31
gennaio

SANT’AGOSTINO: STASERA E DOMANI LA FICTION DI QUALITA’ SFIDA NUOVAMENTE TALENT E REALITY SHOW

Raiuno prova a riprendersi la serata del lunedì con le fiction del “talismano” Lux Vide. Se infatti la concorrenza di Amici della domenica sera non ha intimorito le ultime fiction “Lo scandalo della Banca Romana” e “Gli ultimi del paradiso”, il transatlantico “Grande Fratello” rimane un osso duro da battere soprattutto ora che il gioco è in pieno svolgimento. Oltre al “Medico in famiglia“, nell’impresa anti-reality era riuscito “Pinocchio” e nella stessa impresa si cimenta Sant’Agostino (prodotte entrambe dalla Lux Vide appunto).

Fiction di altissima qualità, “Sant’Agostino” è stato creato con grandi budget e  un cast importante, per imbastire nella maniera migliore possibile un racconto che è al contempo storico, religioso e filosofico. A rivestire i panni del Doctor Gratiae Alessandro Preziosi e Franco Nero (Agostino anziano), stasera e domani nel prime time di Raiuno.

Era il 24 agosto del 410, quando si concluse l’assedio di Roma da parte dei Visigoti: l’impero romano si piegava all’ondata barbarica e iniziava così la fine di un lungo e glorioso impero. Alla notizia che la città eterna era stata oramai violata, il mondo rimase sconvolto e senza guide, ma la voce di un uomo si levò alta a sostegno di una nuova civiltà da ricostruire. La voce era quella di Agostino,  ex “avvocato di grido” che si convertì al Cristianesimo e venne eletto a furor di popolo, vescovo di Ippona, città sulle coste dell’Africa settentrionale. Da qui il benestante avvocato accolse i profughi provenienti da Roma ed iniziò a raccontare con la fede e la meditazione una nuova via da seguire.

Nel cast anche Monica Guerritore (Monica), Katy Louise Saunders (Lucilla), Sebastian Strobel (Fabio) e Serena Rossi (Khalidà). La regia è di Christian Duguay.



Articoli che potrebbero interessarti


Canzone segreta
Canzone Segreta: Serena Rossi in prime time su Rai 1 dal 12 marzo – Il promo incomprensibile


Serena Rossi
Rai1, arriva «La Chanson Secrète» con Serena Rossi


Dustin Hoffman
I MEDICI: DUSTIN HOFFMAN, RICHARD MADDEN E SARAH FELBERBAUM NELLA FICTION DI RAI 1 SUL RINASCIMENTO ITALIANO


Cenerentola 15
CENERENTOLA: CON VANESSA HESSLER E FLAVIO PARENTI RIVIVE SU RAI1 LA CELEBRE FIABA

12 Commenti dei lettori »

1. lauritas ha scritto:

31 gennaio 2010 alle 15:24

ecco, questa è una di quelle sere in cui mi vorrei sdoppiare!!! Amici o Sant’agostino????
mah!



2. busb ha scritto:

31 gennaio 2010 alle 15:49

fiction di altissima qualità è un concetto relativo…per me è l’ennesima fiction sul 54esimo santo del calendario per acchiappare gli anziani. Mi addormenterei dopo 5 minuti.



3. Davide Maggio ha scritto:

31 gennaio 2010 alle 15:50

@ busb: e sono di altissima qualità. Sembra alcuna ombra di dubbio.



4. busb ha scritto:

31 gennaio 2010 alle 15:53

Ma ripeto, dipende sempre da cosa si cerca nella fiction. Per me sarebbe di qualità scadente perchè mi annoierebbe totalmente. Ma resta comunque tutto relativo



5. Daniele Pasquini ha scritto:

31 gennaio 2010 alle 15:54

Curiosità: Sant’Agostino è in magazzino da più di un anno (doveva essere trasmessa in autunno 2008…) e fa parte del filone “Imperium” della Lux Vide.



6. Davide Maggio ha scritto:

31 gennaio 2010 alle 15:55

@busb: la qualita’ e’ qualità. Che piaccia o meno la fiction e’ un altro discorso.



7. AnTo ha scritto:

31 gennaio 2010 alle 15:57

Decisamente Sant’Agostino…sperando che porti bene per l’esame di domani all’uni :-):-):-)



8. busb ha scritto:

31 gennaio 2010 alle 16:00

per me non è così….una fiction non è di qualità solo perchè parla di un santo.. qualità sta anche nel saper catturare l’attenzione dello spettatore e portarla fino alla fine. Con me non ci riuscirebbe, quindi per me non è qualità.



9. AnTo ha scritto:

31 gennaio 2010 alle 16:06

Obiettivamente è una fiction di qualità per l’importanza del tema che tratta, una figura importantissima dal punto di vista sia filosofico sia religioso che storico…ed è di qualità anche perchè affronterà il tema in maniera corretta. Al di là di questo, è ovvio che può piacere o meno e catturerà una buona fetta di telespettatori. Anche Un medico in famiglia (ad esempio) è una fiction di qualità pur non affrontando temi importanti come questo, però piace ed ha i suoi fedelissimi. Credo si tratti di due fiction di qualità diversa, ma entrambe di alto livello.



10. saralurker ha scritto:

31 gennaio 2010 alle 16:19

sul medico in famiglia come fiction di qualità mi piacerebbe obiettare.

invece perdermi questo Sant’Agostino per due Reality mi seccherebbe un pò.

Che sia di qualità si vedrà subito stasera, dipenderà molto dalla regia, dalla fotografia e dal cast che non mi sembra poi di così altissimo livello.
Preziosi sarà credibile in una delle figure più rivoluzionarie della nostra storia?
Perchè una cosa è fare l’Eliso di Rivombrosa ed un’altra calarsi in tali agostiniani panni.
Christian Duguay come regista non sempre mi piace.
Nella Fiction su Hitler non era stato male, ma nei due Scanners era terribile, come pure in Screamers….

Speriamo non si siano bruciati questa carta buttandola contro due reality fortini…..non era meglio mandarla mercoledì contro la famiglia di Caterina ed il Banderas di giovedì?



11. franco ha scritto:

31 gennaio 2010 alle 17:40

Sicuramente verrà più visto di amici! e lo sapete bene! Aspettiamo almeno 6 milioni fino agli 8 milioni!
sant’agostino è una figura importante sia dal punto di vista religioso, ma anache storico e pilosofico e chi ha studiato filosofia la sà bene,,,certo busb che paragonata a quel grande personaggio e santo di Scattarella passa in secondo piano ..vero? ma mi faccia il piacere mi faccia!



12. Andrew Building ha scritto:

31 gennaio 2010 alle 20:22

Caro Daniele Pasquini
le sue fonti non sono corrette. Sant’Agostino non è in magazzino da un anno e nell’autunno 2008 il film era ben lungi dall’essere pronto, le riprese sono finite a febbraio 2009… se poi contiamo il montaggio e i lunghi mesi di post-produzione mi pare che siamo nei tempi abituali di messa in onda.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.