6
settembre

Buoni o Cattivi: Veronica Gentili al debutto su Italia1. Baby gang ed Emis Killa nella prima puntata

Buoni o cattivi

Buoni o Cattivi

Ennesimo debutto per Veronica Gentili. La lanciatissima giornalista Mediaset da domani, per quattro martedì, sarà in prima serata su Italia 1, con Buoni o Cattivi, nuovo programma di Videonews che racconta spaccati della realtà italiana, attraverso storie vere in presa diretta, al confine tra il bene e il male. Ogni appuntamento ha un tema e si compone di due parti:

  • Il film: una narrazione ritmata e intensa e un montaggio serrato e moderno portano il telespettatore dentro i fatti e la cronaca,  in modo talvolta anche duro;
  • L’intervista: il dialogo disteso e intimo di Veronica Gentili con un protagonista dei nostri tempi si intreccia con le storie e offre una riflessione sul tema della puntata. L’intervista si svolge a La Lanterna Rome, la cupola moderna che sovrasta il cuore della capitale con la struttura di vetro e acciaio firmata Fuksas.

Nella prima puntata, dal titolo L’odio di strada, ci si concentra  sulle baby gang, di italiani e di extracomunitari, sulle guerre per controllare pezzi di cittàsull’iniziazione al gruppo e a un percorso di violenza che mette in conto aggressioni, risse, vendette, finanche la morte. L’obiettivo si addentra nel sottobosco dei rituali e degli eccessi che poi finiscono nei testi della musica trap, incrociando tormenti e scelte di chi ne è uscito in tempo. Il programma darà spazio a Diana, giovane studentessa bullizzata e minacciata con un coltellino puntato alla gola, e a Paolo, padre di Carolina, morta suicida a 14 anni per un suo video messo sul web a sua insaputa. Si parlerà anche di chi cerca la redenzione giorno per giorno, nella convinzione di avere un debito con il proprio destino, come il caso di un ex spacciatore, oggi impegnato nel volontariato.

L’intervista di Veronica Gentili è con Emis Killa, rapper tra i più amati dal pubblico italiano, uno che quella Milano l’ha vissuta in prima persona, ma al momento giusto ha deciso da che parte stare. Queste alcune delle sue dichiarazioni:

“Il malandrino non fa musica, è impegnato a condurre un altro tipo di vita, nell’illegalità. Sono sempre stato attratto da quel mondo, un po’ pittoresco, se vogliamo, da quel tipo di vita, ma in quella vera, vedere come uno spara, sentire l’odore del sangue, è molto brutto, ti lascia il magone addosso. Io sono stato un malandrino come lo si può essere a quell’età, quando si è molto giovani. Non ho mai avuto guai con la legge, sono stato fortunato e intelligente da abbandonare presto quel treno e capire che non mi avrebbe mai portato da nessuna parte ma ho visto molti amici finire in galera o in comunità. A quell’età senti il peso del branco, cerchi una fratellanza, un’accettazione. Io sono cresciuto in una situazione in cui non mi è mancato l’amore da parte della mia famiglia ma mi è mancato il tempo con i miei genitori quindi la mia famiglia l’ho vissuta più in strada che in casa. Mi piaceva quando vedevo arrivare quello più grande a cui nessuno diceva niente, era comunque un potere, e il potere affascina chiunque. Per noi che non avevamo nessuna possibilità l’unico potere che si poteva mettere in atto era la violenza, la dominanza, sugli altri. Oggi anche la nostra compagnia sarebbe stata definita una baby gang”.

Buoni o Cattivi”: regia di Roberto Burchielli, capo redattore Claudia Marchionni, produttore esecutivo Manuela Polegri.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Buoni o cattivi, Veronica Gentili
Buoni o cattivi: Veronica Gentili va oltre «Lucignolo» (ma eccede sui contenuti)


Controcorrente
Controcorrente: Veronica Gentili conquista anche il prime time domenicale di Rete4


Veronica Gentili
Veronica Gentili non va Controcorrente. Galli sbotta: «Non dovevo venire»


Veronica Gentili
Controcorrente: Veronica Gentili in prime time su Rete4 nei lunedì estivi

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.