27
marzo

MAURO MASI VUOLE IL LICENZIAMENTO DI MICHELE SANTORO

Ci si aspettava la quiete dopo la tempesta, ma non è propriamente così. Il Direttore Generale della Rai Mauro Masi non ha affatto gradito l’evento-manifestazione organizzato da Michele Santoro al Paladozza di Bologna, Raiperunanotte, dove, tra l’altro, è stato “protagonista della scena” visti i dibattiti sull’ inchiesta di Trani, che vede coinvolti anche il Premier Silvio Berlusconi e il commissario dell’AgCom Giancarlo Innocenzi, relativa alla chiusura di alcune trasmissioni, tra cui Annozero.

Mauro Masi ha inviato una lettera formale al Presidente della Rai Paolo Garimberti e al Consiglio di Amministrazione  chiedendo una riunione straordinaria del CdA per valutare se il comportamento di Michele Santoro danneggi la “credibilità dell’azienda” e se quindi il suo contratto “al di là di ogni giudizio di merito, travalica i limiti della gestione ordinaria e dei poteri del Direttore Generale”. In altre parole, viene richiesto il licenziamento del giornalista dalla Rai (come auspicato anche da Bruno Vespa).

Il Presidente ha risposto con un laconico “Vedremo”, informando il Direttore Generale che “il carattere d’urgenza lo decido io”. Tanti comunque i dubbi nei corridoi di Viale Mazzini. I consiglieri di area PD difendono a dentri stretti il giornalista consci che, qualora venisse licenziato, verrebbe riammesso come di consueto dal Tribunale del Lavoro: “Non si fa braccio di ferro con una risorsa della Rai” dichiara Van Straten. Ma le perplessità sembra attanaglino anche i consiglieri di area PdL-Lega convinti che sarebbe una strategia del tutto deleteria per l’azienda pubblica.

Intanto l’Ufficio Legale della Rai sta vagliando tutti i comportamenti adottati da Michele Santoro nell’organizzazione di Raiperunanotte per eventuali sanzioni. Se poi il CDA votasse a favore di Michele Santoro, il “dossier” aperto da Masi potrebbe risolversi con l’introduzione di alcuni paletti (in primis il rispetto delle regole aziendali).

La soluzione senza dubbio migliore, anche perchè è bene ricordare che la media di Annozero è del 18% di share, circa 8 punti sopra gli obiettivi di RaiDue e un pubblico che piace particolarmente agli investitori. Ma queste valutazioni, nonostante la Rai navighi in acque tutt’altro che “tranquille” dal punto di vista economico, non sembrano interessare Mauro Masi.

[Foto | Repubblica.it]



Articoli che potrebbero interessarti


Roberto Saviano
ROBERTO SAVIANO OSPITE STASERA AD ANNOZERO. GARIMBERTI SCRIVE A REPUBBLICA E ASSICURA LO SCRITTORE: IN RAI GARANTISCO IO LA LIBERTA’


santoro
ANNOZERO ANCORA IN ONDA. CON IL RICORSO ALL’ARBITRATO SANTORO CONGELA LA SANZIONE DEL DG MASI E GIOVEDI’ TORNA IN TV


MAURO MASI VUOLE IL LICENZIAMENTO DI MICHELE SANTORO
RAI, IL CDA RINVIA SU ANNOZERO. MASI VUOLE INCONTRARE SANTORO, E LUI: STO ANDANDO IN FERIE


Michele Santoro
MICHELE SANTORO SFIDA L’OPPOSIZIONE: SE E’ CAPACE, CHIEDA A GARIMBERTI DI RIPORTAMI IN RAI

28 Commenti dei lettori »

1. lauretta ha scritto:

27 marzo 2010 alle 15:18

tanto è sicuro che santoro rimarrà li dov’é!!



2. Francesco ha scritto:

27 marzo 2010 alle 15:42

Ovviamente è un’iniziativa partita da Masi in piena autonomia e di sua spontanea volontà. :D



3. gas ha scritto:

27 marzo 2010 alle 16:10

ma licenziare Masi no? basta con i servi che uccidono la TV e la dignità



4. Daniele Pasquini ha scritto:

27 marzo 2010 alle 16:16

Francesco
Tremendo :D



5. Davide Maggio ha scritto:

27 marzo 2010 alle 16:25

@ gas: non iniziamo con le frasi fatte chè ne abbiamo abbastanza.



6. gas ha scritto:

27 marzo 2010 alle 16:41

Chi è il mattacchione che mi ha rubato il nickname? E dire che ne ho scelto uno brutto forte!



7. Davide Maggio ha scritto:

27 marzo 2010 alle 17:01

@ gas: infatti tra poco renderemo la registrazione obbligatoria e risolviamo i problemi :-)



8. lou ha scritto:

27 marzo 2010 alle 17:08

io quoto il primo intervento di gas invece, dicendo però che quei servi uccidono l’informazione libera, non la tv. Ma santoro l’altra sera ha fatto un’operazione talmente grande che ha dimostrato quanto la gente sia stufa di tutto ciò e come esistano alternative un tempo impensabili e che invece ora fanno paura.



9. gas ha scritto:

27 marzo 2010 alle 17:41

Rendere la registrazione obbligatoria risolverà sicuramente il problema… ma in questo caso bastava un po’ di buon senso!
Comunque condivido il pensiero del mio “omonimo”: sarà pure una frase fatta ma ha un significato forte. Magari tutti la pensassero come lui!



10. lindaT ha scritto:

27 marzo 2010 alle 17:45

come siamo acidi, davide maggio!! =)
non mi sembra così fuori luogo l’intervento di gas 2 la vendetta!!
è la giusta presa di posizione nei confronti di chi si inchina al potere rinunciando a fare il proprio lavoro: informazione vera e pulita!!
saluti



11. lillina ha scritto:

27 marzo 2010 alle 18:51

Informazione bella e pulita? A me sembra solo un comportamento sovversivo poi ognuno giudichi…



12. iLollo ha scritto:

27 marzo 2010 alle 18:56

è stato l’evento più importante che abbia mai visto! la sera del 25 marzo è stata un momento storico straordinario che dovrà essere impressa nella memoria degli italiani per cominciare a ribellarsi, a dire basta a questo sistema malato!
citando Santoro l’altra sera, giuriamo solennemente che d’ora in poi la faremo fuori dal vaso!



13. warhol_84 ha scritto:

27 marzo 2010 alle 19:01

Torniamo sempre ai soliti discorsi…Santoro ripaga il suo programma interamente con la pubblicità, non attingendo al canone rai (quindi Berlusconi dice inesattezze quando chiede di non pagare il canone), Santoro fa il 18%di share se non di più ogni giovedì sera.
Eliminando Santoro…chi ne gioverebbe politicamente? E chi ne gioverebbe ECONOMICAMENTE?
L’italia è un paese folle…



14. Daniele Pasquini ha scritto:

27 marzo 2010 alle 19:42

Ma infatti il discorso non sussiste: teoricamente Santoro non dovrebbe essere “toccato”. Nessuna trasmissione politica fa gli ascolti di Annozero (citofonare Vespa, Vinci, Paragone e via discorrendo), e questo dovrebbe far veramente riflettere.
Detto ciò, Santoro sbaglia a puntare l’arma il più delle volte sulla stessa persona. Anche perchè dall’altra parte (citofonare il PD della Puglia e della Campania per dirne due) ci sarebbe da ridere altrettanto.



15. STE ha scritto:

27 marzo 2010 alle 19:45

aziendalmente parlando, il licenziamento di Santoro sarebbe possibile?

cercando di lasciare da parte la politica…è un dipendente che ha messo in discussione la figura del Direttore Generale dell’azienda per cui lavora.

insomma.. porterà a casa dei buoni ascolti ma sputa sul piatto dove mangia.

è una situazione un pò paradossale. a RaiDue non lo vuole nessuno eppure continua a lavorarci. boh.
praticamente è un abusivo :-D



16. Daniele Pasquini ha scritto:

27 marzo 2010 alle 19:51

STE
Ma in realtà la situazione è ancora più paradossale: Masi aiuta l’AgCOM a sanzionare l’azienda di cui è DG. Non so se ci rendiamo conto della gravità di anche solo QUESTA situazione, sorvolando su Minzolini, Berlusconi e tutti gli altri.

Lo possono licenziare? Probabilmente sì, ma altrettanto probabilmente rientrerebbe dalla finestra perchè è sotto contratto Rai grazie ad una sentenza del Tribunale.



17. lilli ha scritto:

27 marzo 2010 alle 19:51

io me lo sono quest’evento…c’è 1 rimedio??sarebbe possibile vederlo in rete?
grazieeee



18. Daniele Pasquini ha scritto:

27 marzo 2010 alle 19:53

lilli
Su Youtube trovi tutto.



19. iLollo ha scritto:

27 marzo 2010 alle 20:30

sì, su YouTube ci sono tutte le oltre 3 ore divise in 23 parti, pure io me lo sono visto lì, ed è bello vedere il numero delle visualizzazioni così alto…



20. Pape Satan ha scritto:

27 marzo 2010 alle 21:01

Il problema è
che la Rai
fino a prova contraria

è un’azienda pubblica.

Ergo (e correggetemi se sbaglio)
il piatto in cui Santoro sputa
glielo abbiamo servito noi
io
tu
egli

ma a parte il discorso squisitamente demagogico

questo piatto sugo e sputo
se lo sono magnato con un certo gusto
in 3 milioni

E il bello è che
questo piatto, dopo che ho pagato il servizio
non me l’hanno neanche portato al tavolo
sono andato io a prendermelo.

Masi, l’AGCOM e politici vari
forse
dovrebbero chiedersi

cosa vogliono i cittadini (paganti).

Ma siamo davvero ancora a questo punto?
W l’ItaGlia



21. loriscosta ha scritto:

27 marzo 2010 alle 23:34

Anche io vorrei licenziare Minzolini perchè non offre informazioni corrette eppure non succede. E io ho tanti diritti quanti Masi, visto che io pago lo stipendio a Masi, Santoro e Minzolini: pago il canone



22. aladino ha scritto:

28 marzo 2010 alle 00:07

Aspettavo questo articolo!!!
Io penso che Santoro non debba sbandierare ai sette venti il suo pensiero che a quanto pare lui ritiene sovrano.
Se loro attaccano tanto il governo e soprattutto Berlusconi verso il quale hanno intrapreso una vera e propria campagna di odio, e visto che propio Berlusconi è al governo che cosa si aspettavano???
Che stava li in silenzio a prendersi le critiche e a farsi deridere da Santoro e i suoi senza battere ciglio???
Credo che sia inutile lamentarsi visto che Santoro se l’è cercata.
Si parla tanto del tg1 di Minzolini che è a favore del centrodestra ma non si parla di Santoro che fa di tutto per attaccare il premier ed il suo governo e mai una critica verso il centrosinistra.
Li anche se si parla del festival di Sanremo si fa di tutto per cercare di deviare il discorso verso Berlusconi.
Tra poco anche il secondo posto di Pupo e Filiberto a Sanremo è stato voluto da Berlusconi… ma per favore…
Che tristezza poi vedere dei cantanti di grande fama o di grandi attori come Benigni schierarsi da una parte con tanta sfrontatezza… che peccato prima mi era simpatico ma adesso mi è caduto un mito.
Voi direte perchè??? A me non interessa che uno sia di destra o di sinistra ma dal momento in cui uno si schiera (quando parliamo di personaggi pubblici che non appartaengono alla politica!!!), mi viene un senso di tristezza perchè credo che ognuno sia tenuto a fare il suo lavoro e lasciare la politica a chi la vuole e la sa fare, perchè quella di Santoro è solo politica verso il centrosinistra, ma credo che fino a quando ci saranno queste trasmissioni Berlusconi potrà staresene al suo posto bello che tranquillo perchè questa è politica, ma non una bella politica.



23. fragolina ha scritto:

28 marzo 2010 alle 02:48

io invece sono stracontenta della puntata di raiperunanotte l’ho seguita in diretta web tutta d’un fiato e ne sono rimasta entusiasta e non mi sento una che inneggia all’odio o che non tollera chi la pensa diversamente anche a livello politico ma per la prima volta ho potuto sentire così apertamente l’opinione di tanti e soprattutto venire a conoscenza nei dettagli dei tanti “intrallazzi” che si intrecciano dietro la facciata di un atteggiamento corretto e ligio al dovere che poi così non è,visto che poi tutto il resto dell’informazione e delle reti è tutta schierata più o meno apertamente almeno un programma che parla esprimendo l’altra campana è possibile vederlo e sentirlo?!?Poi io sono di quelle che si vedono sia Porta a porta che se capita anche Annozero e la mia opinione me la creo da me e quindi non capisco tutto questo accanimento( dei poteri politici) nel voler per forza chiudere un programma (e dico pure l’unico) che parla male o contesta sempre il partito di maggioranza….e che sarà mai!!!Beata libertà!!



24. gas ha scritto:

28 marzo 2010 alle 11:18

@ aladino
Poi ognuno la pensi come vuole, ma mi sento di fare alcune correzioni:
“Santoro ha intrapreso verso Berlusconi una vera e propria campagna d’odio”: non è vero, ma non lo dico perché sto dalla parte di Santoro, ma perché sono obiettivo. “Campagna d’odio” è stato coniato da Berlusconi, il quale in prima persona si cimenta in questo sport perverso in qualsiasi occasione. Attaccare “la sinistra” (e già qui c’è una generalizzazione ingiusta) in ogni situazione non è “campagna d’odio”? No, se lo fa lui è “partito dell’amore”!!!
“Santoro se l’è cercata”: cosa dovrebbe fare, elogiare il lavoro del governo sempre e comunque, in nome del politically correct? C’è già pieno di giornalisti che seguono questa linea!
“Santoro fa di tutto per attaccare il premier”: ogni critica è giustificata e condivisibile da chiunque non abbia il paraocchi. E’ documentabile che Santoro, Travaglio, Ruotolo e co. non hanno mai raccontato balle.
“Mai una critica verso il centrosinistra”: bugia! Santoro quando necessario critica anche il centrosinistra.



25. lindaT ha scritto:

28 marzo 2010 alle 11:44

gas, condivido. ho seguito la manifestazione del pdl di alcuni giorni fa a roma e ho visto certe cose!! x esempio, alcuni manifesti che raffigurano il viso di emma bonino su un corpo scheletrico e sopra scritto ‘la morte’. oppure altri fotomontaggi con il viso di marrazzo incollato sulla foto usata dalla bonino in campagna elettorale. questa non è campagna d’odio?? questa non è diffamazione, spicciola ma d’impatto??
e poi che dire sulla guerra dei numeri… 1 milione di partecipanti secondo berlusconi; 200000 secondo la questura: ma allora, quanta gente c’era?? uff



26. Pape Satan ha scritto:

28 marzo 2010 alle 16:21

Paragonare un giornalista con un politico
anzi
paragonare il presidentedelconsiglio con un giornalista tv

è cosa alquanto buffa
in verità

Inoltre, se qualcuno ascoltasse gli interventi di Travaglio
senza distrarsi a pensare, quanto è odioso e come veste male
scoprirebbe che bastona quasi regolarmente
D’Alema
il PD in generale
De Luca
Bersani
la Finocchiaro

non propriamente dei berlusconiani doc

non voglio tirar fuori lo stra-abusatissimo paragone
del dito e della luna
ma più o meno siamo lì.

E poi siamo l’unico Paese al mondo
(tra quelli che si presumono democratici)

in cui ci si lamenta
perchè il governo è troppo attaccato
e l’opposizione no.

In una democrazia che si rispetti
i giornalisti hanno il compito
di fare i “watchdogs” del go-ver-no

qualunque esso sia, destra o sinistra non importa.

Continuiamo così, facciamoci del male (cit.)



27. gianfranco ha scritto:

25 maggio 2010 alle 12:13

Masi parla di “credibilità compromessa del servizio pubblico radiotelevisivo” da parte di Santoro? Se questi sono i criteri di giudizio dovrebbe licenziare se stesso.



28. Adriano ha scritto:

27 maggio 2010 alle 21:08

Ecco lo stratagemma di masi, facciamo andare via santoro con un accordo milionario, e non ce lo faccio più tornare, e come scusa diciamo che è stato santoro a volersene andare… Masi sei stato smascherato. Quello che ha fatto un uso criminoso del servizio pubblico sei te, cosi come Minzolini e Berlusconi!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.