27
febbraio

Diritti tv, Serie A paralizzata: 11 voti per Dazn, 9 astenuti. Slitta la decisione

Serie A

La partita non s’è ancora sbloccata. Dietro all’ennesima fumata grigia sull’assegnazione dei diritti tv per la c’è un vero e proprio stallo che paralizza la Lega. La matematica, del resto, non è un’opinione: nel voto tenutosi ieri in assemblea – la riunione è avvenuta da remoto – su 20 club, 11 hanno votato in favore di Dazn (Juve, Inter, Milan, Lazio, Napoli, Verona, Udinese, Atalanta, Fiorentina, Parma e Cagliari) e 9 si sono astenuti. Non ha raccolto preferenze Sky. Dunque nulla di fatto, visto che il quorum è fissato a 14 preferenze.

L’impasse è dovuto al fronteggiarsi di due fazioni: una spinge per assegnare i diritti tv a Dazn (offerta di 840 milioni per sette gare in esclusiva e tre in coabitazione con Sky per altri 70 milioni), l’altra invece preme per risolvere prima la questione legata alla costituzione di una nuova media company partecipata da fondi di investimento, pronti a elargire alle società in crisi 1,7 miliardi​. Per uscire dal muro contro muro, il Presidente della Lega Paolo Dal Pino porrà al prossimo ordine del giorno anche l’operazione con il consorzio CVC-Advent-FSI, rispetto alla quale – riporta Il Corriere – mancherebbe solo un voto per raggiungere il quorum e abbracciare la svolta.

A rendere il clima ulteriormente teso, lo scontro a distanza tra Dazn e Sky, inaspritosi proprio alla vigilia dell’assemblea con una lettera di protesta inviata alla Lega dall’Amministratore delegato di Sky Italia Maximo Ibarra. Nella mail, il top manager segnalava “potenziali criticità concorrenziali e di compatibilità con la legge Melandri” in merito all’accordo tra Tim e Dazn. Polemica la posizione della Juve al riguardo: secondo fonti di stampa, in assemblea Agnelli avrebbe rilevato che le mail inviate ad asta chiusa non sono da prendere in considerazione.

Secondo indiscrezioni, la tv satellitare avrebbe però un’ultima possibile chance da giocarsi. Eleven Sports, piattaforma online di proprietà del numero uno del Leeds Andrea Radrizzani, avrebbe presentato – scrive Il Sole24Ore – una proposta di 110 milioni di euro per la creazione del canale della Lega. Un assist a Sky, che sommando i propri 750 milioni (circa 90 in meno rispetto a quelli offerti da Dazn) a quella cifra, avrebbe la possibilità di rientrare in partita. Ma bisogna fare in fretta: c’è tempo solo fino al 29 marzo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Maximo Ibarra, AD Sky Italia
Diritti Tv, Sky protesta: «Accordo Tim-Dazn ha criticità concorrenziali. Danneggia la Serie A»


Serie A
Diritti tv Serie A: 9 club disertano, salta l’Assemblea. Intanto Sky tenta il ribaltone


Serie A, diritti tv
Diritti tv, Serie A: nessuna offerta è stata ritenuta soddisfacente. Dazn in pole, non c’è Amazon


Calcio, Serie A
Diritti tv non pagati: Lega Serie A farà causa a Sky

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.