14
gennaio

Doc 2: avevamo previsto la morte di Lorenzo – Intervista a Saurino, Spollon e Malanchino

Alberto Malanchino, Pierpaolo Spollon e Gianmarco Saurino

Alberto Malanchino, Pierpaolo Spollon e Gianmarco Saurino

Che qualcosa di brutto e definitivo stesse per accadere al dottor Lorenzo Lazzarini di Doc – Nelle tue Mani lo avevamo capito vedendo in anteprima il primo episodio della prima serata, e non ci eravamo sbagliati: il personaggio di Gianmarco Saurino è morto durante l’emergenza Covid, lasciando una scia di dolore in reparto e un grande rimorso in Andrea Fanti (Luca Argentero), che probabilmente nel momento clou ha fatto qualcosa di cui si sta pentendo. Abbiamo intervistato Saurino insieme a Pierpaolo Spollon Alberto Malanchino prima della messa in onda, commentando i loro personaggi e parlando di pandemia e nuovi impegni. Ecco cosa (non!) ci ha detto.

Pierpaolo, Riccardo è un bel personaggio, forte, emotivamente carico, ma tu lo rendi anche leggero, divertente. Hai interpretato tanti ruoli leggeri, e a sorpresa in Blanca sei stato il cattivo: chi vorresti interpretare adesso?

Mi piacerebbe esplorare la sessualità. Sessualità inteso gusti diversi dai miei, quindi il cambio di sesso, tutto questo mondo, una diversità che mi piacerebbe esplorare un po’ di più. Mi piacerebbe interpretare un ragazzo che cambia sesso. Sì, sono abbastanza interessato.

Alberto, il tuo Gabriel è invece il personaggio che somiglia di più a Doc, per la generosità e lo spirito di sacrificio. In questa stagione farà anche un percorso terapeutico per superare il trauma del Covid: com’è stato interpretare questo mentre vivevi la pandemia? Difficile o un po’ catartico? Ti ha aiutato?

In alcuni punti è stato catartico sicuramente, però ho anche vissuto con molta serenità il mio quotidiano, il mio personale, quello di Alberto, con tutto quello che vuol dire interpretare un personaggio come Gabriel Kidane. Poi sono sempre convinto che esista una relazione molto forte tra l’interprete e quello che è un personaggio, ci si incontra a metà strada, ma non ho avuto una crisi viscerale che mi portavo a casa tutti i giorni, ero contento, felicemente stanco a fine giornata di aver navigato un pochino i traumi di Gabriel, le sue crisi, le sedute. Ma non era un lavoro che tornato a casa mi faceva stare male e questo per me è anche fondamentale, perchè credo che sia anche un po’ il salvagente di un attore. Poi ognuno giustamente se lo vive come vuole questo lavoro, però il fatto di non sprofondare perchè il tuo personaggio sta per sprofondare… questa è una cosa che mi ha fatto piacere. Ho scoperto anche della cose mie, ma mi sono preservato.

Gianmarco, ho visto in anteprima il primo episodio della prima serata, non ho visto il secondo ma ho una sensazione drammatica per quanto riguarda Lorenzo. Lui vive in quell’episodio il coronamento del suo sogno con Giulia, poi arriva la botta, perchè lei si ammala. Non so se puoi rassicurarmi…

Non so come rassicurarti. Questa stagione porta a compimento dal punto di vista emotivo, come avete visto, questo rapporto, l’intimità tra Giulia e Lorenzo, lo porta alla sua massima elevazione, ma ti assicuro che quello che accadrà nelle prossime puntate, non dico che sarà così tanto forte come nella prima, ma sicuramente cesellerà quest’elevazione. Ecco, ti posso rassicurare da questo punto di vista.

Hai avuto anni intensi in tv, con fiction molto amate, mentre adesso ti stai dedicando al cinema. Hai altri progetti televisivi e, soprattutto, ci sarai nella nuova stagione di Che Dio ci Aiuti?

Ci sarai? (gli chiede Spollon, nota diMD)

Ci sarò? (Canticchia, nota di DM) Per quanto riguarda i progetti futuri, non so mai quanto si può dire, mi perdonerai questa roba, ma penso che ci sarai abituata. Per quanto riguarda Che Dio ci Aiuti rispondo con la stessa cosa che ti ho appena detto (ride, nota diDM).

La immaginavo questa cosa (ridiamo).

Non so quello che posso dire, ma ti posso dire che tre stagioni di Che Dio ci Aiuti per me sono state stra-importanti perchè mi hanno dato tutto quello che ho e so in questo momento anche rispetto al mestiere che faccio. Credo che ai personaggi come alle cose è giusto dare una fine, non so se succederà in questa stagione, non so in che modo, ma sono sicuro che arriverà una fine in qualche modo.

I vostri personaggi saranno cambiati dal Covid, come del resto credo sia successo ad ognuno di noi. Voi in che modo siete stati cambiati da questa situazione?

Saurino: Come diceva Pierpaolo prima (in conferenza stampa, nota diDM), il problema è non essersi resi conto di quanto siamo cambiati. Credo che essere ancora all’interno del ciclone non ci fa rendere conto, per quanto ci abbia toccato forse a tutti in maniera un po’ diversa, per quanto so di loro ci ha toccato abbastanza poco dal punto di vista dei lutti e dei drammi della salute personale. Ancora non sappiamo quanto siamo stati toccati ma sicuramente siamo stati toccati molto, penso ai ragazzi di 15 anni in DAD da due anni.

Spollòn: E’ una cosa che non abbiamo ancora metabolizzato, la capiremo.

Grazie mille, e complimenti.

Saurino: Stai serena.

Caro Gianmarco, “serena” ha fatto una brutta fine!



Articoli che potrebbero interessarti


Luca Argentero
Luca Argentero a DM: «Ho sempre immaginato Doc su tre stagioni. Il personaggio ha successo perchè non ha filtri» – Video


Doc - Nelle tue Mani - Gianmarco Saurino
Doc – Nelle tue Mani: dove avete già visto gli interpreti


Luca Argentero
Doc non tornerà prima del 2024, parola di Luca Argentero


Pierdante Piccioni
Matthew McConaughey sarà il DOC americano?

1 Commento dei lettori »

1. Stefano G. ha scritto:

14 gennaio 2022 alle 14:50

malimor***** LO SPOILER NEL TITOLO ?????
Ma chi non ha visto la seconda puntata eh ?????
Ma per favore….



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.