14
dicembre

Tg1, l’inviata Lucia Goracci ’sequestrata’ in Romania da una senatrice no-vax – Video

Tg1, il servizio di Lucia Goracci

La troupe del Tg1 è rimasta per ore in “ostaggio” della senatrice no-vax. E’ accaduto in Romania, dove la giornalista Lucia Goracci si era recata per documentare l’allarmante contesto sanitario, influenzato da una bassa percentuale di vaccinati rispetto agli altri paesi europei. L’inviata, durante l’intervista a Diana Șoșoacă – esponente politica sostenitrice di teorie negazioniste del Covid – è stata “sequestrata” da quest’ultima e solo l’intervento dell’ambasciata italiana ha risolto la situazione.

La disavventura è stata raccontata ieri sera in un servizio del Tg1 a cura della stessa Lucia Goracci. La giornalista, dopo aver incalzato la senatrice sulla pandemia, ha dapprima ottenuto risposte seccate. La senatrice ha minimizzato sostenendo che il numero di morti sia esiguo, poi ha messo in dubbio l’emergenza ed evocato un futuro Processo di Norimberga.

La invito a restare sui fatti, ma prima mi mette alla porta, poi l’incredibile. Con un balzo la senatrice Șoșoacă ci si para davanti e ci chiude dentro. Poi, riprendendoci, chiama la polizia

ha raccontato l’inviata del Tg1, documentando con le immagini la crescente tensione di quei momenti. “Alcune persone hanno fatto irruzione nel mio ufficio“, aveva lamentato la senatrice, chiedendo l’intervento degli agenti. Compresi i rischi della situazione, la giornalista era riuscita lì per lì ad uscire e una volta fuori aveva raccontato tutto alla polizia.

Al suo rientro, per raggiungere i colleghi ancora “sequestrati”, la situazione è degenerata. “I criminali sembriamo diventati noi. Così il marito della senatrice mi prende a pugni“, racconta Goracci che lamenta la mancata difesa dei poliziotti, mentre la troupe riprende e la Șoșoacă fa pressione sulla polizia: “Cancellate tutte le immagini“. Seguirà una perquisizione in commissariato.

La disavventura è finita solo otto ore dopo grazie all’intervento dell’Ambasciata italiana.

La nota Usigrai

La Romania chieda scusa per la grave aggressione all’inviata della Rai Lucia Goracci e ai suoi collaboratori. Se Bucarest è ancora Europa, fatti del genere non devono accadere“. È quanto si legge in una dichiarazione dell’Esecutivo Usigrai che specifica le modalità del grave episodio con “una giornalista sequestrata nell’ufficio di una senatrice No Vax durante un’intervista, presa a pugni davanti alla polizia che avrebbe dovuto proteggerla e poi perquisita e trattenuta per ore in commissariato. Ci aspettiamo – conclude la nota Usigrai – che il governo italiano e I’Unione Europea chiedano spiegazioni al governo Romeno su quanto è accaduto“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Amadeus al Tg1
Sanremo 2023: l’annuncio dei Big domenica 4 dicembre al Tg1 delle 13.30


Promo Viva Rai2
Fiorello ’sbeffeggia’ il Tg1 nel nuovo promo di Viva Rai2


Monia Venturini interrompe il collegamento al Tg1
Tg1, l’inviata interrompe il collegamento e ’scappa’ dall’inquadratura. Ecco cosa è successo – Video


Monica Maggioni
Monica Maggioni su Fiorello: «Le cose sono più complesse di come sembrano»

3 Commenti dei lettori »

1. Paolo ha scritto:

14 dicembre 2021 alle 13:05

Quando dico tutte quelle cose contro i novax ho ragione.



2. Mariana Munteanu ha scritto:

15 dicembre 2021 alle 00:20

Mi chiedo, come puoi essere “sequestrata” quando sei stata invitata a uscire e a non registrare con il telefonino, e tu ti rifiuti? E se dopo ripetute volte di “Fuori, esci dalla mia casa!” tu spingi ancora per filmare dentro, la senatrice a chiamato la polizia, come si chiama questo? Romania NON deve chiedere scuse a nessuno! E’ una cosa privata tra la Goracci e la Sosoaca, che se la risolvino in giustizia!



3. Marco3.0 ha scritto:

15 dicembre 2021 alle 19:16

Mariana Munteanu forse ti è sfuggito il fatto che la senatrice ha letteralmente chiuso dentro la giornalista e i suoi collaboratori a chiave e che poi quando questa è uscita ha trattenuto gli altri chiusi a chiave. Da noi in Italia questo si chiama sequestro.
La Romania non solo deve chiedere scusa, ma deve pure chiarire se vuole restare dentro o fuori all’Europa.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.