23
settembre

Rai, Roberto Fico: «Dobbiamo liberarla dalla politica». Parole, parole, parole

Roberto Fico

Dobbiamo liberare la Rai dalla politica e dai partiti“. Per quanto sia determinato, sull’argomento è ormai diventato un disco rotto. Nell’ambito di una manifestazione in ricordo di Giancarlo Siani tenutasi oggi a Napoli, il Presidente della Camera è tornato a ribadire la propria volontà di rendere il servizio pubblico impermeabile alle influenze parlamentari e politiche in generale, come già aveva fatto più volte in passato. Parole, parole, parole (anche condivisibili, per carità!), che tuttavia non sono ancora state seguite dai fatti.

Dobbiamo liberare la Rai dalla politica e dai partiti. Departitizzare la Rai è fondamentale, perché se cambia la Rai può cambiare anche il Paese

ha affermato Fico, che solo pochi giorni fa – commentando i risultati elettorali – aveva inserito la questione Rai tra i temi identitari del Movimento Cinque Stelle. Il politico grillino da tempo porta avanti la battaglia e di tanto in tanto ci ritorna con dichiarazioni pubbliche solenni ma paradossalmente fini a se stesse in quanto prive di seguito.

C’è urgente bisogno di una riformaaveva sentenziato nell’ottobre 2019, denunciando una certa resistenza al cambiamento da parte dei partiti. E anche nel giugno dell’anno prima aveva speso parole analoghe lanciando un monito affinché la politica non si immischiasse nel rinnovo dei vertici di Viale Mazzini. Per non parlare dei ripetuti richiami ai colleghi politici effettuati dal grillino durante la sua presidenza alla Vigilanza Rai.

Su queste pagine abbiamo sempre dato spazio alle affermazioni del Presidente della Camera sulla Rai in quanto alla logica della lottizzazione preferiamo di gran lunga quella del merito; al contempo, abbiamo sottolineato che sarebbe compito della stessa politica – e quindi anche del medesimo Fico – avanzare proposte concrete e articolate di cambiamento. Attualmente, invece, non si è mai andati oltre ai buoni propositi.

L’operazione in ogni caso sarebbe tutt’altro che immediata. Quello della Rai libera dai partiti è infatti uno slogan facile da pronunciare ma complesso da realizzare. Quale forma di governance andrebbe a sostituire l’attuale gestione del servizio pubblico? Una Fondazione? Un management espressione di vari organismi? E con quali criteri di nomina? Domande che, qualora ci fosse una reale volontà di cambiamento, meriterebbero una risposta.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Roberto Fico
Rai, Roberto Fico: «Riforma è una priorità, serve maggior lontananza dalla politica»


Roberto Fico, Vigilanza Rai
Vigilanza Rai: approvata la risoluzione contro il conflitto d’interessi degli agenti delle star. Ecco cosa prevede


Rai - Viale Mazzini
RAI: 11 GIUGNO SCIOPERO E MANIFESTAZIONE CONTRO I TAGLI. PER M5S E FI “SCIOPERO GIUSTIFICATO”, PER RENZI “UMILIANTE”


Andrea Martella, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all'editoria
Rai, il governo scarica gli attuali vertici: «Serve cambiare»

1 Commento dei lettori »

1. Old Story ha scritto:

23 settembre 2020 alle 23:47

infatti hanno piazzato gente dovunque, dal consiglio di amministrazione fino agli schermi, con l’incapace grillino Beppe Convertini spalmato in tutte le salse.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.