8
luglio

Come Sorelle: segreti, bugie e un omicidio da nascondere nella nuova fiction turca di Canale 5

Come Sorelle

Ipek, Azra e Deren - Come Sorelle

Un indissolubile e mai vissuto legame di sangue è al centro di Come Sorelle, la nuova fiction turca in otto puntate in onda da stasera in prima serata su Canale 5. Trasmessa su Star Tv lo scorso anno, Sevgili Geçmiş (“La nostra cara storia”) è stata prodotta dallo stesso team di Cherry Season – La Stagione del Cuore e di Bitter Sweet – Ingredienti d’Amore ed è incentrata sulla figura di İpek Gencer (Sevda Erginci), la quale scoprirà di avere due sorelle alla vigilia del suo matrimonio con il dispotico e violento Tekin Malik (Yurdaer Okur). Desiderosa di conoscere le parenti, la ragazza si metterà in contatto con loro, escamotage che darà il via ad una serie di eventi drammatici e dall’epilogo imprevedibile.

Come Sorelle: trama e anticipazioni

Qualche giorno prima del suo matrimonio con Tekin, un vecchio nemico di famiglia che ha privato il defunto padre dei vigneti che possedeva, Ipek riceve una lettera anonima e scopre così di essere stata adottata e di avere due sorelle, la dottoressa Deren Kutlu (Melis Sezen) e Cilem Akan (Elifcan Ongurlar). Mentre la prima è stata a sua volta adottata da una facoltosa famiglia che le ha permesso di studiare pur non dandole mai amore e affetto, la seconda ha passato tutta la sua infanzia in un orfanotrofio in compagnia di Azra Yilmaz (Ozge Ozacar), diventata poi la sua coinquilina. In cerca della verità che non conosce, Ipek deciderà dunque di invitare le parenti alle sue nozze.

Da questo momento, le cose per le ‘ritrovate’ sorelle si metteranno decisamente male: compreso finalmente per quale motivo la madre adottiva le ha sempre preferito il fratello, Deren resterà disperatamente incuriosita dall’invito ed andrà al matrimonio per conoscere Ipek. La missiva indirizzata a Cilem verrà invece letta da Azra, che approfitterà della situazione per fingere di essere la sua coinquilina e sfuggire all’ira di un malvivente che vuole ucciderla a causa di un furto di droga. Tra equivoci e imprevisti al cardiopalma, le tre donne finiranno quindi per macchiarsi dell’omicidio del neo sposo Tekin, che tenteranno di nascondere occultando il cadavere. A dare il colpo fatale all’uomo sarà proprio Azra/Cilem in difesa delle due “sorelle”.

Tuttavia, a causa degli affari poco loschi dell’assassinato, le protagoniste faticheranno per far sì che la verità non venga alla luce. Il primo a domandarsi che fine ha fatto Tekin sarà infatti il figlio Sinan (Seckin Ozdemir), tornato sull’isola proprio per vendicarsi di lui per tutto il male che ha fatto alla madre. Infine, Azra dovrà guardarsi le spalle da Cilem, che la riterrà responsabile della morte del suo fidanzato Burak, ucciso dallo stesso criminale da cui l’amica sta fuggendo. Ad ogni modo, il mistero principale da risolvere sarà un altro: per quale ragione le tre sorelle sono state separate?

Come Sorelle: il cast

Oltre ai personaggi già citati nella trama, i telespettatori impareranno a conoscere Cemal Karalar (Emre Kinay) e Cahide Esen (Ece Uslu), rispettivamente zio e madre delle tre ragazze. Insieme a loro, importanti ai fini narrativi saranno anche il falegname Mahir (Burak Celik), lo strozzino Kenan (Burak Yamanturk) e Refik (Melih Selcuk), ossia lo scagnozzo di Tekin. Chiudono il cast Renan Bilek e Hulya Duyar, chiamati a rivestire i ruoli del commissario Akif e di Afet, la madre adottiva di Ipek.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Come Sorelle
Come Sorelle: tutti i personaggi


son of zorn
Son of Zorn: le piacevoli (dis)avventure di un eroe animato catapultato nel mondo reale


Mr Robot 2
Mr. Robot 2: il cyber-thriller torna ancora più dark su Premium Stories


apb a tutte le unità
APB – A tutte le unità: la lotta al crimine diventa high-tech, nel nuovo procedural in arrivo su Fox

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.