26
agosto

La Vita in Diretta, Matano: «Io sono il cross man della squadra. Cuccarini? Ho fatto dei bei respiri»

Alberto Matano

Alberto Matano

Era rimasto in silenzio nei giorni della bagarre, ma ora Alberto Matano non si risparmia nell’affrontare la questione Lorella Cuccarini. Giorni fa ha dichiarato che l’ormai ex collega de La Vita in Diretta “di tutte le cose che si poteva inventare” quella del maschilista con un ego sfrenato “è la più surreale”. Ma non è finita qua; il conduttore e giornalista – a proposito dell’ormai nota mail d’accusa della Cuccarini – aggiunge:

All’inizio ero incredulo, l’ho riletta, ho fatto dei bei respiri e ho pensato che la priorità era andare in onda per l’ultima puntata. Ho pensato che non avrei parlato fino alla fine della messa in onda, ho allungato il silenzio nei giorni successivi perché non c’era nulla da dire. Credo sia stato uno sfogo, forse una reazione impulsiva.

Matano al FattoQuotidiano.it parla di reazione impulsiva di Lorella, ma – ammette lui stesso – il rapporto tra i due padroni di casa di VID non è stato affatto idilliaco, nonostante si mostrassero al pubblico e non solo come una della coppie più affiatate della TV:

All’inizio abbiamo impiegato tempo per conoscerci e scoprirci, abbiamo anche discusso e forse una sola volta c’è stato un confronto acceso. Poi ci siamo semplicemente rimboccati le maniche, abbiamo cominciato a lavorare rispettandoci e rispettando anche le diversità delle nostre storie professionali”.

Insomma, si sono sopportati più che supportati, ma guai ad accusare il conduttore di essere il responsabile della dipartita della collega dal pomeriggio di Rai 1:

“La scelta di dare al programma un taglio diverso non è una mia responsabilità, se avessi il potere di decidere avrei fatto un altro lavoro. Questa accusa la trovo un po’ surreale”.

Il 7 settembre, dunque, La Vita in Diretta ripartirà con il solo Matano al comando:

Sarò da solo ma non sarò da solo, il cuore de La Vita in Diretta è un racconto corale fatto con gli inviati che saranno i veri protagonisti, io sono il cross man della squadra. Sono la prima linea ma affiancato da professionisti straordinari. Ci saranno meno spazi in studio, tra gli inviati ci sarà Roberto Poletti e qualche arrivo dal tg”.

La trasmissione, per volontà del direttore di rete Stefano Coletta, sarà incentrata sul racconto giornalistico, tra attualità e cronaca, ma non rinuncerà ad un po’ di leggerezza. A riguardo, anticipa:

“Sì, la seconda parte del programma cambia. Avremo un tavolo ovale con una v che richiama La Vita in Diretta, utilizzando un po’ il modello di quanto fatto a Photoshow (trasmissione da lui condotta su Rai 3 nel 2019, ndDM), attraverso immagini e video racconteremo con ospiti la realtà, il costume e la società italiana. Non ci sarà il pubblico in studio per l’emergenza Covid, la scenografia sarà diversa, ancora più interattiva e con led più grandi. Abbiamo anche il piacere di ospitare piccoli cadeau di Vincenzo Mollica.

Non ci saranno, invece, le interviste a tu per tu con i vip (che è quello che faceva la Cuccarini) perché – dice il giornalista – ho capito che le persone non hanno più voglia dell’ennesima intervista al personaggio di cui ormai conoscono tutto.



Articoli che potrebbero interessarti


Alberto Matano e Lorella Cuccarini
Alberto Matano attacca Lorella Cuccarini: «Maschilista? Di tutte le cose che si poteva inventare è la più surreale»


Antonella Delprino
Antonella Delprino (autrice e inviata di Vita in Diretta) non firma la difesa di Matano contro la Cuccarini


Alberto Matano e Lorella Cuccarini - La Vita in Diretta
La Vita in Diretta, la coppia Matano-Cuccarini scoppia ignorandosi. Lorella saluta il pubblico: «Non so dove, non so quando ci ritroveremo»


Lorella Cuccarini
Le donne della Vita in Diretta contro Lorella Cuccarini: «Smarrimento e incredulità per le tue parole su Matano»

1 Commento dei lettori »

1. Alex ha scritto:

29 agosto 2020 alle 19:55

Al posto di Matano io avrei risposto: Cuccarini? e chi è?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.