18
novembre

Uno Mattina è in crisi d’ascolti e si divide in 2 parti. Ma la Rai non aveva detto no agli ’stratagemmi’?

Uno Mattina Prima Pagina

Uno Mattina Prima Pagina

Salvare il salvabile. Uno Mattina è in crisi d’ascolti e, in quel di Rai1, la soluzione più immediata per correre ai ripari è cedere al solito trucchetto. Da questa settima Uno Mattina è diviso in due parti: la prima, in onda dalle 6:40 alle 7:55, è stata denominata Uno Mattina Prima Pagina, mentre la seconda, in onda subito dopo il Tg1 delle 8:00 fino alle 9:55, prende il nome del programma. Era il settembre 2014 quando l’allora vicedirettore generale Rai Antonio Marano tuonava contro anteprime e spezzettamenti vari annunciando che la Rai non ne avrebbe più fatto uso. A poco a poco però l’escamotage – mai del tutto andato in soffitta- è tornato ad essere utilizzato più che mai, specialmente dalle trasmissioni in difficoltà con l’auditel.

Scorporare la parte più debole, denominandola in diversa maniera rispetto al resto, permette di poterla escludere dal calcolo del dato totale. Uno Mattina ha totalizzato ieri nella Prima Pagina un fallimentare 12,7%, con 600.000 telespettatori, e un discreto 16.9%, con 1.131.000 spettatori, nella restante parte del programma. Il primo giorno di scorporo è risultato persino controproducente, visto che ha messo in evidenza il fatto che Rai1 sia stata battuta, con Uno Mattina Prima Pagina, sia da Rai3 che Canale 5 mentre l’altro segmento è rimasto comunque al di sotto della concorrenza.

Gli altri programmi che si dividono

Uno Mattina, del resto, per la natura spezzatino causa (inutili) interruzioni per il tg, si presta a divisioni in segmenti, a differenza di quello che avviene per altre trasmissioni. Da quest’anno Che Tempo Che Fa di Fabio Fazio, oltre all’anteprima, al programma vero e proprio e al Tavolo, ha scelto di creare un quarto blocco ed escludere gli ultimi 2 minuti di trasmissione con annessa pubblicità dal resto, titolandoli “L’Ora di Marzullo”. A Rai3 anche il programma che dovrebbe “randellare” questi trucchi, TvTalk, adotta un’anteprima per escludere l’unica pubblicità dal resto del programma. Da sottolineare comunque che anche i risultati dell’anteprima sono positivi. Su Rai2, invece, in questa stagione è arrivato Quasi Detto Fatto che comprende i primi venticinque minuti circa della trasmissione con Bianca Guaccero.

Tornando al daytime di Rai 1, Storie Italiane è diviso da tempo in due parti: la prima contro Mattino 5 e la seconda contro Forum; qui la particolarità è che spesso la prima e la seconda parte di Storie Italiane non sono divise dalla pubblicità ma è la conduttrice stessa a chiuderne una e aprire l’altra un secondo dopo, senza alcuna modifica agli argomenti della trasmissione che permetta di differenziare le due parti.

Scelta simile per La Vita in Diretta che, oltre all’anteprima (che permette al programma di evitare il confronto con l’ex spauracchio Il Segreto e di iniziare in contemporanea con Barbara D’Urso), a inizio stagione divideva il programma in due parti  – e titolava la seconda parte La Vita in diretta Pop – sulla falsariga di Pomeriggio Cinque. Una divisione eliminata probabilmente in concomitanza con l’ottenimento più o meno costante della leadership del pomeriggio.

Nel daytime di Mediaset, Mattino 5 quest’anno ha scelto di escludere l’ultima parte debole che comprende le ricette, l’oroscopo e il meteo titolandola “I Saluti” (ieri 866.000 spettatori e il 13.2%) dalla seconda parte del programma (ieri 1.105.000 spettatori e il 17.1%), allineandosi a Uomini e Donne e Pomeriggio 5 che da anni – con modalità e risultati diversi – adottano questo stratagemma caro a Publitalia.

Un vero e proprio caos districarsi tra i dati per il povero spettatore per uno stratagemma che nella sostanza porta ben poco a ciascun programma.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Garanzia Autunno 2009
GARANZIA AUTUNNALE 2009: RAI UNO (IN CALO) VINCE SU CANALE 5 (IN CRESCITA). AFFONDA RAIDUE: L’ASSENZA DELL’ISOLA COSTA ALLA RETE OLTRE 3 PUNTI IN DAYTIME


Vite in Fuga - Claudio Gioè
Ascolti TV | Domenica 22 novembre 2020. Vite in Fuga parte dal 16.8%. D’Urso 12.6% (presentazione 8.7%), Fazio 10.1%-7.5%, Giletti 5.7%-7.6%. La Merlino cala all’1.8%


Milly Carlucci
Ascolti TV | Sabato 21 novembre 2020. Ballando con le Stelle chiude al 23.7%, ma vince Tú sí que Vales (26%). Il Filo Rosso debutta con il 2.5%


Carlo Conti
Ascolti TV | Venerdì 20 novembre 2020. Il Torneo di Tale e Quale Show chiude al 19.5%, Grande Fratello Vip 19.7%. Freedom, Quarto Grado e Propaganda Live al 5.3%

2 Commenti dei lettori »

1. EMILIO ha scritto:

18 novembre 2020 alle 18:58

Piuttosto che pensare a fare trucchetti per aggiustare i dati auditel, si pensasse a lavorare sul prodotto che si offre allo spettatore. Forse al mattino lo spettatore che accende la tv in attesa di uscire vuole essere informato velocemente di cosa è successo nella notte e non sentire dibattiti e discussioni sui soliti temi. Tanto di quei temi, di quelle chiacchiere, ne sentirà parlare fino a notte inoltrata su tutte le reti.



2. giauz ha scritto:

19 novembre 2020 alle 11:07

io aggiungerei anche “I saluti di Mara” in coda a Domenica In… un segmento totalmente inutile



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.