8
ottobre

Su LaF «A qualcuno piace Green»

A qualcuno piace Green

A qualcuno piace Green

Su LaF va in onda il primo programma televisivo al 100% green, perché non solo si pone l’obiettivo di divulgare le migliori pratiche ecologiche ma le mette anche in pratica nella sua stessa realizzazione; la troupe utilizza mezzi di trasporto ecosostenibili, ordina il cibo su app contro gli sprechi alimentari, carica le batterie della videocamera con un pannello solare portatile. Questo succede in A qualcuno piace Green, da stasera in prime time alle 21.10 su LaF per otto puntate.

Coltivazioni di verdure in fondo al mare, boe rotanti che ripuliscono i fiumi dalla plastica, foglie plantoidi che producono elettricità, vernici che ripuliscono l’aria, meccanismi che producono energia dalle onde del mare, sistemi di depurazione che trasformano rifiuti organici in energia pulita e biochar. Nel nuovo programma del canale 135 di Sky, il biologo marino e divulgatore scientifico Raffaele Di Placido va alla ricerca delle migliori idee, dei progetti e delle storie green dell’Italia, incontrando persone ‘visionarie’ che ogni giorno si impegnano per un mondo più pulito e sostenibile.

A qualcuno piace Green racconterà 20 realtà scientifiche, imprenditoriali e sociali capaci di cambiare il presente e – in prospettiva – migliorare il futuro grazie a soluzioni all’avanguardia. A guidare i temi affrontati nel corso del programma sono i principali obiettivi dell’Agenda 2030, programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità, sottoscritto nel 2015 dai 193 Paesi dell’ONU per intraprendere un percorso condiviso di sviluppo sostenibile: la qualità dell’acqua e dell’aria, consumi a impatto zero, produzione responsabile, energie pulite e rinnovabili, la preservazione della flora e della fauna, la salute e il benessere delle comunità, economie circolari, la lotta al cambiamento climatico.

Al termine di ogni puntata, Di Placido calcolerà le emissioni di CO2 emesse dalla troupe e le compenserà con la piantumazione di nuovi alberi in giro per il mondo. Anche la sigla di A qualcuno piace Green è al 100% ecosostenibile, grazie al progetto di musica riciclata di Massimo Tortorella e del suo collettivo musicale, che utilizza unicamente strumenti realizzati da materiali riciclati.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Sanditon - Rose Williams
Sanditon: Jane Austen diventa sfacciata su LaF


SCAPPO-DALLA-CITTA_ARIANNA-PORCELLI-SAFONOV
Palinsesti laF, autunno 2020. Frankie hi-nrg racconta Rodari, Antonio Dikele Distefano debutta con le ‘Nuove storie italiane’


Bruno Barbieri
Sky Uno Vacanze: si accende un canale pop-up con le repliche di Borghese, Barbieri e Marella


La donna elettrica
La Giornata Mondiale della Terra in TV

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.