20
giugno

La7 compie 20 anni. Una speciale programmazione celebrerà la ricorrenza

La7, 20 anni

La7 compie 20 anni. Due decenni fa – era il 24 giugno 2001 – nasceva la nuova emittente dalle ceneri di TMC. Ad inaugurarla, volti noti come Fabio Fabio, Gad Lerner, Luciana Littizzetto. Ma anche Sabrina Ferilli, Francesco De Gregori, Neri Marcorè e – attenzione – Nina Moric e Geri Halliwell. Il canale terzopolista, oggi edito da Urbano Cairo, celebrerà il ventennale con appuntamenti speciali che racchiuderanno il meglio della storica programmazione della rete, a partire da oggi – 20 giugno – per 5 domeniche (alle 20.30).

Si proseguirà poi mercoledì 22 giugno alle 17.00, mentre giovedì 24 giugno andrà in onda una maratona a partire dalle 14.20.

In “La7 20 – Un racconto italiano” verranno ricordati i volti di rete si sono susseguiti lasciando un segno, i tantissimi ospiti, gli eventi tv, le inchieste: un racconto di fatti e dei personaggi lungo ormai 20 anni. Dai grandi debutti dei programmi il giorno dell’esordio – come la già citata serata inaugurale del 24 giugno 2001 nella quale Fabio Fazio, Gad Lerner e Luciana Littizzetto diedero il calcio d’inizio per la nuova rete – alle clip e alle immagini dalla prima maratona di Enrico Mentana. O il primo Otto e Mezzo condotto da Gad Lerner (poi protagonista per 10 anni de L’Infedele) e Giuliano Ferrara fino a Markette, condotto da Piero Chiambretti.

Ma ci saranno anche i grandi ospiti che hanno calcato gli studi, come Mike Buongiorno che si prestò a condurre un surreale quiz con domande a tema politico nel corso di una puntata di Tetris, o l’acceso e storico scontro tra Michele Santoro e Silvio Berlusconi in Servizio pubblico del 2013. In quella stessa occasione, l’ormai iconica spolverata del Cavaliere alla sedia poco prima occupata dal rivale Marco Travaglio. E ancora Diego Armando Maradona ospite de Il Processo di Biscardi e Trozzy, il celebre cagnolino che – con una mossa astuta – Daria Bignardi regalò a Mario Monti a Le Invasioni Barbariche, mettendo in imbarazzo il professore.

Nel corso dei giorni verranno proposti anche i migliori reportage dei conduttori e giornalisti dall’estero (come quelli di Formigli a Mosul e di Diego Bianchi nel Congo), alcune trasmissioni portate “in strada”, come quelle di Massimo Giletti a Mezzojuso o l’impegno di La7 nel racconto dei tristi fatti del G8 di Genova o del terremoto de L’Aquila. Non mancheranno le storie più emozionanti e le inchieste di cui La7 è stata testimone in questo ventennio: si va da “Operazione Offside” (dedicato allo scandalo del calcio nel 2006) all’inchiesta sulla sessualità dei sacerdoti di Exit, o ai reportage di Piazzapulita dal fronte fino alla lotta al Corona virus.

E i colpi di scena, ovvero quei casi in cui l’esito scontato della storia è stato completamente ribaltato dagli eventi: come la volta che da Daria Bignardi Matteo Renzi coniò per Enrico Letta l’hashtag #enricostaisereno, per poi prendere il suo posto alla Presidenza del Consiglio. Oppure le dimissioni di Papa Ratzinger e l’arrivo di Papa Francesco, o ancora la lettera che Propaganda Live ricevette dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, fino alle elezioni di Trump alla Casa Bianca.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti


Massimo Giletti - Non è L'Arena
Giletti torna su La7 con uno speciale di «Non è L’Arena». Ancora tu, ma non dovevamo vederci più?


Maria Grazia Cucinotta
Maria Grazia Cucinotta si reinventa come conduttrice. Sostituirà Roberta Capua all’Ingrediente Perfetto


Serie A femminile
Diritti tv, Serie A femminile su La7 e La7d per le prossime due stagioni


In Onda
In Onda: non è cambiato un Fico

1 Commento dei lettori »

1. aleimpe ha scritto:

20 giugno 2021 alle 19:28

Il 24 giugno 2001 era un canale ambizioso che voleva essere quello che fece Canale 5 nei precedenti 20 anni, ma poi a settembre 2001 arrivarono i Benetton e cambiò tutto….



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.