28
giugno

Il Pranzo è Servito «con grande pudore» e tanta noia

Il Pranzo è Servito

Il Pranzo è Servito

Oggi è un altro giorno, in tutti i sensi. Alle 14.00 su Rai 1 non c’è più Serena Bortone (tornerà a settembre) ma Flavio Insinna, che riporta in tv un cult degli anni ‘80: Il Pranzo è Servito, ideato per Canale 5 da Corrado. E proprio dalle parole del mai dimenticato conduttore romano, inizia questa seconda vita del programma, a quasi trent’anni dall’ultima edizione. Un esordio timido e rispettoso di un gigante della televisione italiana, nei confronti del quale Insinna – e fa bene – si mostra quasi in difetto:

“Potevamo cominciare solo così, con un omaggio sincero, carico di affetto per un uomo straordinario, per Corrado, che c’ha regalato tantissime perle, tra queste Il Pranzo è Servito (…) Proviamo a giocare timidamente, con grande pudore, ed entrare nel magico mondo del Pranzo è Servito”

dice in apertura, dando ufficialmente il via a Il Pranzo è Servito su Rai 1. Stacchetto musicale fedele all’originale, scenografia che “ammicca” a quella del passato, risultando però alla vista decisamente fastidiosa (e brutta), e una gara tra concorrenti che di fatto mantiene – con una inevitabile rivisitazione – il medesimo meccanismo, a cominciare dall’elemento cardine della ruota (con tanto di simbolo della catena di discount che sponsorizza il programma), che quando sembra fermarsi su una casella, torna immediatamente a quella precedente.

Se rompere il ghiaccio poteva essere un problema, come direbbe Orietta Berti “poi ne restano mille”, su tutti il fatto che Il Pranzo è Servito così com’è, simile al passato, è un gioco che non diverte e non coinvolge. E se hai un format vecchio, rigido e, tanto per restare in tema, un tantino sciapo, la conduzione diventa un elemento importante per sparigliare un po’ le carte. E, invece, Insinna risulta troppo ossequioso e poco brioso.

Il Pranzo è Servito è fuori tempo, non solo per l’assenza di ritmo, e forse anche collocato nella fascia oraria sbagliata: se proprio andava riproposto, lo slot di E’ Sempre Mezzogiorno avrebbe forse alleggerito il tutto e reso meno indigesto un “Pranzo” eccessivamente pesante.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Il Pranzo è Servito
Il Pranzo è Servito: come funziona il quiz di Insinna, con la valletta Ginevra Pisani e il maggiordomo Maurizio Lastrico


Roberta Capua
Ecco il palinsesto di Rai1 per l’estate 2021


Flavio Insinna
BOOM! Il Pranzo è Servito con Flavio Insinna nell’estate di Rai 1


turner e il casinaro
Turner e il Casinaro: basta il cane

17 Commenti dei lettori »

1. ariel ha scritto:

28 giugno 2021 alle 15:59

ripropongo il commento che avevo lasciato sotto:
Ho atteso per decenni questo ritorno, che dire…delusione massima! Non mi è piaciuta la scenografia, non mi sono piaciute le grafiche delle portate, il Jolly che da un fiore e’ diventato il logo eurospin è un vero obbrobbio…non mi è piaciuto che il tabellone girevole contaportate fosse uno schermo…la ruota che si ferma ad una portata e dopo poco torna indietro rivelandone un’altra…non mi è piaciuto NIENTE! Che delusione!!!



2. Totino ha scritto:

28 giugno 2021 alle 16:16

Il gioco ha rispettato il format originale, forse è la mancanza di pubblico che da meno brio al programma, per quanto riguarda i jolly è logico che ci sia il logo dello sponsor perché il fiore era il simbolo di canale5 .



3. ariel ha scritto:

28 giugno 2021 alle 16:34

Si, so che il fiore era il logo di Canale 5, ma quel logo eurospin e’ orrendo…mettete come jolly che ne so, un piatto, la faccia buffa di un cuoco, il logo di Raiuno…e poi, quelle portate sono davvero brutte, come secondo prima c’era il pollo, ora una pentola che bolle…gusti personali, si intende, ma mi ha deluso davvero tanto!



4. giauz ha scritto:

28 giugno 2021 alle 16:57

@ariel
io ho la sensazione che abbiano tolto il pollo per non far parlare le solite associazioni animaliste… Dici che è esagerato? È il periodo storico che stiamo vivendo purtroppo



5. Dobby ha scritto:

28 giugno 2021 alle 17:33

Eh, sì, mò c’è la cancel culture dei cibi…… xD



6. franco casadio ha scritto:

28 giugno 2021 alle 17:56

IL GIOCO E’ STUPENDO E SERVE PER FAR PASSARE UN ORETTA SPENSIERATA INVECE DI PARLARE SEMPRE DI CRONACA E COVID MA CI PENSATE O NO



7. ariel ha scritto:

28 giugno 2021 alle 18:17

certo che ci pensiamo e sicuramente fa passare un momento di spensieratezza, ma il mio commento era puramente rivolto alla grafica/scenografie/ruota traballante.Non al resto, sará che sono una nostalgica, poco amante dei led e degli schermi, avrei preferito il vecchio compensato a righe bianche e blu.
Se avessero fatto una scenografia uguale all’originale, come fecero con “Rischiatutto”, credo che sarebbe stato davvero un bel tuffo nel passato e nei ricordi.



8. Jackinobello ha scritto:

28 giugno 2021 alle 18:28

Allora ero molto curioso anche io, direi che lo studio è molto simile a quello storico, parlo dei colori e dell’atmosfera. Chiaro che non poteva essere identico. Quello che è mancato un po’ è il ritmo, parliamo di un format di 30 anni fa quando i programmi avevano tempi più lenti.
Ci sono margini di miglioramento, è solo una prima puntata.



9. PAOLO SPREAFICO ha scritto:

28 giugno 2021 alle 20:03

Sapete dove si può vedere la prima puntata ? io ero al lavoro e non ho potuto….



10. Gianni ha scritto:

28 giugno 2021 alle 20:37

E così alla fine è arrivato anche il “pollitically correct”!
“Pollitically” come “pollo”. L’avete capita?
Dai su…



11. marco ha scritto:

28 giugno 2021 alle 21:07

a me é piaciuto moltissimo. poi Flavio é una persona garbata e professionale. L’unica pecca é la ruota che si blocca su una portata e poi torna indietro..per il resto é stata un’oretta passata piacevolmente tra i ricordi. voto personale 9



12. fabiano ha scritto:

29 giugno 2021 alle 03:13

Non sono per niente d’accordo.
E’ stata una prima puntata piacevole, Flavio si vedeva che era teso ed emozionato…..ma chi non lo sarebbe stato al suo posto?
Io preferisco questi giochini semplici e divertenti di una volta, al letame che circola in televisione, adesso.
Il giro della ruota, quello si, ha bisogno di essere migliorato.



13. Patrick ha scritto:

29 giugno 2021 alle 03:24

Mamma mia.. dopo 20 minuti di battute stupide, idiote, egoriferite e di logorrea intollerabile di Insinna, manco il gioco l’avesse inventato lui (PATETICO E RIDICOLO!!!!!) non ce l’ho più fatta a sentirlo parlare continuamente e ho staccato.
Non si poteva proprio tollerare. Di Corrado non ha nemmeno un’unghia. Che uomo fastidioso.



14. franco casadio ha scritto:

29 giugno 2021 alle 13:19

SONO IL CAMPIONE DELLA PRIMA PUNTATA E SE FOSSE PER ME PER LA SIMPATIA DI TUTTI DI CHI LAVORA STAREI SEMPRE IN QUEGLI STUDI MI HANNO RESO FELICISSIMO FAREI TRASMISSIONI TUTTI I SANTI GIORNI MI MANCANO GLI AUTORI FLAVIO GINEVRA E TUTTI



15. TelespettatoreNormale ha scritto:

29 giugno 2021 alle 15:07

Eh beh certo, troppo “classico”, troppo “pulito”, troppo DECENTE. Un’anomalia per la Rai1 degli ultimi mesi, non c’è manco un sieropositivo!

Molto meglio la clerici che una volta alla settimana ospita un travone a mezzogiorno, quando i bimbi in età prescolare guardano la TV in cucina insieme alla mamma che prepara il pranzo.



16. fabiano ha scritto:

30 giugno 2021 alle 10:56

–>> franco casadio complimenti, sei stato anche tu simpaticissimo !!!!!



17. Cristina Pezzini ha scritto:

1 luglio 2021 alle 13:46

Personalmente è piaciuto, Insinna un bravo presentatore e sempre pronto alle battute, non sempre facili se non trova concorrenti che ispirano simpatia, per fortuna il campione Franco Casadio è stato all’altezza della situazione.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.