24
giugno

Su Canale 5 debutta una serie greca: La Strada del Silenzio

La strada del silenzio

La Strada del Silenzio

Questa volta Canale 5 volge lo sguardo su una nuova nazione. Niente Spagna, che ha regalato Il Segreto e che spopola a livello internazionale con serial come La Casa di Carta, e nemmeno Turchia, paese assai prolifico che ha dato i natali a Can Yaman e al genere dizy. La nuova proposta seriale estiva dell’ammiraglia Mediaset arriva dalla Grecia. Si chiama La Strada del Silenzio ed andrà in onda prossimamente in prima serata.

E’ un thriller che si origina con il dirottamento di uno scuolabus, con 9 bambini a bordo, la maggior parte dei quali appartenenti a famiglie facoltose, che saranno presi in ostaggio. La polizia non sa come muoversi e una giovane giornalista è inaspettatamente al centro degli eventi. E’ in qualche modo ispirata all’antica fiaba de Il pifferaio di Hamelin (conosciuta anche come Il Pifferaio Magico), storia di un pifferaio che per vendetta portò via i bambini dalla città.

La fiction è stata presentata a Cannes (il distributore è Beta Film) lo scorso aprile ed è composta da 13 puntate da un’ora. Il titolo originale è Siopilos dromos ed è andata in onda lo scorso anno sul canale greco Mega ricevendo buone recensioni. Da qui probabilmente anche la scelta (anomala) di proporre una serie greca nel prime time di una rete generalista. Come andrà l’azzardo?

la strada silenziosa

La Strada del Silenzio

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


House of Hammer
House of Hammer: su Discovery+ i segreti più oscuri della famiglia di Armie Hammer, il divo di Hollywood accusato di stupro e cannibalismo


a league of their own
Il film cult Ragazze Vincenti diventa una serie Prime Video


IRMA vep
La vita imita l’arte nella nuova miniserie di Sky


Nuovo Cinema Paradiso
Giuseppe Tornatore al lavoro sulla serie tv ispirata a ‘Nuovo Cinema Paradiso’

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.