1
aprile

ZELIG E LA RICERCA DEL PELO NELL’UOVO: IL PROGRAMMA NON PIACE ALLE DONNE INSODDISFATTE.

 

Zelig si è spento martedi sera lasciando un vuoto incolmabile. Il programma era anziano ma non malandato, anzi, godeva di ottima salute, ma i palinsesti si sa, vogliono così. Sì, perché le cose che funzionano in tv vanno tutelate, protette, quindi centellinate, ibernate per un po’ e poi riesumate. Vorrai mica investire su un’idea nuova?!

 Anche questa volta, il vecchio Zelig ha fatto il suo dovere. Ha chiuso infatti con una media del 24,22% (6.062.000) ed un pubblico di un generalista che di più non si poteva: ci sono i maschi (24,75%) e le femmine (23,79%), ci sono i bambini, quelli in fasce, quelli in età prescolare, quelli da bullismo, e poi ci sono i ggiovani, (quelli che Eurisko chiama “i ragazzi evolutivi”) di tutte le fasce, dai 20 ai 50 anni, ci sono i ricchi e i poveri, i settentrionali e i meridionali (meno), i laureati e quelli col diploma.  L’unica fascia che non cede al fascino del cabaret targato Gino e Michele sono le categorie che Eurisko chiama “i signori equilibrati” e “gli anziani da osteria”, insomma i soliti ultra 55enni, ma tanto a Mediaset quelli non interessano!

E’ così difficile parlar male di Zelig perché con tutto quello che passa in tv, almeno Zelig è innocuo, pulito, simpatico, e ben confezionato, come scriveva il collega Dorati, è “una macchina perfetta”. Eppure, a volte, quando lo guardo mi accorgo che sto invecchiando. Zelig, infatti, mi soddisfa sempre meno. I dati d’ascolto del resto mi confortano e confermano questo trend: le fasce di età più appassionate sono quelle dagli 8 ai 14 anni (35,87%) e quelle dai 15 ai 24 anni (35,99%); ma da lì in avanti si scende gradualmente: 25 – 34 enni al 34,33%, 35 – 44 enni al 32,09% e poi 45 – 54 enni al 28,61% e così via fino alla “fascia villa arzilla” degli ultra 65 enni all’11,67%

Mi rendo conto che Zelig è un programma giovane anche per l’età media dei suoi protagonisti e non scopro l’acqua calda rilevando l’assenza di un pubblico anziano ma questa lieve disaffezione generazionale mi dice anche come, negli anni, Zelig sia diventato sempre più infantile, politically correct,  pulitino, generalista e tormentonizzato. Molti testi e battute sono banali, (solo per citarne una: “festa episcopale” sta per la festa di Tullio de Piscopo!), molti comici minori non sono all’altezza di quel palco, le macchiette, e alcuni travestimenti hanno annacquato l’essenza comica dello Zelig delle origini. Un tempo, il cast era selezionato (non a caso ne sono usciti di talenti comici) e si rideva a crepapelle dall’inizio alla fine ma ora mi accorgo che devo far passare più di qualche performance riempitiva per arrivare ai pochissimi fuoriclasse della risata, che ritornano spesso solo in veste di guest. Come in quest’ultima puntata, (e avevamo capito che era l’ultima anche se non lo avessero ripetuto ogni cinque minuti!), per ridere davvero davanti ad un’idea comica non abbozzata ma pensata ho dovuto aspettare l’ennesimo grande ospite: il formidabile Checco Zalone che è tornato al padre, dopo il grande successo cinematografico, parodiando proprio questo successo: alla Incontrada ha detto “chiamatemi maestro, ora!” (fantastico). In YouTube, dopo poche ore, le views del suo pezzo erano già 20.000.

Programmi con gli ascolti di Zelig non ne nascono più. Alla prossima riesumazione, Gino, Michele non mollate la presa, accontentate pure tutti i target con i tormentoni che vi chiedono ma non dimenticate fenomeni come Ale e Franz e Ficarra e Picone, e non lasciate che una volta lanciati si dimentichino di voi e di noi e tornino su quel palcoscenico come diceva Checco, “solo per quei 100.000 euro che gli ha dato Piersilvio!”

Lo so, parlare dei difetti di Zelig è come parlare dell’alluce valgo della Jolie. Forse sto invecchiando, o forse appartengo a quella categoria che Eurisko nelle sue indagini sugli ascolti, chiama “le insoddisfatte” (a seguire l’ultima puntata di Zelig erano solo l’8%), ma anche noi vogliamo tornare a ridere dall’inizio alla fine.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Zelig Tv
Zelig Tv: si accende l’ennesimo canale televisivo, per giunta «semi generalista» e sul 243


zelig_claudio_bisio_michelle_hunziker
ADDIO ZELIG


Hunziker - De Sica - Zelig
ZELIG EVENT: ASSAGGIO DI VARIETA’ INDIGESTO. MICHELLE HUNZIKER ETERNA SPALLA DI UN CONDUTTORE CHE NON C’E’


Zelig - Sorelle Campanella
ZELIG 2016: LA FESTA DI HUNZIKER E DE SICA INIZIA GIOVEDI 1 DICEMBRE (VIDEO DEL PROMO STILE “LA GRANDE BELLEZZA”)

5 Commenti dei lettori »

1. lauretta ha scritto:

1 aprile 2010 alle 18:56

a me zelig piace ma non mi fa impazzire, è vero! Ma da sempre però..! Non credo sia solo una questione di età ma piuttosto di un format un pò troppo ripetitivo! In fondo bisio é abbastanza scontato in umorismo e credo sia anche quello un pò a stancare…!! Ma del resto zelig senza lui non sarebbe più zelig..! Vabbé intanto disintossichiamoci un pò….!



2. Francesco ha scritto:

2 aprile 2010 alle 01:24

A me mancano, oltre a Zalone, i Maniko Sport.



3. nico ha scritto:

2 aprile 2010 alle 09:04

A me non piace per niente Vanessa, troppo scontata e ormai fare la parte di quella che non conosce bene la lingua italiana non fa piu’ ridere. Io la cambierei…. magari tornasse la Hunziker!!!! Zelig senza Bisio non sarebbe piu’ Zelig



4. ILARIA ha scritto:

2 aprile 2010 alle 17:14

A ME ZELIG MI PIACE E MI PIACE ANCORA VOLEVO CHE
CONTINUASSE PER TUTTA LA VITA IN REALTA A ME PIACEVA DI PIU COLORATO CHE FACIEVA LE BATTUTE PIU BELLE A ME DI ZELING MI PIACEVA TANTO PER RIDERE A CREPAPELLE QULL RAGAZZO CHE FA E SIAMO NOIU E SIAMO NOI IN PARADISO E SIAMO NOI INSOMMA VORREI CHE RIMETTESSERO SIA ZELING E SIA COLORATO



5. stefano ha scritto:

4 aprile 2010 alle 15:46

bisognerebbe dire a bisio che quel suo fare da teatrante, in tv, nn va bene… nn si capisce la metà delle parole che dice…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.