21
aprile

Frontiere: Di Mare in prima serata su Rai3 per parlare del conflitto Russia-Ucraina (dopo le critiche alla Berlinguer)

frontiere

Frontiere

Che storia è questa? La guerra di Putin” è il titolo di Speciale Frontiere, in onda eccezionalmente in prima serata, stasera su Rai 3 alle 21.20, condotto dal direttore di rete Franco Di Mare. Quali sono le vere mire del leader del Cremlino? Tenere l’Ucraina lontano dall’alleanza atlantica? Difendere il Donbass in mano ai separatisti filorussi?  Il suo obiettivo è lo stesso degli innumerevoli conflitti seminati da Mosca nelle ex repubbliche sovietiche, come Abkhazia e Ossezia del Sud in Georgia, e la Transnistria in Moldova? O si tratta della prima tappa di un’operazione militare su larga scala per rifondare l’Impero sovietico?

Nel corso della trasmissione si analizza anche dal punto di vista storico quanto sta accadendo oggi, per capire le reali motivazioni dietro al conflitto in corso. In studio si confrontano con Franco Di Mare: Claudio Cerasa, direttore del quotidiano Il Foglio; Giovanni Savino, docente universitario di Storia contemporanea presso l’Accademia presidenziale e all’Università Finanziaria di Mosca; Nona Mikhelidze, politologa di origine georgiana dell’Istituto Affari Internazionali; Antonio Caprarica, Edith Bruck, scrittrice e testimone della Shoah ungherese; Andrea Graziosi, ordinario di Storia contemporanea all’Università Federico II di Napoli; Cuno Tarfusser, giudice della Corte Penale Internazionale, per analizzare le radici storiche del conflitto, e approfondire le ragioni storiche, economiche e geopolitiche della guerra tra Mosca e Kiev.

Intervengono inoltre Paolo Rumiz, editorialista de La Repubblica; Adriano Roccucci, professore ordinario di Storia contemporanea presso l’Università degli Studi Roma Tre; Giorgio Cella, docente all’Università Cattolica del Sacro Cuore e analista di politica internazionale; l’economista Giuseppe Sabella e il giornalista Andrea Sceresini, autore di molte inchieste e reportage di guerra per «La Stampa», «Il Foglio», «Il Fatto Quotidiano» e «l’Espresso» e che ha realizzato con Giuseppe Borrello il documentario “La disciplina del silenzio”, indagine sulla morte del fotoreporter Andrea Rocchelli, ucciso 24 maggio 2014 in Donbass.

Negli ultimi giorni Di Mare aveva aspramente criticato CartaBianca per aver ospitato Alessandro Orsini. E’ questo uno speciale “compensativo”?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Franco Di Mare, Frontiere
«Frontiere» chiuse per Semprini: Franco Di Mare condurrà il magazine su Rai3


Frontiere
Frontiere: Franco Di Mare debutta con la tragedia di Corinaldo


Franco Di Mare
Rai 1, Franco Di Mare trasloca in seconda serata


Franco Di Mare
Di Mare contro Berlinguer per l’ospitata di Orsini: «Effettaccio per aumentare lo share». La reazione della conduttrice

1 Commento dei lettori »

1. v ha scritto:

21 aprile 2022 alle 20:34

Si, fate bene. Ogni tanto bisogna parlare dei problemi del mondo, non lo fa nessun programma. Non potete sempre occuparvi degli Italiani. Noi stiamo bene, siamo dei muli di lavoro con i soldi sotto il materasso.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.