28
ottobre

Jessica Morlacchi: «Da Memo Remigi mi aspettavo almeno delle scuse immediate. Non che si inventasse delle menzogne»

Jessica Morlacchi

Jessica Morlacchi

Mi aspettavo almeno delle scuse immediate“. Dopo una giornata difficile, Jessica Morlacchi ha rotto il silenzio sullo spiacevole episodio che le è capitato, lo scorso 21 ottobre, nel corso di una puntata di Oggi è Un Altro Giorno. Durante l’anteprima del programma condotto da Serena Bortone, l’ex cantante dei Gazosa ha infatti ricevuto una palpata sul sedere da Memo Remigi, immediatamente licenziato dalla Rai. Una ricostruzione dei fatti che l’uomo ha cercato di respingere in seguito a tutto il caos che si è creato attorno a lui, non trovando il beneplacito della diretta interessata.

Dopo essere stato silurato in diretta dalla Bortone, ferma e decisa nel sottolineare che il suo atteggiamento non poteva essere tollerato, Memo ha detto la sua sulla brutta questione sia sui social, sia ai microfoni de La Zanzara, asserendo che già in altre occasioni, lontano dalle telecamere, aveva dato alla Morlacchi una “pacchettina sul culo” del tutto innocente come “segno di portafortuna alla trasmissione’. Proprio per questo, oltre a dichiararsi stupito del fatto che non riuscisse a contattarla, Remigi ha invitato Jessica a spiegare al pubblico “che abbiamo sempre giocato così, scherzato, messo sulla goliardia i nostri rapporti di lavoro per renderli anche più gradevoli” al fine di non farlo passare come un “vecchio libidinoso“. Uno sfogo che però non è stato ben accolto dalla donna.

Sono molto dispiaciuta e mi aspettavo almeno delle scuse immediate. Non che si inventasse delle menzogne

è stata la replica di Jessica raccolta dal Corriere, che ha così sconfessato tutte le parole di Memo, che già ieri in mattinata, prima che scoppiasse il putiferio, aveva cercato di smorzare la polemica asserendo di non essere stato sospeso da Oggi è Un Altro Giorno,  parlando di un check up dovuto alla sua età che l’ha portato ad assentarsi dal programma. Una posizione che la Morlacchi ha chiarito ulteriormente su Instagram:

Questo è il post che non avrei mai voluto scrivere ma adesso vivo una situazione di tale dispiacere e disagio che ho deciso di rompere il silenzio e dire la mia sulle conseguenze di quel video che tutti avete visto e che ora mi sottopone a una pressione mediatica che non auguro a nessuno. Quando Remigi ha fatto scivolare la sua mano sul mio fondoschiena, ho provato un disagio enorme ma come si vede l’imbarazzo non mi ha impedito di reagire immediatamente e con decisione. Eravamo in diretta e non potevo fare altro che schiaffeggiare e tirar su quella mano. Remigi ora chiede scusa, solo ora. Sono contenta che lo faccia, ma mentre si scusa insinua che quel gesto fosse solo goliardia motivata dalla mia condiscendenza. È inaccettabile. Remigi sa bene che la mia naturale confidenza, dopo due anni di lavoro insieme, non l’ha mai autorizzato ad allungare le mani. Ora, forse per età, formazione ed esperienza sostiene che quel gesto era solo uno scherzo: mi auguro che adesso finalmente capisca che si tratta di un comportamento invadente ed offensivo. Anche ad 84 anni si può imparare dagli errori della vita. A tutti, per favore, chiedo ora silenzio e ringrazio la Rai per avermi protetta e sostenuta“.



Articoli che potrebbero interessarti


Memo Remigi
Memo Remigi e la palpatina a Jessica Morlacchi: «Gesto innocente e scherzoso, fatto altre volte. La Rai mi ha licenziato in diretta»


Jessica Morlacchi e Memo Remigi - Oggi è un Altro Giorno
Memo Remigi palpa in diretta Jessica Morlacchi: sospeso da Oggi è un Altro Giorno – Video


Memo Remigi
La Rai ha risolto il contratto con Memo Remigi


Serena Bortone - Oggi è un Altro Giorno
Oggi è un Altro Giorno, Serena Bortone silura Memo Remigi: «Il suo comportamento non può essere tollerato»

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.