20
aprile

Veleno: Amazon racconta i Diavoli della Bassa Modenese

Veleno - Amazon Prime

Veleno - Amazon Prime

I gravi fatti di Mirandola, Finale Emilia e Massa Finalese sono fonte di ispirazione per Prime Video. A maggio arriva infatti sulla piattaforma streaming di Amazon Veleno, la docu-serie true-crime italiana in cinque episodi, ispirata al libro “Veleno. Una storia vera” dell’ex iena Pablo Trincia. Al centro della scena ci saranno i membri della setta chiamata I diavoli della Bassa Modenese, accusata di pedofilia e violenze sui bambini.


L’adattamento televisivo di Veleno è stato scritto e diretto da Hugo Berkeley, con la produzione di Fremantle. La narrazione si concentrerà intorno al 1997 e 1998, anni in cui la denuncia di un bambino fece partire una vasta indagine della Polizia Italiana che scoprì, tra Mirandola, Finale Emilia e Massa Finalese, l’esistenza della setta dei “Diavoli, composta da oltre venti persone accusate di violenza e pedofilia nei confronti di sedici bambini, in seguito prontamente allontanati dalle loro famiglie.

Un fatto di cronaca che sconvolse l’Italia intera, che è stato raccontato ed analizzato da Pablo Trincia nel 2019, grazie al libro omonimo edito da Einaudi. Una produzione italiana che andrà ad infoltire i prodotti nostrani nel catalogo Amazon, in cui sono già presenti Lol: Chi Ride è Fuori e Celebrity Hunted.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Jupiter's Legacy
Jupiter’s Legacy: arriva su Netflix la risposta al successo Amazon di The Boys


Noi, I Ragazzi dello Zoo di Berlino
Noi, I Ragazzi dello Zoo di Berlino: su Amazon rivive il rivoluzionario bestseller a tutto droga e sess0


Superlega, diritti tv
Chi trasmetterà la Superlega? Anche Amazon si tira fuori


PaulPogba_140421 (1)
The Pogmentary: Pogba sbarca su Amazon

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.