9
aprile

Angela di Mondello contro Barbara D’Urso: “Mi hai rovinato la vita, ti sei fatta l’audience con me e ora non mi rispondi più al telefono”

Barbara D'Urso e Angela Chianello

Barbara D'Urso e Angela Chianello

Al peggio non c’è mai fine e alle luci della ribalta, evidentemente, si fa fatica a rinunciare: Angela Chianello, la signora di Mondello che la scorsa estate spopolò con il tormentone “Non ce n’è Coviddi” in tv e sui social, ha pubblicato un video sul suo profilo Instagram – intitolato Adesso dico la MIA verità cara Barbara D’Urso – nel quale si scaglia contro la conduttrice. Rea, secondo lei, di averle rovinato la vita con questa popolarità e rea, soprattutto, di non invitarla più nelle proprie trasmissioni. Quando si dice: la coerenza.

“Oggi sono qui a mandare un messaggio alla signora Barbara D’Urso. Adesso voi direte, tanti tanti italiani: gli sta leccando il culo. No, no, io il culo non l’ho mai leccato a nessuno e mi dispiace parlare così ma deve uscire il naturale di Angela perchè sono stata otto mesi brava, zitta e buona e adesso basta. Mi sono rotta veramente”.

Nel suo sproloquio Angela ripercorre quanto avvenuto dal suo attimo di celebrità in poi, specificando che lei non avrebbe mai voluto finire in tv per quella frase infelice e che lo ha fatto solo perchè pressata dalla D’Urso, con la speranza di riabilitarsi agli occhi del pubblico. Finendo, in sintesi, per essere sfruttata, sedotta e abbandonata e oggi neanche più ricevuta.

“Cara Barbara, ti ricordi quando otto mesi fa i tuoi giornalisti mi hanno fatto quell’intervista a Mondello, io non sapevo nulla di tutto ciò, hai mandato in onda quella parte dell’intervista e da allora è successo un macello, un manicomio, io non volevo fare nulla e tu lo sai. Chiamandomi al telefono, mandandomi i tuoi giornalisti sotto casa mia, educatamente li ho fatti accomodare da mia madre, hai parlato al telefono anche con mia madre dicendo che tu sei una madre, che hai un un cuore, sei una persona brava, per carità io non l’ho messo in dubbio. Volevi parlare per forza al telefono con me e hai parlato con me. Sei stata brava, nel tuo lavoro sei brava a racimolare le persone, ti devo fare miei complimenti. Tutto questo sarebbe finito nel senso che le persone avrebbero capito chi è veramente Angela ma non è stato così”.

La donna prosegue raccontando i problemi a cui è andata incontro la sua famiglia, dicendo che solo adesso sta ritrovando a fatica una tranquillità che, di fatto, lei stessa distrugge con questo improvviso exploit. E vorrebbe che a tutelare sua figlia tredicenne dagli haters ci pensasse la D’Urso (!) con la quale ormai non riesce più ad avere nessun contatto.

“Barbara, tu hai visto in otto mesi nella situazione in cui mi sono trovata io e la mia famiglia, non hai battuto un pugno per aiutare Angela – ma non Angela perchè Angela ha le spalle abbastanza larghe da potersi difendere da tutto e da tutti – ma dal guardare mia figlia non ti sei permessa, non ti sei permessa a tutelare una bambina di tredici anni. Ho avuto critiche, minacce, ho avuto tantissime cose, e tu cosa hai fatto? Hai fatto due puntate con me, ti sei fatta l’audience con me e ti sei pulita le mani, come dici tu dobbiamo usare la sanificazione, tu hai fatto così con me. E io questo non lo permetto a niente e a nessuno. Tu dici di essere madre, di avere un cuore, dimostrarlo, quello che dici lo devi dimostrare sennò non è così. Non è stato corretto buttarmi in un branco di leoni in cui io pian piano me ne sto uscendo, non del tutto lo devo dire ma pian piano ne sto uscendo. Tu cosa hai fatto, Barbara? Ti sei presa gioco di me, e ripeto non soltanto di me ma della mia famiglia”

Il nocciolo della questione sembra essere questo: Angela sarebbe stata contattata un paio di mesi fa dagli autori della D’Urso per fornire delle non precisate prove, forse in vista di una nuova ospitata, ma all’ultimo il materiale è stato cestinato e lei dimenticata. E adesso non ci sta: vuole tornare a dire la sua (su cosa, non è chiaro) e dice di non essere interessata ai soldi.

“Due mesi fa mi avete contattato voi autori perchè volevate delle prove, e tu sai quali sono queste prove e io le posso dire e lo posso dimostrare e le avete cestinati. Per quale motivo avete voluto delle prove? Sono venuta a Mediaset per parlare con te e non mi hanno fatto parlare con te, anzi, sono stata ricevuta in mezzo a una strada, quello che io non ho fatto con voi perchè io sono una grandissima signora [...] Io ti voglio dire solo questo: io non che voglio venire da te per i soldi perchè io non ho bisogno dei tuoi soldi, levatelo quella cosa dalla convinzione, perchè io sono disposta a farmi il biglietto d’aereo, col treno, anche fare venti ore di viaggio, come le ho fatte, per venire a parlare con te. Io ti ho ricevuta al telefono, tu a me no e non si ragiona così. Tu mi devi dare il diritto di parola, io lo pretendo, perchè è giusto così”

L’accusa termina con un attacco diretto alla D’Urso e al mondo dello spettacolo in generale, dal quale Angela non sarebbe disposta a farsi “mettere i piedi in testa“.

“Dimostra che sei una madre che ha un cuore, e che fai la tua trasmissione per bene, dimostra questo agli italiani e dimostramelo a me da mamma a mamma. Non da Angela da Mondello a Barbara D’Urso, non da conduttrice a personaggio pubblico ma da persone, da mamme. Detto questo Barbara, adesso ti arriverà questo messaggio: mi hai rovinato otto mesi della mia vita, otto mesi, perchè io ero felice e tranquilla. Sì, non siamo persone ricche ma siamo persone umili e con un cuore, nostro il cuore, il tuo no! Barbara, fai il tuo lavoro, ma non il tuo lavoro, devi fare la mamma, devi fare la donna che dici di essere, non che è quello che dici e poi non lo fai. Quindi aspetto la tua risposta, Barbara, la pretendo questa risposta, mi dispiace”.

Insomma, per dirla alla Aldo, Giovanni e Giacomo, Angela da Mondello in tv “neanche ci voleva venire” ma adesso ci vuole tornare. E, pur ammettendo di aver “cavalcato l’onda, mi prendo le mie responsabilità“, sembra quasi non rendersi conto che rilasciare l’intervista, commentarla in tv, parlare dei suoi problemi con la Giustizia e lanciare addirittura un singolo sul suo tormentone, è stata una sua scelta. Quel tormentone che oggi rilancia perchè dice di essere stata allontanata dagli studi Mediaset con la scusa del Covid e domanda:

“Ma il Covid c’è stato il mese scorso, due mesi fa? Quando mi avete intervistata a giugno, al mare di Mondello, il Covid non c’era, vero, Barbara?”

Eh, no: non ce n’era coviddi. E adesso pare che fortunatamente non ci sia neanche più trippa per gatti, a meno che la D’Urso non decida di rispondere riaprendo questo archiviabile teatrino.



Articoli che potrebbero interessarti


Angela Chianello - Live
Non è la D’Urso, Angela di Mondello svela: «Ho rubato in un negozio. L’ho fatto per mio figlio morto»


Denisa - Pomeriggio Cinque 3
Pomeriggio Cinque, spunta fuori la presunta Denise: «Non sono io»


barbara d'urso
Quando finiscono i programmi di Barbara D’Urso?


avanti un altro
Avanti un altro a Cologno

4 Commenti dei lettori »

1. giauz ha scritto:

9 aprile 2021 alle 12:08

ma vai a lavorare!!!



2. Meke ha scritto:

9 aprile 2021 alle 12:58

Cara Angela di Mondello (in realtà non di Mondello, stando a fonti ben in formate), a nome di tutta l’Italia… STACCE.

Sei solo fortunata ad essere in grado di proferire parola, dopo quel video musicale vergognoso dell’anno scorso.



3. Patrick ha scritto:

9 aprile 2021 alle 13:25

Eh vabbè di che si lamenta, sfruttata forse, ma poi l’onda l’ha cavalcata eccome, col singolo, il profilo Insta nel quale ogni 3×2 ripeteva la solita frase con milioni di follower, parlava di invidia perché la criticavano.

Tutto legittimo, ma ora a che serve lamentarsi? Mica parliamo di una donna dai grandi talenti che deve stare per forza in tv, è nata come un meme, e così finisce la storia.



4. Takazzu ha scritto:

9 aprile 2021 alle 20:56

Ma quelli che si sono tatuati il suo volto e la scritta “non ce n’è coviddi” stanno già pensando alla copertura? hahaha



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.