiani che fanno di tutto per rendere l’Italia migliore NONOSTANTE LA CLASSE DIRIGENTE. Inutile dire che il suo discorso è stato censurato da Minzolini, che lo ha rielaborato e naturalmente cassato il riferimento alla classe dirigente.
Un altro, l’ennesimo, episodio di un telegiornale con la schiena piegata come non mai, incapace di fare cronaca anche se si tratta di spettacolo, indolente verso tutti coloro che siano contro la voce del padrone. Questa è la condizione misera del più importante telegiornale d’Italia, tra tanti, troppi,ma sempre meno, Italiani che non solo non si indignano, ma addirittura approvano per la deriva, anche televisiva, degli ultimi tempi. PS. W Elio Germano,grandissimo!



2. Davide Maggio ha scritto:

24 maggio 2010 alle 13:17

@ sepese: diciamo anche che subito dopo in studio Romita ha dato lettura della frase. Ora Elio Germano e’ grandissimo per essere andato contro la classe dirigente italiana? Il commento e’ comunque OT, se vuoi riproponilo nel live.



3. sepese ha scritto:

24 maggio 2010 alle 14:06

@ Davide Maggio:
Quando ho definito grandissimo Elio Germano mi riferivo, da cinefilo quale sono, a lui come attore: la sua bravura artistica viene dimostrata film dopo film, e la consacrazione a Cannes è solo l’ennesima di una carriera che, secondo me, lo porterà lontano. E la bravura di Germano, mi dispiace, ma credo sia indiscussa, almeno per chi mastichi anche lontanamente cinema.
Per quanto riguarda la censura del tg1, è davvero strano che l’audio sia saltato proprio nei secondi del discorso di Germano. In genere poi, quando ad un filmato manca l’audio, si interrompe, si chiede scusa per il disagio,e si rimanda il filmato. Ma la cosa più strana (se lallero) è che i tecnici Rai da Cannes abbiano datto che non c’era stato alcun problema tecnico con il filmato, in pratica sbugiardando il TG1. E lo hanno detto (a rischio e pericolo loro) i tecnici della Rai, non il mio lattaio.
Per quanto riguarda poi la lettura di Romita, ti sembra forse lo stesso discorso? E’ molto differente, infatti, dire “gli Italiani che hanno lottato (passato, una volta, chissà quando) nonostante la classe dirigente (quale?boh, non si sa), e dire “gli italiani che lottano (ora, adesso, nunc) nonostante la classe dirigente (governo berlusconi).E’ una cosa differente e di impatto differente, non secondo me, ma proprio in Italiano.
Sul discorso poi che il mio commento sia OT, beh, penso non ci sia alcun problema, dato che succede sempre che ci siano commenti OT e mi sembra che nessuno in questo sito abbia mai fatto problemi per questo.



4. mauriskritch ha scritto:

24 maggio 2010 alle 14:40

davide ma cosa ti succede? è da qualche giorno a questa parte che le tue risposte sono davvero acide.. anche nel post di santoro! capisco che noi utenti a volte siamo davvero fastisiosi (e qualche volta pure offensivi) però capita che qualche tua frecciatina sia davvero fuori luogo!
rispetto a questo pezzo sono contento dei dieci anni del milionario, essendo io uno dei tanti fan dela trasmissione, anche se mi auguro che mediaset riesca a ripensare al preserale di canale 5 il più presto possibile.. già per il 30 agosto, nonostante sia un po’ una corsa contro il tempo!



5. Davide Maggio ha scritto:

24 maggio 2010 alle 14:41

@ mauriskritch: eh si, a volte si arriva alla saturazione!



6. chris_85to ha scritto:

24 maggio 2010 alle 14:58

Ma xk non festeggiamo anke la sospensione di questo programma? questo si che sarebbe un bel festeggiare.. ha rotto enormemente il milionario



7. mauriskritch ha scritto:

24 maggio 2010 alle 16:12

@DavideMaggio: ok ti perdoniamo :-) grazie per la compagnia che mi tiene il tuo blog quaggiù in Cina, dove sono a studiare!



8. Elena ha scritto:

24 maggio 2010 alle 19:35

Rivoglio Passaparole e Tira e Molla!!!!



9. Angelo D'Adamo ha scritto:

24 maggio 2010 alle 22:49

sono 3 anni che attendo ancora la preselezione… avoglia a chiamare e mandare mail! -_-”



10. SaraLurker ha scritto:

25 maggio 2010 alle 00:08

A me il milionario piace per cui sarei contenta qualora tornasse.

@sepese: germano ha smentito oggi di essersi riferito alla dirigenza politica. tanto rumore per nulla.



11. philosopho ha scritto:

2 dicembre 2010 alle 19:22

il solito nulla cosmico…un concorrente bravo ogni trenta e in generale le donne che partecipano che si dimostrano buone solo a darla via. Come si dice dalle mie parti “le donne sono come il pesce: levate loro la testa e poi sarà tutto buono”.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.