21
dicembre

Mattarella striglia i media: «Sproporzionato risalto agli anti-scienza»

Sergio Mattarella (foto Ufficio Stampa Quirinale)

Pure Sergio Mattarella si è stufato della minoranza rumorosa no-vax e dei media che a essa danno ampio risalto. Nel suo recentissimo discorso in occasione dello scambio di auguri con i rappresentanti delle Istituzioni, il Presidente della Repubblica non ha potuto fare a meno di citare l’attuale situazione pandemica, riservando una chiosa polemica alla sovraesposizione che i mezzi d’informazione offrono alle “poche eccezioni” di chi rifiuta la scienza. 

Chissà che il capo dello Stato non si riferisse proprio ai dibattiti televisivi, diventati ormai uno spazio in cui la figura del no-vax è persino codificata. Accolta come necessaria. Così, al virologo di turno viene affiancato un attivista contrario al vaccino e la rissa è assicurata. A ciò si aggiunge una narrazione che tende a descrivere il Paese come in preda a pericolosi rigurgiti anti-scientifici; la realtà piuttosto ci dice che tali fenomeni deleteri esistono, sì, ma sono per fortuna circoscritti.

La prima difesa dal virus è stata la fiducia della stragrande maggioranza degli italiani nella scienza, nella medicina. Vi si è affiancata quella nelle istituzioni, con la sostanziale, ordinata adesione a quanto indicato nelle varie fasi dell’emergenza dai responsabili, ai diversi livelli

ha premesso Mattarella, che poco prima aveva richiamato alla “prudenza” e alla “responsabilità”. Poi la bacchettata sui no-scienza:

Le poche eccezioni, alle quali è stato forse dato uno sproporzionato risalto mediatico, non scalfiscono in alcun modo l’esemplare condotta della quasi totalità degli italiani“.

L’uomo del Colle ha detto no. No all’eccessiva rappresentazione di una realtà minoritaria ma chiassosa. Una vera e propria strigliata a chi, nelle ultime settimane, aveva rivendicato la necessità di dare spazio in tv anche alle posizioni più estreme e – aggiungiamo – folkloristiche. Cosa ben diversa dal legittimo dovere di cronaca.

Alle parole di Mattarella hanno fatto poi eco quelle della Presidente del Senato, Elisabetta Casellati, che ha individuato nella campagna vaccinale l’unica strada per uscire dall’emergenza pandemica.

Alla fine di questo anno dobbiamo essere orgogliosi della nostra risposta alla pandemia: purtroppo la crisi è lunga e intermittente. In questa fase le istituzioni hanno un’accresciuta responsabilità verso i cittadini. Bisogna superare l’emergenza e stabilizzare la crescita economica. Entrambe le priorità trovano risposta nella campagna vaccinale

ha affermato la seconda carica dello Stato.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Tg1
Tg1, l’inviata Lucia Goracci ’sequestrata’ in Romania da una senatrice no-vax – Video


Alberto Barachini
Vigilanza Rai, Barachini: «No a censura sui no-vax. Penso che il servizio pubblico non dovrebbe fare infotainment»


Bruno Vespa
Bruno Vespa: «Quando ho ospitato un medico che diceva cose senza fondamento, ho troncato la trasmissione». E lo dice a Giletti, che ha portato in tv il dentista col braccio in silicone!


Massimo Giletti, Guido Russo
Non è l’Arena, parla il dentista col braccio in silicone: «Era una provocazione». Gaia Tortora bacchetta Giletti: «Legittimazione che non va bene»

4 Commenti dei lettori »

1. Paolo ha scritto:

21 dicembre 2021 alle 12:56

Finalmente è successo quello che speravo: editto bulgaro per i novax! Adesso le dirigenze delle varie emittenti si comportino di conseguenza. Non c’è spazio per questa gente!



2. lordchaotic ha scritto:

21 dicembre 2021 alle 17:31

I no-vax sono riusciti pure a stufare Mattarella, che è una delle persone più pazienti del mondo.



3. Paolo ha scritto:

22 dicembre 2021 alle 00:40

@lord: e ci voleva lui! E’ come un regalo di Natale, per quel che mi riguarda.



4. Paolo ha scritto:

23 dicembre 2021 alle 01:13

e pure Draghi, pare. era dannatamente ora.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.