21
novembre

BBC, inchiesta interna sull’intervista choc a Lady Diana. Interviene il principe William

Diana Spencer

Mentre la quarta stagione della serie Netflix The Crown mette in scena la solitudine ed i tormentati sentimenti della principessa Diana Spencer, un’inchiesta avviata dalla BBC riapre una pagina controversa che segnò realmente l’esistenza di Lady D. L’emittente pubblica britannica ha dato il via ad una nuova indagine indipendente per “arrivare alla verità” sulla clamorosa intervista che la donna rilasciò nel 1995 e che – per la portata delle affermazioni in essa contenute – la condusse al divorzio da Carlo.

Nel colloquio trasmesso dal programma della BBC, Panorama, davanti a 23 milioni di telespettatori (in Italia in prima serata su Canale 5 Diana – Scacco al Re ottenne 5.907.000 spettatori con uno share del 19.61%), la principessa aveva confidato al giornalista Martin Bashir (che da quel momento conobbe grande popolarità) alcuni risvolti sorprendenti sulla propria vita coniugale. In quell’occasione Diana disse: “in questo matrimonio eravamo in tre, un po’ troppo affollato…“, alludendo per la prima volta alla relazione del marito con Camilla Parker-Bowles. Un mese dopo la regina esortò la coppia – che già era separata – a divorziare, cosa che poi avvenne nel 1996. L’anno successivo, mentre era con il nuovo fidanzato Dodi al-Fayed, Lady D trovò la morte in un incidente stradale nel tunnel dell’Alma, a Parigi.

Da tempo Charles Spencer, il fratello di Diana, è convinto che la sorella sia stata ingannata, che l’intervista fu in qualche modo estorta: l’uomo sostiene che Bashir usò menzogne, documenti bancari falsificati e prove costruite ad hoc per aumentare i timori della principessa e convincere a parlare. Il giornalista – sostiene l’accusatore – le disse che il suo staff la spiava a favore dei giornali e dei servizi segreti, che c’era un complotto ordito dalle sue guardie del corpo e che Carlo aveva una relazione con la loro baby-sitter.

A seguite delle insistenze sulla necessità di ottenere la verità, la BBC ha deciso di fare chiarezza e di affidare un’indagine a Lord Dyson, uno dei più anziani giudici britannici in pensione, ex giudice della Corte Suprema e volto notissimo. La vicenda ha suscitato ora lo straordinario intervento principe William, intenzionato a difendere difendere la memoria di sua madre e la sua eredità morale.

L’inchiesta indipendente è un passo nella giusta direzione. Dovrebbe aiutare a stabilire la verità dietro le azioni che condussero all’intervista

ha affermato il duca di Cambridge si è schierato a favore dell’iniziativa investigativa, facendone una questione personale, secondo quanto trapelato da fonti a lui vicine.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


The Crown - Regina Elisabetta
The Crown: Emma Corrin sarà Lady Diana


Lady Diana
Lady Diana: a vent’anni dalla scomparsa tutti gli appuntamenti in tv per ricordarla


The Crown 4 - Emma Corrin
The Crown trema


Lady Diana
The Crown, Elizabeth Debicki sarà Lady Diana ‘adulta’. La quarta stagione dal 15 novembre

1 Commento dei lettori »

1. CISCA ha scritto:

23 novembre 2020 alle 12:58

Ho visto la storia x lA 100000000000000000 VOLTA,ma l’ultimo ho visto settimana scorso sul REAL TIME TV,
E’ devo dire chè c’era della novità o forse io non aveva ankora sentito,ma Charles era cosi veloce a volare a Parigi x fare cosa???Era già divorziate è non aveva nessun diritto di dire chè LADY DIANA andava imbalsemato ,le sorelle è fratello erano MOLTO ARRABIATO x questo quando hanno saputo..Cosa cercavo Charles???O cosa voleva nascondere????Anke la AMBULANZA invece di portare DIANA al ospedale vicino 5 minuti,è stata portato a un Ospedale chè è durato mezza ora????Poteva essere salvata.L’autista non era umbriaco carte falsificato.UNA VERGOGNA



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.