3
luglio

E’ morto Paolo Beldì

Paolo Beldì

Paolo Beldì

La tv dice addio ad uno dei suoi registi più rappresentativi. E’ morto a causa di un malore nella sua casa di Magognino, in Piemonte, all’età di 66 anni (ne avrebbe compiuti 67 tra nove giorni) Paolo Beldì, storico regista – tra gli altri – di Quelli che il Calcio. Era nato a Novara l’11 luglio del 1954.

Inizia la carriera negli anni ‘80 in Fininvest (Mediaset), dove firma la regia di trasmissioni come Mai dire Banzai e Mai dire Mundial, mentre l’esordio al varietà è grazie ad Antonio Ricci, che lo sceglie prima per Lupo Solitario e poi per Matrjoska. La svolta arriva con il passaggio in Rai, dove nel 1990 è il regista di Mi Manda Lubrano (oggi Mi Manda Raitre) e altri programmi, tra cui Svalutation di Adriano Celentano.

Il nome di Beldì è spesso affiancato a quello di Fabio Fazio, con il quale dà vita ad un importante sodalizio: da Diritto di Replica ai Festival di Sanremo 1999 e 2000 (all’Ariston c’è anche nel 2006, nell’edizione guidata da Giorgio Panariello), passando per Anima Mia e soprattutto Quelli che il Calcio, dove è sua la regia per tutta l’era Fazio e gran parte di quella di Simona Ventura (fino al 2009). Torna nella trasmissione della domenica pomeriggio di Rai 2 anche nelle stagioni 2011/12 e 2013/14. E poi tanti altri show, da Ballarò agli eventi musicali come Gigi, questo sono Io di Gigi D’Alessio (nel 2010 su Rai 1) e Rock Economy di Adriano Celentano (nel 2012 su Canale 5).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


friends gunther
E’ morto James Michael Tyler (Gunther di Friends)


Massimo Manni
Il regista di La7 Massimo Manni trovato morto in casa. Si indaga per omicidio


nicoletta orsomando
E’ morta Nicoletta Orsomando


Giorgio Lopez
E’ morto il doppiatore Giorgio Lopez. Era la voce di Danny DeVito, John Cleese, Dustin Hoffman e del dottor Nowzaradan di Vite al Limite

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.