27
agosto

LA TV NEL PALLONE. DOMENICA NIENTE GOL: LA LEGA RESPINGE LE OFFERTE DI RAI E MEDIASET

pallone.gif

Il campionato di calcio riparte tra pochi giorni, con le tv in chiaro spente e le radio mute. E potrebbe non essere più “domenica” per milioni di italiani, per la gioia forse di quelle mogli e fidanzate ignorate dai rispettivi compagni che passano buona parte del dì di festa incollati a radioline e televisori. Insomma, niente partite, gol e cronache in diretta per gli appassionati di calcio a meno che non abbiano Sky, decoder, carte ricaricabili e quant’altro. Tutto rigorosamente a pagamento.

A far vacillare le poche certezze dei tifosi del pallone è il rifiuto da parte della Lega Calcio delle offerte Rai e Mediaset per la vendita dei diritti tv. Troppo pochi i milioni proposti dalle reti televisive. E così saltano Controcampo e la Domenica Sportiva, così come 90° minuto e Tutto il calcio minuto per minuto. Potrebbe essere la fine di un’epoca. Ma c’è ancora un filo di speranza. Fino a sabato si può risolvere tutto “all’italiana”, come ha dichiarato Maurizio Zamparini, presidente del Palermo.

L’assemblea della Lega ha respinto all’unanimità le offerte per i diritti, che sono quindi rimasti invenduti. A quanto si apprende, le offerte proposte non potevano essere accettate. Eppure la Rai era pronta a sborsare 30,6 milioni di euro per accapparsi i diritti con un’offerta che risultava la più elevata, superando di circa tre volte quella delle altre emittenti televisive. Vedremo cosa succederà nei prossimi giorni. Di sicuro domenica tutto quel che si vedrà in chiaro sono gli 8 minuti di immagini che i telegiornali, solo i telegiornali, potranno utilizzare. “Ciascuno farà il montaggio che più gli aggrada naturalmente – spiega Adriano Galliani – 4 minuti per la serie A, 4 minuti per la serie B. Dopo le 20.30 per le partite pomeridiane, dopo la mezzanotte per le partite che cominciano alle 18 e alle 20.30″.

Dopo queste affermazioni e la scelta finale dell’assemblea della Lega Calcio, non sono mancate le polemiche. Ma la colpa non va ricondotta solo alla Lega. Rai e Mediaset non riescono a far fruttare i diritti e allestiscono trasmissioni in calo di pubblico, credibilità e stile. Forse, anche per questi motivi, non sono così interessate all’acquisto dei diritti.

Morale della favola, domenica prossima non sarà la classica domenica nel pallone. A rimetterci saranno le 15 milioni di famiglie che non possiedono un decoder o un abbonamento a Sky. Nella speranza che si risolvano le cose con la seconda giornata di campionato, il 14 settembre. Proprio quella domenica parte la nuova stagione di Quelli che il calcio, e per Simona Ventura sarebbe un bel colpo poter mostrare in diretta i gol. Per la felicità degli amanti del pallone.



Articoli che potrebbero interessarti


Pallone da calcio
RIPARTE IL CAMPIONATO DI CALCIO: TORNANO TUTTI I PROGRAMMI CULT, ANCHE “IL PROCESSO” DI BISCARDI


Serie A
DIRITTI TV SERIE A 2015/2018: BLITZ DELLA GUARDIA DI FINANZA NELLE SEDI SKY, MEDIASET E LEGA CALCIO


Serie A
DIRITTI TV SERIE A 2015-2018: TUTTO IL CAMPIONATO SU SKY, LE BIG ANCHE SU MEDIASET


Serie A
DIRITTI TV SERIE A 2015-2018: SKY DIFFIDA LA LEGA CALCIO MA MEDIASET NON CI STA

8 Commenti dei lettori »

1. sanjai ha scritto:

27 agosto 2008 alle 13:43

come vorrei che alla lega calcio non entrasse un euro per quei cacchio di highlights…con tutti i soldi che girano intorno al calcio pure i soldi per vedere due gol del cavolo…quando poi,secondo me,mostrare le immagini delle partite rientrerebbe nel diritto di cronaca di un giornalista… vorrei chiedere alla lega che senso ha fornire ai tg gli highlights dopo le 20.30,li user solo il tg2…i principali telegiornali potranno trasmetterli solo dopo mezzanotte in pratica…quindi la maggior parte della gente vedrebbe i gol il giorno successivo alla giornata di campionato! in tutto questo cè un bellaspetto positivo.la chiabotto silurata ancora prima di iniziare :)



2. roberto ha scritto:

27 agosto 2008 alle 14:36

Sai cosa mi d più fastidio? Che nessuno pensò ad una riduzione del canone RAI quando le partite di calcio passarono sui canali a pagamento: era o non era una grossa riduzioone del servizio offerto?



3. Thomas Tonini ha scritto:

27 agosto 2008 alle 15:58

@ sanjai: si non ha molto senso questa storia del dopo 20.30. Oltre al Tg2 anche RaiSport dopo il tg1 potr mostrare le immagini. La Chiabotto rester in panchina. Avr modo di pensare al suo futuro professionale… @ roberto: in effetti lo era…ma il canone è solo aumentato!



4. Davide Maggio ha scritto:

27 agosto 2008 alle 18:15

Io sono IPERCERTO che prima o poi (piu prima che poi) la questione verr come sempre risolta. In Italia funziona cosi. In caso contrario sarebbe uno scandalo e se ne parlerebbe per mesi. La vedo difficile. In cuor mio, però, una batosta da tanti milioni di Euro alla Lega Calcio mi piacerebbe da matti. Il calcio vero è quello di una volta. Quello, per intenderci, in cui chi voleva imparare a giocare si arrangiava nel fango con le palle di carta per poi diventare un fuoriclasse (Maradona).



5. erodio76 ha scritto:

27 agosto 2008 alle 19:23

Certo che se la Ventura potesse far vedere i gol in diretta darebbe filo da torcere a Domenica In e Amici



6. antonello ha scritto:

28 agosto 2008 alle 09:37

Davide, è vero che Mediaset vuole Londra 2012 per fare uno sgarbo alla Rai ?



7. Davide Maggio ha scritto:

28 agosto 2008 alle 11:33

@ antonello: sarò male informato, ma io ricordavo che i diritti per Londra 2012 fossero gi di Sky :-)



8. TAMMARO ha scritto:

28 agosto 2008 alle 23:50

FINALMENTE NIENTE RAI DEVE DARE I SOLDI PER PROGRAMMI SCHIFOSI COME LISOLA DEI FAMOSI E ALTRI REALITY



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.