3
marzo

Sanremo 2021, le pagelle della prima serata

achille

Achille Lauro (da Twitter Sanremo Rai)

8 a Matilda De Angelis. La prima valletta della settantunesima edizione del Festival si presenta sin da subito a carte scoperte: non vuole essere la bellona muta o dipendente dal gobbo e non perde tempo con le smancerie di rito. Supera a pieni voti la prova sanremese grazie ad un fare spontaneo, ad un eloquio brillante e ad una personalità interessanti. Prada delude per i look. Veloce come il vento.

7 a all’apertura del Festival di Sanremo 2021. Amadeus e Fiorello esorcizzano lo spauracchio di una platea vuota. Non glissano, non fanno finta di niente, non evitano ma cavalcano la nefasta circostanza. Show must go on.

7 all’emozione di Fedez. E’ la star di questo Festival, consapevole di esserlo, e anche per siffatta ragione sente la tensione più di tanti altri. La performance è lucida ma non al punto da celare l’emozione che arriva al pubblico e fa breccia più del suo brano. Leone e agnello.

7 – alla prima serata del Festival di Sanremo 2021. Non era facile portare a casa questa edizione, Amadeus ci è riuscito lavorando sul modello collaudato lo scorso anno. Le novità più significative arrivano dal cast fisso della serata inaugurale mentre per quanto riguarda le canzoni il livello complessivo si attesta come discreto, nessuna però ha fatto il botto alla prima. Effetto wow che anche gli ospiti Diodato e Loredana Bertè non riescono a dare. Del resto, l’evento è l’esser andati in onda. Normalità è la nuova trasgressione.

7 ai Maneskin. Il palcoscenico di Sanremo non snatura la band lanciata da X Factor che rappresenta la quota ‘energy’ al Festival. Aspettiamo qualche colpo di scena per i prossimi giorni. Buoni.

6 + a Fiorello. Lo showman alterna gag riuscite – come quelle d’apertura o il duetto con Amadeus – ad altre evitabili (le dita dei piedi). Non ha bisogno di tempi lunghi per dare il meglio di sè, basta uno sguardo, una battuta. Less is more.

6 a Colapesce e DiMartino. Dati per favoriti, avevano concentrato le attese su di loro. Eppure, sul palco dell’Ariston, l’orecchiabile brano dalle sonorità anni 80 non spacca. Soltanto noni per la giuria demoscopica. Mai cantar vittoria.

6 – a Zlatan Ibrahimovic. Se il gioco delle parti è inevitabile (del resto la fama di duro del calciatore sembra meritata), si potrebbe almeno lavorare sulle gag. Trovare modi imprevedibili per raggiungere l’imprevedibile. Ritenta.

5Max Gazzè. Chiunque spezzi la liturgia sanremese è benvenuto, nel suo caso però è tutto nella norma come la sua canzone, ottava per la giuria. L’eccezione è una regola.

4 ad Achille Lauro. Al netto dell’appariscente costume e delle lacrime di sangue, della sua performance è rimasto ben poco. Avrà un significato profondo? Forse, ma se il modo con cui comunichi impedisce la comprensione del messaggio riduci il tutto ad un esercizio di stile. Autocompiacimento.



Articoli che potrebbero interessarti


sanremo terza serata
Sanremo 2021, pagelle terza serata


Fiorello pagelle quarta serata
Sanremo 2021: le pagelle della quarta serata


Francesca Michielin, Fedez
Sanremo 2021 flower power: bouquet anche agli uomini, all’Ariston parte la rivoluzione «gender free»


Amadeus, Fiorello
Sanremo 2021: provateci voi

2 Commenti dei lettori »

1. AscoltatoreSanremo ha scritto:

3 marzo 2021 alle 12:27

Non condivido quasi nessuno dei voti “positivi”,a partire da quello per la de Angelis. Sanremo ha bisogno di una supermodella per attrarre pubblico maschile, Matilda de Angelis sarà anche simpatica, ma non è come le vallette degli anni ‘90, come Anna Falchi, Valeria Mazza, Eva Herzigova o Laetitia Casta. Ricordate le vallette degli anni ‘90, che pur essendo modelle di fama mondiale non disdegnavano affatto di fare semplicemente “le bellone mute”? La Rai su Sanremo guadagna 10 milioni all’anno (o più) di margine, non dovrebbe essere un problema pagare una Kendall Jenner o una Bella Hadid, oppure se si vuole stare sulle italiane c’è Bianca Balti, e tante altre.

E poi hanno esagerato con la musica rap, i cantanti erano vestiti male, quasi nessuno in smoking o giacca e cravatta, poche donne in abiti d’alta moda, non parliamo poi di quel tra.vestito di achille lauro.

In generale Sanremo deve essere più “di classe”, non ha lo stesso pubblico della de filippi. Mi spiace ma Amadeus e Fiorello stavolta hanno cannato di brutto.



2. Maria Cristina Giongo ha scritto:

3 marzo 2021 alle 19:36

Condivido il basso voto ad Achille Lauro, nemmeno io capisco la “profondità” del suo discorso; ottimo il termine di autocompiacimento. Fa il divo senza averne il carisma, la bravura, la capacità. E spero non sia vero quello che hanno scritto alcuni giornalisti che è stato l’unico ad aver cantato non dal vero.

Bravissimo il “normalissimo” Diodato e la Bertè, in gran forma.

Condivido anche il commento di Ascoltatore Sanremo, dove erano le donne come quelle che in passato sfoggiavano fantastici abiti da sera, gli uomini eleganti? Sanremo era anche quello; i bei fiori della città, eleganza e classe. I fiori comunque potevano ordinarli, anche per dar lavoro ai fioristi. Che bello sarebbe stato un bel palco fiorito!!!!! Non solo i mazzi di fiori che sono stati regalati alle cantanti ed ospiti.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.