4
ottobre

Pagelle TV della Settimana (26/09-2/10/2022). Promosso Mentana. Bocciati Bella Ma’ e il caos al GF Vip

Bella Ma

Bella Ma

Promossi

9 a Enrico Mentana. E’ ancora una volta la sua la maratona elettorale più attesa e che riesce, in proporzione alla rete che lo ospita, ad ottenere le migliori performance. Onore alla resistenza, quella catodica.

8 a Arena 60 70 80 e… 90. Giunto alla seconda edizione, il varietà di Amadeus perde il suo barlume di novità. Tuttavia rientra nell’intrattenimento garbato che su Rai1 ci sta bene e in grado di toccare le corde nostalgiche del telespettatori.

7 a Wanna. La storia di per sè accattivante è ben raccontata dal documentario di Netflix, con il picco massimo che si raggiunge nelle prime due puntate che rispolverano aspetti tralasciati. Per il resto, non ci sono sorprese rispetto a quanto già noto.

6 al progetto Netflix su Rocco Siffredi. Quello che qualche anno fa sarebbe stato quasi d’avanguardia, oggi è un ravanare su temi già visti e voglia di ‘vincere facile’. Staremo a vedere poi quale sarà il taglio del racconto.

Bocciati

5 a Canale 5 che in prima serata propone un programma col bollino rosso, Emigratis. Al di là dei contenuti, la scelta di un’ammiraglia generalista di trasmettere nella fascia di massimo ascolto un programma di intrattenimento vietato ai minori è un vero e proprio controsenso.

4 al comunicato trionfale del TG1 che mette a confronto share non paragonabili in maniera secca (qui maggiori info).

3 a Romina Power che diffida Domenica In in vista dell’intervista a Loredana Lecciso. Tralasciando il rapporto amichevole con Mara Venier (che più volte si era prodigata con lei spendendosi affinchè tutte le sue richieste fossero esaudite), la questione è che un personaggio pubblico non può governare dichiarazioni altrui o legittimi chiacchiericci. Troppo comodo chiedere il silenzio quando si è scelto per anni di portare la propria famiglia sotto i riflettori.

2 a Bella Ma’. Il debutto nel pomeriggio di Rai2 di Pierluigi Diaco è un disastro per ascolti e contenuti. Un’accozzaglia senza senso che, purtroppo, non sorprende: era chiaro ai più l’operazione kamikaze messa in piedi dai vertici Rai.

1 al caso Marco Bellavia al GF Vip. Hanno fatto una pessima figura (quasi) tutti i concorrenti, gli autori e soprattutto gli psicologi che non hanno colto segnali che indicassero l’inopportunità dell’ingresso dell’ex conduttore di Bim Bum Bam nel cast e che, anche a gioco iniziato, sono rimasti inermi.



Articoli che potrebbero interessarti


Crozza imita meloni
Pagelle TV della Settimana (17-23/10/2022). Promossi La7 e Crozza. Bocciati Emigratis e il caso TG1 vs Fiorello


gf vip finale
Pagelle TV della Settimana (6-12/04/2020). Promossi Unohorthodox e Tiger King. Bocciati Ferro e Mentana


Maria De Filippi
Le partenze di Canale 5: De Filippi torna il 17 settembre, GF Vip raddoppia al giovedì, fiction al venerdì


Wanna Marchi e Stefania Nobile
Wanna Marchi arriva su Netflix il 21 settembre – Video

4 Commenti dei lettori »

1. Antonio ha scritto:

4 ottobre 2022 alle 16:38

0 in grammatica per “gli” psicologi



2. pietrgaf ha scritto:

4 ottobre 2022 alle 17:05

concordo con tutti i voti, specialmente alla caduta di stile di Romina Power (che se voleva essere sopra le righe doveva sbattersene di quello che poteva dire Loredana Lecciso) e il più brutto inizio di stagione di Canale, tra il problema Bellavia (che mi auguro non venga fatta passare liscia) e la messa in onda del programma volgare di Pio e Amedeo in prima serata



3. DavideFI ha scritto:

4 ottobre 2022 alle 21:04

Romina Power è fusa di testa.



4. gianni ha scritto:

4 ottobre 2022 alle 21:45

@Antonio Davanti a ps, gn, pn, x, la grammatica prescrive gli articoli “uno”, “lo” e “gli”: uno psichiatra, lo psichiatra, gli psichiatri; lo gnocco, gli gnocchi; e così lo pneumatico, lo xilofono. A che scopo? Evitare il suono contiguo di tre consonanti.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.