20
aprile

Veleno: Amazon racconta i Diavoli della Bassa Modenese

Veleno - Amazon Prime

Veleno - Amazon Prime

I gravi fatti di Mirandola, Finale Emilia e Massa Finalese sono fonte di ispirazione per Prime Video. A maggio arriva infatti sulla piattaforma streaming di Amazon Veleno, la docu-serie true-crime italiana in cinque episodi, ispirata al libro “Veleno. Una storia vera” dell’ex iena Pablo Trincia. Al centro della scena ci saranno i membri della setta chiamata I diavoli della Bassa Modenese, accusata di pedofilia e violenze sui bambini.


L’adattamento televisivo di Veleno è stato scritto e diretto da Hugo Berkeley, con la produzione di Fremantle. La narrazione si concentrerà intorno al 1997 e 1998, anni in cui la denuncia di un bambino fece partire una vasta indagine della Polizia Italiana che scoprì, tra Mirandola, Finale Emilia e Massa Finalese, l’esistenza della setta dei “Diavoli, composta da oltre venti persone accusate di violenza e pedofilia nei confronti di sedici bambini, in seguito prontamente allontanati dalle loro famiglie.

Un fatto di cronaca che sconvolse l’Italia intera, che è stato raccontato ed analizzato da Pablo Trincia nel 2019, grazie al libro omonimo edito da Einaudi. Una produzione italiana che andrà ad infoltire i prodotti nostrani nel catalogo Amazon, in cui sono già presenti Lol: Chi Ride è Fuori e Celebrity Hunted.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Laura Pausini
Laura Pausini racconta la sua vita in un “film” Amazon


Amazon Prime Video
Amazon lancia la sfida: Champions League su Prime Video a 3,99 euro al mese


ADRIANO GIANNINI
Achille Lauro nuovo volto di Amazon. Le novità seriali della piattaforma


MGM
Amazon acquista MGM per 8,45 miliardi di dollari. Un colpo da oltre 4mila film

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.