12
settembre

Lingo, a Caterina Balivo non bastano i baffi

Caterina Balivo - Lingo

Caterina Balivo - Lingo

Da Marco Liorni a Flavio Insinna, da Gerry Scotti a Paolo Bonolis, il preserale della tv italiana parla principalmente al maschile. L’unica con i baffi, però, è Caterina Balivo.

“E’ la prima volta che conduco un game e poi a quest’ora, in questo genere di programmi, ci sono solo uomini in tv. E allora io c’ho provato a camuffarmi da uomo ma, vi dico la verità, mi risulta un po’ difficile. E poi nel 2022 ancora facciamo queste differenze di genere? L’importante è essere bravi e noi speriamo di diventarlo”

sono le parole con cui la conduttrice, fintamente baffuta e con questa strepitosa e originalissima vena ironica (!), ha inaugurato la sua nuova vita a La7 e soprattutto una nuova avventura per la rete diretta da Urbano Cairo, che nel preserale (dal lunedì al sabato alle 18.50) tenta la via del game con Lingo – Parole in Gioco.

Buone intenzioni a parte (lodevole il messaggio, meno i baffi finti), il format è lo stesso proposto – con una durata inferiore – lo scorso anno su Rai 2 da Giancarlo Magalli (Una Parola di Troppo, in onda al pomeriggio). Si gioca con la lingua italiana, con il rischio monotonia a farla subito da padrone; d’altronde, in ogni gioco le coppie di concorrenti devono sempre indovinare le lettere mancanti e comporre le varie parole.

La differenza la fa – o meglio, dovrebbe farla – la conduzione. Ma quella della Balivo, a dispetto di Magalli, risulta straordinariamente moscia, tradita forse dall’emozione e il timore della prima volta alla guida di un game. Sembra quasi sia capitata lì per caso (e non è detto che non sia così!), con i baffi finti per non farsi riconoscere.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Chi vuole Sposare mia Mamma? - Maria Corso, la figlia Carlotta e Caterina Balivo
Chi Vuole Sposare mia Mamma, un rovescio generazionale che tende al ridicolo


Caterina Balivo - Vieni da Me
«Vieni da me» che non sono la stessa dell’anno scorso. Ma non basta


Caterina Balivo - Vieni da Me
Vieni da Me, anzi scappa


Monte Bianco - Prima puntata 6
MONTE BIANCO: L’IMMEDIATA ELIMINAZIONE DI ARISA SPEGNE L’UNICA FIAMMA CHE POTEVA ACCENDERE UNO SHOW NOIOSO

5 Commenti dei lettori »

1. R101 ha scritto:

12 settembre 2022 alle 21:26

@Fabio Fabbretti
Una domanda: ma te piace qualcosa della televisione oppure non piace proprio nulla?
Perché dalle recensioni dei programmi traspare sempre una critica (non costruttiva) nei riguardi di ogni novità televisiva.
Sembra quasi che tu ti sia stancato di guardare la TV ma, effettivamente, se così fosse, puoi sempre fare un altro lavoro.
Dopodiché fai ciò che vuoi.



2. Fabio Fabbretti ha scritto:

12 settembre 2022 alle 21:35

@R101 L’ultima frase mi conforta, grazie :D



3. R101 ha scritto:

13 settembre 2022 alle 00:09

😉😘



4. Marco Cappuccini ha scritto:

13 settembre 2022 alle 11:04

Sinceramente sono d’accordo con R101.
Il programma ha sì margini di miglioramento, tuttavia è stata la prima puntata e in fondo, è stata godibile. La Balivo alla conduzione di un game non mi è dispiaciuta, anzi. Io l’ho trovata tutt’altro che moscia ma incalzante e simpatica.
Meno negatività, più costruttività!



5. andreaC. ha scritto:

14 settembre 2022 alle 09:20

La7 è una rete impegnata rispetto a RAI1 e RAI2. Un gioco, un programma del genere ci sta bene . Perché rai2 ha rinuciato? Forse perché rispetto al resto della programmazione era troppo cutlurale??? :D

Per quanto riguarda le critiche. Se si parla bene di una cosa non si attrae l’attenzione né si stimola il dibattito (è il principio di facebook), poi sì certe critiche sono eccessive, ma non è il caso di questo articolo. Come si giudica si verrà giudicati.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.