28
settembre

Diritti tv: «Amazon e Netflix interessate alla Serie A»

Luigi De Siervo, AD Lega Calcio Serie A

Nessuno, per il momento, ha calato l’asso. Evidentemente, non è ancora arrivato il momento per farlo. Nella partita per l’assegnazione dei diritti tv della Serie A (stagioni 2021/2024) si sono però iniziate a scoprire le prime carte. E così si è saputo quel che era stato ventilato già da tempo: a mostrare interesse per la posta in gioco ci sono anche le nuove e munifiche piattaforme dello streaming.

A comunicarlo è stato Luigi De Siervo, AD della Lega Calcio di Serie A, intervenendo su RadioRai. Il top manager, facendo il punto sulla futura assegnazione dei diritti tv, ha affermato:

Abbiamo un interlocutore molto forte come Sky, abbiamo Dazn, che ha dimostrato di credere nell’Italia con un investimento importante. Credo avremo sorprese positive, nonostante il fatto non esista in questo momento una concorrenza forte come avveniva negli anni passati, quando Mediaset concorreva sui diritti tv“.

Come scrivevamo su queste pagine, il primato sinora mantenuto da Sky sarebbe destinato ad essere messo in discussione proprio dall’avvento di nuove realtà disposte in alcuni casi ad investire capitali consistenti. I colossi dello streaming, ad esempio, che vedono nella trasmissione delle partite un’opportunità di ampliamento della loro platea.

Stiamo attirando l’interesse di grandi piattaforme internazionali, come Amazon e Netflix, speriamo che il calcio torni al centro del confronto fra tecnologie e piattaforme. Con la creazione di una rete unica, il calcio può divenire elemento attrattivo. Un prodotto, come avviene all’estero, con cui le telefoniche possano arricchire i contenuti

ha aggiunto De Siervo (allo scopo di mettere in allerta Sky?). Nei mesi scorsi, fonti stampa avevano menzionato tra gli interlocutori interessati alla Serie A anche alcuni fondi di investimento esteri come CVC Capital e Bain Capital. Che il futuro del settore sia nelle mani di chi intende investire (senza andare al risparmio), l’Ad della Lega Calcio lo ha fatto intuire rispondendo infine ad una domanda sul progetto legato alla Media Company dei club di A.

Se viene confermata entro il 9 o il 10 ottobre, è un tentativo di ‘evoluzione evolutiva’ del nostro calcio. Conosciamo tutti dove eravamo arrivati, il periodo in cui eravamo re in Europa, parliamo di un’epoca dalla quale sono passati 15 anni: per tornare a brillare come prima stella del calcio europeo abbiamo bisogno di introdurre capitale privati che possano aiutarci con minimi garantiti e cifre importanti, da investire nello sviluppo del nostro brand all’estero” ha detto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Serie A
Diritti tv, Serie A: trattative con la cordata Cvc per la nuova MediaCompany


Serie A, diritti tv
Diritti tv, Sky piange miseria. Ma la Lega Serie A batte cassa (e non fa sconti)


Serie A
Serie A, diritti tv: il primato di Sky verso il tramonto. Spuntano i fondi esteri e anche Amazon si interessa


Calcio, Serie A
Diritti tv non pagati: Lega Serie A farà causa a Sky

1 Commento dei lettori »

1. pad ha scritto:

28 settembre 2020 alle 19:55

Mi piacerebbe se si andasse oltre Sky,se ci fosse qualche altra azienda anche perchè trovo molto limitante il decoder di sky satellitare,perchè lo puoi vedere in una sola stanza almeno che non si faccia il multivision che però a un certo costo,c’è sky go ma non esiste un app per Smart tv quindi devi collegare per forza il pc,l’ideale sarebbe che netflix o dazn prendessero i diritti della serie e della champions ma è molto complicata come cosa.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.