25
agosto

Vendetta: su Netflix la docuserie sulla ‘Guerra nell’Antimafia’

Vendetta

Vendetta

Vendetta: guerra nell’antimafia è la nuova docu-serie italiana Netflix in 6 episodi che sarà disponibile dal 24 settembre in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo. La docu-serie racconta e ricostruisce le vicende umane e processuali, ma anche lo scontro, tra Pino Maniaci e Silvana Saguto, due personalità di spicco dell’antimafia che, nel corso della loro vita professionale, si sono trovate coinvolte in situazioni controverse e accusate di reati contro cui esse stesse dovevano combattere.

Scritta e prodotta da Ruggero di Maggio e Davide Gambino (Mon Amour Films) e da Nicola Moody, Jane Root e David Herman (Nutopia), Vendetta: guerra nell’antimafia è il frutto di un lavoro iniziato nel dicembre 2005 con un accesso senza precedenti ai protagonisti, alle loro famiglie, ai loro team legali, alle aule di tribunali siciliane e ad un vasto archivio e materiale di repertorio. L’intento è quello di offrire un racconto in tempo reale ed un punto di vista oggettivo su una vicenda recente, complessa e ricca di colpi di scena, di verità e bugie.

Protagonisti della docu-serie sono infatti Pino Maniaci, giornalista e conduttore che da oltre 20 anni con la sua emittente TV siciliana Telejato dà spazio alla lotta alla criminalità organizzata, e Silvana Saguto, oggi ex magistrato del Tribunale di Palermo che, da Presidente della sezione Misure di Prevenzione, è stata per anni uno dei giudici più importanti e in prima linea nella lotta alla mafia in Sicilia.

Le storie dei due protagonisti si intrecciano quando nel 2013 Maniaci inizia a condurre una serie di inchieste su gravi episodi di corruzione a carico di alcuni rappresentanti della magistratura siciliana, in particolare della sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo, focalizzandosi proprio su Silvana Saguto. Maniaci accusa l’allora magistrato di aver sequestrato indebitamente dei beni, addebitando compensi eccessivi per la loro amministrazione, e aver portato diverse imprese in bancarotta, con la complicità del marito e di alcuni collaboratori. Silvana Saguto a sua volta accusa Pino Maniaci di favorire la mafia che lui stesso attaccava dalla sua emittente TV.

Nel 2016, la procura di Palermo indaga Pino Maniaci per diffamazione ed estorsione accusandolo di avere usato un “metodo a tenaglia”, intento a denigrare o esaltare, attraverso i suoi servizi tv, mafiosi e politici locali in cambio di pagamenti in denaro. Nello stesso anno, anche Silvana Saguto viene indagata: a suo carico 39 capi d’accusa tra cui corruzione, abuso d’ufficio e appropriazione indebita. Entrambi si proclamano innocenti. Entrambi credono che l’altro sia colpevole. Entrambi si dichiarano vittime di una vendetta.

Vendetta: guerra nell’antimafia si conclude con i verdetti di primo grado di Silvana Saguto e Pino Maniaci.

CREDITS :

Produzione: Nutopia in associazione con Mon Amour Films

Produttori esecutivi: Nicola Moody, Jane Root, Ruggero Di Maggio, Davide Gambino David Herman

Scritto da: Ruggero Di Maggio, Davide Gambino, Nicola Moody, Jane Root, David Herman

Regia: Ruggero Di Maggio, Davide Gambino, Flaminia Iacoviello, Daniela Volker, Suemay Oram

Montaggio: Luca Salvatori, Franco Bogino, Steve Barclay, Nadeem Khan, Sean Mackenzie, Iain Mitchell

Direttori della Fotografia: Mike Carling, Will Churchill, Andrea Nocifora, Giuseppe Vaiuso

Musica: Nitin Sawhney



Articoli che potrebbero interessarti


Federico Cesari
Netflix, le nuove fiction: in arrivo Nemesis, Lidia Poët, Tutto chiede Salvezza e Briganti


Netflix
Nasce Netflix Italia: dal 2022 la piattaforma pagherà le tasse sugli utili da abbonamenti


Pacchetti-TIMVISION
TIMVISION: le migliori piattaforme streaming in un’unica TV e a prezzi vantaggiosi. Ecco quanto si risparmia


The Chair 6
Sandra Oh è «La Direttrice» nella nuova serie di Netflix

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.