11
ottobre

Pagelle TV della Settimana (3-9 Ottobre 2022): Promossi Caduta Libera e Foria. Bocciati Zanicchi e Scherzi a Parte

gerry scotti

Gerry Scotti

Promossi

9 alle mille puntate di Caduta Libera. Il game show di Gerry Scotti, pur senza mai fare il botto, si è assestato come una valida proposta nel preserale di Canale 5, capace di risultare ancora fresca dopo 7 anni di messa in onda. La scorsa settimana, venerdì precisamente, un picco del 21.1%.

8 a Marco Bellavia. Un ritorno sulle scene movimentato per lo storico volto di Bim Bum Bam dovuto ad una storia personale non facile, emersa prepotentemente durante la permanenza della Casa del Grande Fratello Vip. Di lui ha colpito il fatto che, sia nella casa che fuori, non abbia perso tempo con recriminazioni e rancori.

7 a Barbara Foria. Nelle vesti di Serena Bortone, la comica napoletana diverte come quarto giudice di Tale e Quale Show.

6 a Netflix che torna alla ‘casella di partenza’ rispolverando la sua prima produzione, Suburra, nonchè uno dei pochissimi titoli italiani ad aver funzionato.

Bocciati

5 alla dichiarazione di Milly Carlucci a Bubinoblog: “Il discorso quello ha vinto e quello ha perso è talmente idiota che ormai non interessa più a nessuno”.  Se è vero che non è una vittoria o una sconfitta a determinare il successo o l’insuccesso di un programma, le parole della padrona di casa di Ballando suonano come retoriche giustificazioni che non trovano riscontri poi nella pratica. Sapere chi vince interessa a pubblico, addetti ai lavori e soprattutto star.

4 ai rinvii di Rai2. Nella nuova Rai2 sono stati rinviati (o saltati) almeno cinque programmi. Dal ritorno di Alessia Marcuzzi, con Boomerissima, alla nuova edizione de Il Collegio. Se il buongiorno si vede dal mattino…

3 a Scherzi a Parte. E’ crollato anche il titolo storico del varietà Mediaset, usurato dal tempo, dalla mancanza di budget e soprattutto creatività. Scherzi imbarazzanti.

2 a Iva Zanicchi. Anche se il ‘Tr*iagate’ ha assunto dei contorni sovradimensionati, va detto che si inserisce perfettamente e tristemente nel mood della cantante che da anni si diletta con parolacce e doppi sensi pensando di risultare simpatica.

1 a Lingo. Il tentativo di un game show su La7 era lecito, però l’impudenza doveva essere dosata meglio. Tradotto: non affidarsi ad un format di 35 anni fa, che non ha mai sfondato in Italia, e ad una conduttrice, Caterina Balivo, non in linea col genere e con la rete.



Articoli che potrebbero interessarti


Salemi e Monte
Pagelle TV della Settimana (5-11/11/2018). Promossi i 30 anni di Striscia e Caduta Libera. Bocciati Giulia Salemi e le nominaton del GF


Antonino Cannavacciuolo
Pagelle TV della Settimana (7-13/11/2022). Promossi Cannavacciuolo e Spadaccino. Bocciati Montesano e Le Iene


d'amico
Pagelle TV della Settimana (31/10-6/11/2022). Promossi Mina Settembre e Stasera Tutto è Possibile. Bocciati Mughini e Che C’è di Nuovo


imma tataranni
Pagelle TV della Settimana (10-16/10/2022). Promossi Scalera e Paolantoni. Bocciati Berti e il ‘reboot’ di Pratiful

1 Commento dei lettori »

1. paolo rambaldi ha scritto:

11 ottobre 2022 alle 21:36

La Carlucci non ha proprio tutti i torti pero’. Anche se poi lei predica bene e razzola male, riempiendo il cast di personaggi che sa gia’ che causeranno polemiche per aumentare gli ascolti.
Ma in linea di principio gli ascolti non dovrebbero essere l’unico metro, un minimo di qualita’ dovrebbe entrare nel computo. Ad esempio programmi tipo quelli della D’Urso sono pessimi anche se vincono la serata.
Ma ci sarebbe da fare un discorso piu’ ampio perche’ per aumentare lo share molti programmi cominciano tardi, sono inutilmente dilatati e terminano a notte fonda. Cosa che non serve ne’ a chi li fa ne’ a chi li guarda, ma serve solo per lo share. Ci sono tanti programmi che sarebbero migliori se durassero meno, faccio solo un esempio: “Emigratis” di Pio ed Amedeo sarebbe anche godibile se durasse un’ora ma diventa noioso e ripetitivo se dura tre ore. Ma il programma di un’ora avrebbe uno share piu’ basso e non converrebbe. Alla fine l’auditel diventa un danno.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.