4
luglio

Sky Nature: lo spettacolo della natura ha inizio. Ecco il nuovo canale Sky con Greta Thunberg e Francesca Michielin

Francesca Michielin

La salvaguardia del Pianeta e delle sue bellezze, la scoperta delle specie animali e dei paesaggi più incredibili. Così, Sky Nature, proverà a “restituire la spettacolarità del mondo naturale“. Il nuovo canale della pay tv di Comcast, visibile dal 1° luglio ai numeri 124 e 404, punta sulla documentaristica internazionale, ma con l’aggiunta di produzioni originali Sky profilate per il pubblico del nostro Paese. Tra di esse, si fa notare ed incuriosisce un programma di interviste sui temi ambientali condotto da Francesca Michielin.

Francesca Michielin su Sky Nature

La cantante vicentina prossimamente si confronterà con sei esperti di clima ed ambiente per capire come si possa agire per tutelare il Pianeta ed arginare gli effetti di alcuni comportamenti negativi dell’uomo.

Sono onorata di questa possibilità di scoperta e di azione. Sappiamo tutti che abbiamo poco tempo per salvaguardare il Pianeta, ma come possiamo farlo? Ci sono tantissimi piccoli gesti. Mi sto sensibilizzando su questo tema operando alcune scelte concrete come quella di scegliere vestiti di brand con un’etica ambientale e di utilizzare anche vestiti di seconda mano

ha affermato Francesca nel corso della conferenza stampa dei quattro nuovi canali di Sky. Nel prossimo autunno, inoltre, Sky Nature dedicherà ai temi ambientali anche un concerto dal Teatro la Fenice di Venezia, città simbolo della bellezza minacciata dai cambiamenti climatici e dall’innalzamento del livello dei mari.

Il documentario originale sull’Orso marsicano

Il mondo degli animali verrà esplorato da Sky Nature con un’altra produzione originale pensata per il pubblico italiano e riguardante l’Orso marsicano, una specie in via di estinzione che verrà raccontata in collaborazione con il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, area in cui vivono e sono protetti alcuni esemplari di questo maestoso animale. Il documento tv in via di progettazione – ha spiegato Roberto Pisoni (direttore di Sky Documentaries e Sky Nature, oltre che di Sky Arte) – partirà da un fatto di cronaca.

Sempre dedicato al mondo animale – ma con un respiro internazionale – sarà il docu “First Life”, condotto da Sir David Attenborough, che in cinquant’anni di trasmissioni ha viaggiato in tutto il mondo per documentare il mondo vivente in tutta la sua meraviglia. Ora, in questa nuova serie, il 95enne divulgatore britannico completerà il suo viaggio tornando indietro nel tempo fino alle radici dell’albero della vita, alla ricerca dei primi animali.

Il climate change: Greta Thunberg ed i nuovi attivisti

Ampio spazio in palinsesto verrà dedicato, per l’appunto, al tema del climate change, anche con produzioni internazionali. A inaugurare idealmente la nascita di Sky Nature –stasera – la docu-serie BBC in tre parti “Greta Thunberg – Un anno per salvare il mondo”, che ha seguito l’attività della giovanissima attivista anti climate change tra il 2019 e il 2020. Il suo viaggio è stato documentato nelle sue tappe principali. Greta è andata dall’Europa fino al Nord America per vedere sulla sua pelle i cambiamenti dovuti al riscaldamento globale, per incontrare gli uomini e le donne più potenti del mondo e per indagare metodi alternativi per salvare il pianeta.

Ma non c’è solo Greta Thunberg. A sostenere le battaglie in difesa del pianeta ci sono anche altri giovani attivisti per i quali la ribellione è sia un mezzo che un fine nella lotta per il clima del futuro. Scioperi scolastici, manifestazioni e disobbedienza civile. La nuova ondata di giovani attivisti guidati da Greta, scendono in piazza in tutto il mondo. Usano tutto quello che possono per risvegliare i politici e il resto della popolazione al cambiamento climatico che condizionerà il loro futuro. Now – in onda dal 25 luglio – è un film sulla incentrato proprio spinta dei giovani attivisti, sulla loro paura del cambiamento climatico e la loro volontà di trovare nuovi e modi alternativi per vivere in un futuro sostenibile. Tra gli intervistati anche Patty Smith e Wim Wenders.

Il tema della sostenibilità ambientale, però, riguarda anche le nostre scelte di vita; questo argomento sarà al centro del documentario “Perché mangiamo gli animali”, disponibile dal 22 luglio. Attraverso i racconti di diversi agricoltori dediti a riportare il loro commercio – e il modo in cui mangiamo – alle sue radici, verranno esplorate le possibilità di allontanarci dalle pratiche degli ultimi 40 anni che hanno inquinato il nostro ambiente e messo in pericolo la nostra salute. Tratto dal saggio del noto scrittore Jonathan Safran Foer e prodotto da Natalie Portman, questo documentario dipinge un futuro in cui l’agricoltura tradizionale non è più un lontano ricordo, ma è invece l’unica via da seguire.

I documentari su uomo e natura

Sulla “spettacolarità della natura”, con particolare riferimento a quella di casa nostra, Sky Nature ha in progetto un documentario originale sulla Val Grande, l’area wilderness più estesa delle Alpi, un luogo abbandonato, senza strade, senza insediamenti permanenti, dove rari sono persino i rifugi. Qui i telefoni non prendono e gli unici suoni udibili sono quelli della variegata vegetazione, scossa solo dalle intemperie. Il documentario osserva, con una regia sublime ma invisibile, la spedizione di Marco e Tim, mentre scorre, cadenzata dai ritmi della Valle, la vita di Serena. Una vita che ci riporta a un lontano passato con testimonianze fotografiche dei luoghi e dei suoi abitanti che si fondono con l’oggi. La Via Incantata è una produzione originale Sky realizzata da Apnea Film, con la regia di Francesco Fei.

Una serie di documentari di prossima programmazione approfondirà poi il rapporto tra uomo e natura in particolari condizioni in cui le due specie sembrano aver trovato un equilibrio. In “Mappa per il Paradiso” – viaggio in sei continenti – verranno raccontati ed incontrati un principe, un presidente, un pirata e un capo villaggio, che stanno tutti giocando un ruolo nella salvaguardia delle specie acquatiche e delle aree marine in pericolo. Questo documentario è un campanello d’allarme che ci aiuta a mantenere un senso di rispetto e meraviglia nei confronti di una bellezza ancora possibile.

Sempre all’ambiente acquatico sarà dedicato “Kiribati – Paradiso Perduto“. Cosa succede quando la tua isola sta per essere sommersa dal mare? Con i repentini cambiamenti climatici che incombono, il piccolo stato di Kiribati deve trovare una soluzione per la sopravvivenza della sua gente. Questo documentario intreccia due storie toccanti: Anote Tong, presidente dell’isola, che fa di tutto per evitare la catastrofe e Sermary, una giovane madre che deve decidere se lasciare l’unica cultura che conosce e migrare verso una nuova vita in Nuova Zelanda.

Tra i ghiacci dell’Artico sarà ambientato “L’ultimo igloo“, su un uomo che vive in Groenlandia seguendo lo stile di vita tradizionale Inuit. Il documentario ci mostra le sue lotte quotidiane per trovare cibo a sufficienza e costruire un igloo, il tutto sullo sfondo di uno splendido scenario della natura selvaggia e ghiacciata.

L’offerta di Sky Nature è disponibile on demand e in streaming grazie al servizio Now.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti


Sky Documentaries - Hillary (2)
Ecco i quattro nuovi canali Sky: la conferenza stampa in diretta

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.