24
ottobre

Sapiens – Un solo pianeta: Mario Tozzi riparte dalla pandemia

Mario Tozzi

Mario Tozzi

Non solo vip ballerini o sconosciuti talentuosi nel sabato sera televisivo. Per tutti coloro che a varietà e talent show preferiscono la divulgazione, da questa sera torna su Rai3, alle 21.45, l’appuntamento con Sapiens – Un solo pianeta, il programma ideato, curato e condotto da Mario Tozzi. La nuova serie, composta da 5 appuntamenti, non poteva che partire dall’emergenza pandemica con cui tutto il mondo convive oramai da mesi. Tozzi dal Lazzaretto di Venezia, una delle prime strutture permanenti della storia per combattere il diffondersi delle malattie infettive, compirà un’indagine sulle tracce delle antiche pandemie, cercando affinità e differenze con quella attuale, puntando già lo sguardo sulla prossima.

Perché le pandemie ci spaventano così tanto? Che cos’è un virus? Come si comporta? Potevamo prevedere il Covid19? È stato un caso o è dipeso dai sapiens? E se sì, come? La scienza ci aiuta? E la tecnologia? Quando arriverà la prossima pandemia? Possiamo evitarla? Si può convivere con i virus e i batteri? Il geologo, ormai volto storico della terza rete Rai, cercherà di rispondere a queste e ad altre domande concentrandosi in particolare, come tradizione del programma, sull’analisi delle responsabilità dell’uomo che, attraverso deforestazione e distruzione di habitat naturali, entra ormai più facilmente in contatto con i virus.

L’esplorazione scientifica cercherà anche di individuare quale potrà essere la prossima pandemia, sottolineando quanto oggi il pericolo maggiore sia rappresentato dalla disinformazione che ci impedisce di affrontare la presente e futura pandemia con l’unico strumento giusto: il metodo scientifico. Tornando indietro nel tempo saranno analizzate altre terribili malattie che hanno colpito recentemente l’umanità come l’Aids e l’Ebola. Attraverso testimonianze inedite e originali sarà inoltre ricostruita l’evoluzione dell’influenza Spagnola del 1918, la più grave pandemia della storia umana, messa a confronto con la pandemia da Covid-19.

Mario Tozzi in tv

Tozzi, geologo e ricercatore, ha iniziato la sua carriera televisiva a metà degli anni ‘90, collaborando alla trasmissione di Rai3 Geo&Geo. Nel 1999, per la stessa rete è stato inviato speciale di Licia Colò in King Kong – Un pianeta da salvare, mentre dal 2001 al 2006 ha condotto, ancor una volta per Rai3, Gaia – Il pianeta che vive, trasmissione che nel biennio 2007-2008 viene rivisitata e ribattezzata Terzo pianeta. Passato a La7, nel 2009-2010 è stato il conduttore, insieme al Trio Medusa, della trasmissione di divulgazione scientifica La Gaia Scienza. Sempre su La7 ha curato e presentato la rubrica Allarme Italia (2011) e alcuni speciali di Atlantide – Storie di uomini e di mondi (2012-2013). Tornato in Rai nell’estate del 2014, ha debuttato su Rai1 con la trasmissione di seconda serata Fuori Luogo, riproposta anche nelle estati del 2015 e 2016.  Dal 2019 conduce Sapiens – Un solo pianeta. Il programma non è l’unico impegno televisivo di Tozzi in questa stagione. Il geologo è infatti stato riconfermato nel cast di Kilimangiaro, l’appuntamento dedicato al mondo dei viaggi e della natura condotto da Camila Raznovich al pomeriggio della domenica su Rai3.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Mario Tozzi, Sapiens
Sapiens, Mario Tozzi spiega l’uomo e l’ambiente su Rai3: «Io e Alberto Angela siamo diversi, nessuna somiglianza con Ulisse»


L'Aquila 03,32, Lino Guanciale
Terremoto a L’Aquila: gli appuntamenti tv nel decennale dal sisma. Su Rai2 il docufilm con Lino Guanciale


Mario Tozzi
Palinsesti Rai 3, inverno 2019: Mario Tozzi prende il posto di Alberto Angela al sabato. Torna Recalcati


Mario Tozzi
FUORI LUOGO SPECIALE: MARIO TOZZI IN ABRUZZO PER SPIEGARE IL TERREMOTO

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.