13
maggio

Scontro tra Del Debbio e una giornalista russa a Dritto e Rovescio. «Ma Vaffanc*lo» – Video

Dritto e Rovescio

Dritto e Rovescio

A Dritto e Rovescio si parla di pace, facendo la guerra. Ieri sera, nel corso della puntata del suo talk show, Paolo Del Debbio ha infatti ospitato, in collegamento, Yulia Vityazeva, la giornalista dell’agenzia russa Newsfront. L’atmosfera si è subito surriscaldata, con il conduttore che non ha perso tempo a mandare la donna a quel paese.

Al centro del dibattito l’invasione della Russia in Ucraina. Dopo averle dato la parola, Del Debbio si è innervosito per le parole della Vityazeva, intenta a sottolineare – dopo aver contestato la presenza di alcuni tra il pubblico con la bandiera degli “avversari” – che a scatenare lo scontro armato russo fosse stato il genocidio portato avanti, in Crimea e in Donbass, dagli ucraini fin dal 2014. Di fronte all’auspicio della donna, ovvero che bisognava fermare il popolo di Zelensky prima che continuasse ad uccidere la sua stessa gente, il giornalista ha deciso di controbattere:

Non è che i russi non stanno uccidendo, mi scusi un attimo. (…) Che stanno lì? A giocare con i palloncini?“.

Se da un lato la Vityazeva continuava a ribadire che “noi colpiamo solo obiettivi militari, non giustifico ma sostengo l’operazione militare speciale condotta da Putin“, rimarcando che è stata l’Ucraina ad uccidere per tanto tempo “le persone pacifiche del Donbass“, dall’altro Del Debbio si è infuocato ancora di più quando la “collega” ha precisato che quello di Dritto e Rovescio era già il terzo studio, che si decantava “democratico”, dove non aveva la possibilità di esprimersi liberamente perché forse “si vergognava” di raccontare le vere ragioni dello scontro per far passare la Russia dalla parte del torto.

Come si permette? Ma come si permette? Queste cose qui le dice ai suoi amichetti. Non a me. Io non ho trascurato un bel niente. Questa televisioni hanno parlato della Crimea e del Donbass. Non abbiamo tras… proprio un fico secco

ha risposto a tono Paolo, non intimidendo per nulla la sua ospite:

Voi volete solo parlare del fatto che Putin è aggressore e i vostri ospiti, che stanno lì in questo studio con queste bandierine ucraine…“.

Parole che non sono andate a genio al conduttore, che l’ha mandata letteralmente a quel paese prima di lanciare la pubblicità:

Signora, in questo studio ci sta chi voglio io, se voglio io. Se lei ci vuole stare ci sta, sennò se ne va a casa. Ci vediamo dopo la pubblicità… – e in sottofondo esclama – Ma vaffanc*lo“.

In ogni caso, al ritorno dal nero, la giornalista era regolarmente collegata e ha continuato ad interagire per tutto il primo blocco del programma con Del Debbio e gli altri ospiti. Tra un battibecco e l’altro, il nervosismo era però ancora decisamente palpabile.



Articoli che potrebbero interessarti


Paolo Del Debbio
Paolo Del Debbio non slitta più, Giordano invece sì (troppo polemico?): ecco cosa succede a Mediaset


Dritto e Rovescio
Dritto e Rovescio, l’endorsement di Salvini: «Grazie a Rete4 per questi programmi». Poi lo scontro tra Del Debbio e un pakistano in collegamento – Video


Paolo Del Debbio
Paolo Del Debbio: «Non mi candido a sindaco di Milano»


Stefania Cavallaro - Tg4
Il Tg4 ‘ignora’ Del Debbio: «Vi ricordo l’appuntamento con Dritto e Rovescio condotto dal presentatore» (Video)

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.