3
febbraio

RAINET LANCIA LA SUA PRIMAVERA: REPLAY TV E PIATTAFORMA MOBILE

Rainet fa il boom di numeri, vince il piatto e rilancia sulla rete. I dati 2009, infatti, testimoniano una crescita sbalorditiva: 5,6 milioni di utenti unici al mese ed oltre un miliardo di pagine viste all’anno, soprattutto grazie al portale Rai.tv, che ha erogato 170 milioni di video e ha avuto un aumento del 4763% delle pagine viste per le dirette televisive. Pietro Gaffuri, amministratore delegato della società, annuncia, visti i successi, svolte cruciali in primavera. Il piano di rilancio previsto è ampio e importante.

Per cominciare, 2 grandi novità:

La prima: un nuovo servizio web chiamato Replay tv che riproporrà l’ ultima settimana del palinsesto delle reti generaliste Rai (sul modello della BBC e delle italiane “la tv del giorno dopo” di Mediaset e La7.tv) accompagnato dall’instant replay lineare di ciascun contenuto con il miglioramento della qualità dei video, che potranno essere visti a schermo intero sul computer.

La seconda : una piattaforma mobile, che permetterà l’accesso ai contenuti di Rai.tv tramite il telefonino. Proprio Rai.tv, perno del Piano editoriale approvato da RaiNet per il 2010, comprende già 14 canali televisivi, 21 tematici di web tv, otto canali radiofonici, tutti in diretta, e oltre 740 titoli da consultare on demand per ottantamila contenuti video.

Dopo i numeri del 2009, l’offerta della Rai per il web si completerà con evoluzioni fondamentali, -sottolinea Gaffuri- Partirà il servizio di ReplayTv per le reti generaliste e Rai4, diritti permettendo, e sempre in primavera esordirà su web RAI una piattaforma per il mobile, con la quale si potrà accedere ai contenuti sul proprio cellulare”.(Il Sole24ore)

L’obiettivo è quello di valorizzare il patrimonio audiovisivo del servizio pubblico attraverso 2 mosse: un’ offerta tematizzata e l’intervento del pubblico tramite videochat. I contenuti, cioè, non saranno solo vetrine di programmi, ma rivalorizzati su tutte le piattaforme tramite anche l’intervento degli utenti, e saranno attualizzati con interviste o con la presenza in videochat di un esperto o del diretto interessato.

Ma non è tutto. Per finire, il piano prevede una svolta anche a livello di riassetto, con la creazione di un unico portale d’accesso, attraverso l’unificazione delle 2 home page attuali Rai.it e Rai.tv. Per concludere, Pietro Gaffuri spara un “all in”:

Perché non creare una Open Iptv, come piattaforma comune di distribuzione dei principali contenuti di Rai, Mediaset e La7? In Gran Bretagna Bbc, Channel 4, Five Itv si sono uniti in una joint venture che prevede l’integrazione delle offerte lineari di contenuti on demand. Una tv interoperabile avrebbe l’effetto di creare economie di scala e di proporre un’offerta tematica ricchissima per un target di qualità”. (Il Sole24ore)

Proposta che non mancherà, senz’altro, di far discutere.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Luigi Gubitosi rai youtube
RAI: I VIDEO DELLA TV PUBBLICA VERSO L’ADDIO A YOUTUBE


Riccanza Deluxe - Io non ho mai
Riccanza Deluxe: Aaron, Mattia, Camilla, Farid, Nicolò e Tommaso giocano ad ‘Io non Ho Mai’


Rosy Abate 2 - Vittorio Magazzù
Rosy Abate 2: la Regina di Palermo torna per salvare il figlio – Video anteprima


Amici - Alberto Urso e Davide Maggio
Alberto Urso a DM: «Con i soldi della vincita di Amici regalerò una macchina a mio padre»

2 Commenti dei lettori »

1. Zoro! ha scritto:

3 febbraio 2010 alle 23:58

che dire, sempre più ottimo il servizio rai nel web!



2. Trinitron ha scritto:

5 febbraio 2010 alle 14:07

Devo ancora riuscire a capire quale tipo di vantaggio pensano di avere i broadcaster nostrani a mandare il loro prodotto sul web.
Se io so che il programma che mi piace lo posso vedere il giorno dopo in ufficio, posso benissimo evitare di guardarlo quando viene messo in onda in tv.
Lo share e l’ascolto si riducono, facendo calare l’interesse degli inserzionisti che pagano fior di soldi per uno spot in tv.
Sul web certo si registreranno risultati eccezionali, ma la quota di pubblicita’ raccolta sul web non riuscira’ mai a compensare quella (enorme) persa in tv.
Boh



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.