18
dicembre

Marcello Mastroianni: la programmazione Rai a 25 anni dalla morte

Marcello Mastroianni

Marcello Mastroianni

Una domenica al cinema con un solo protagonista: Marcello Mastroianni. A 25 anni dalla scomparsa, Rai dedica allo straordinario attore – capace di passare dalla commedia al dramma impegnato fino al film d’autore – una programmazione speciale, in particolare su Rai Movie e Rai Storia.

Su Rai Movie, il volto di Mastroianni accompagna l’intera giornata: si comincia con “La terrazza” di Ettore Scola alle 6.10, poi alle 9.10 “La notte” di Antonioni, il giallo di Luigi Comencini “La donna della domenica”, alle 11.15, per arrivare alla commedia di Eduardo “Questi fantasmi” alle 13.10. Nel pomeriggio, alle 15.00, ancora commedia con “Fantasmi a Roma” e “Dramma della gelosia (tutti i particolari in cronaca)” alle 16.50 seguiti, alle 18.45, dal film drammatico di Monicelli “I compagni”. In prima serata un grande classico di Vittorio De Sica che dirige l’accoppiata Mastroianni-Loren in “Matrimonio all’italiana”, entrambi protagonisti del più lieve “ieri, oggi, domani”, in onda alle 23.00. A concludere la giornata, alle 1.10 “La città delle donne”, regia di Federico Fellini.

Su Rai3, invece, Pino Strabioli e Maurizio Costanzo tracciano un ritratto di Mastroianni in “Io lo conoscevo bene”, alle 13, mentre Rai Premium, sempre il 19 dicembre, propone “Le due vite di Mattia Pascal” di Monicelli alle 6.25. Rai Storia ricorda Marcello Mastroianni con “il giorno e la Storia” – in onda a mezzanotte con repliche nel corso della giornata – e con una programmazione dedicata a partire dalle 21.10 che ripropone un’intervista realizzata da Mimma Nocelli per “L’altra domenica”, piena di auspici per il cinema italiano e per le festività natalizie del 1977. A seguire “Marcello Mastroianni: un divo in tv”: le incursioni televisive dal Musichiere 1958 a Canzonissima 1971, intervallate da una celebre intervista del 1988 di Enzo Biagi. Alle 21.45, poi, il doc “Marcello Mastroianni, un Casanova dei nostri tempi”, un ritratto dell’uomo, dell’attore e del divo all’apice di una sfolgorante carriera cinematografica e della fama internazionale, raccontato da Antonello Branca nel 1965. Alle 22.35, infine, il capolavoro di Federico Fellini “Ginger e Fred”, interpretato da Marcello Mastroianni e Giulietta Masina, e ambientato nel dietro le quinte di un grande show natalizio di una TV privata, in cui si ritrovano, dopo quarant’anni, due ballerini di tip tap, star dell’avanspettacolo.

Sulla home page di RaiPlay verranno messe in evidenza 27 pellicole tra cui “Divorzio all’italiana” di Germi, “Le notti bianche” di Visconti e “I soliti ignoti” di Monicelli. A questi titoli si aggiungerà il documentario “Marcello Mastroianni: l’italiano ideale”. Tutte le testate giornalistiche saranno impegnate a ricordare il grande attore nelle edizioni dei telegiornali. Rainews24 proporrà filmati dalle Teche Rai e la Tgr Sicilia realizzerà un servizio sui comuni in cui sono stati girati film che hanno avuto Mastroianni per protagonista: un viaggio da Taormina a Ispica, alla ricerca delle testimonianze di chi l’ha conosciuto. La Tgr Emilia Romagna intervisterà il direttore della cineteca di Rimini per raccontare il rapporto di Federico Fellini con l’attore che ha diretto in tanti film e scene iconiche, dal girotondo di “8 e ½” al bagno nella fontana di Trevi con Anita Ekberg de “La dolce vita”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Alberto Matano - La Vita in Diretta
Sciopero Rai: La Vita in Diretta in onda grazie a tecnici supplenti. Saltano Bortone e Sottile


Tripoli e Montesano - Ballando con le Stelle
Montesano-Ballando, il caso diventa un giallo: ha fatto il saluto romano? Lui nega e la Tripoli spiega che era un gesto della coreografia


cavallo rai da us
Rai risponde a Mediaset: «Vinciamo dall’inizio dell’anno. Rai1 batte Canale 5 anche in autunno»


rai
Rai: bilancio semestrale in utile

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.