23
giugno

Homemade: su Netflix il lockdown raccontato in 17 cortometraggi

Paolo Sorrentino

I giorni strani e difficili del lockdown raccontati attraverso gli occhi di alcuni registi e attori internazionali. Anche loro, come tutti, costretti a rimanere in casa per la pandemia. Si chiama – non a caso – «Homemade» l’iniziativa annunciata da Netflix e disponibile sulla piattaforma streaming dal 30 giugno: le testimonianze visive di 17 filmmaker di spicco (tra cui l’italiano Paolo Sorrentino) verranno unite in un lungometraggio e saranno anche disponibili per la visione individuale in cortometraggi dai 5 ai 7 minuti.

Prodotto da The Apartment Pictures e da Fabula (guidata dal regista Pablo Larrain e dal fratello Juan de Dios), il progetto è stato realizzato senza troupe, con i soli strumenti che i cineasti avevano con sé in casa durante la quarantena. La diversa provenienza dei registi invitati ad offrire il loro contributo consentirà di mostrare spaccati di quotidianità ai tempi del lockdown a diverse latitudini del pianeta. Quindi in contesti differenti, pur nella comune drammaticità e anomalia del momento.

Tra i registi coinvolti nell’iniziativa ci sono il già citato Paolo Sorrentino, che ha definito Homemade “una grande sfida per chi desidera narrare“, il cileno Pablo Larraín (già regista di “Jackie” e “Neruda”), il francese Ladj Ly e l’attrice Maggie Gyllenhaal, al suo debutto dietro la camera. Sarà proprio la fantasia dei cineasti a rendere ogni contributo diverso dall’altro, in una prospettiva del tutto soggettiva.

Netflix, Homemade – I registi

– Ladj Ly – corto girato a Clichy Montfermeil (Francia)
– Paolo Sorrentino – corto girato a Roma (Italia)
– Rachel Morrison – corto girato a Los Angeles, (USA)
– Pablo Larraín – corto girato a Santiago (Cile)
– Rungano Nyoni  – corto girato a Lisbona (Portogallo)
– Natalia Beristáin – corto girato a Mexico City (Messico)
– Sebastian Schipper – corto girato a Berlino (Germania)
– Naomi Kawase – corto girato a Nara (Giappone)
– David Mackenzie – corto girato a Glasgow (Scozia)
– Maggie Gyllenhaal –  corto girato in Vermont (USA)
– Nadine Labaki & Khaled Mouzanar – corto girato a Beirut (Libano)
– Antonio Campos – corto girato a Springs, New York City (USA)
– Johnny Ma – corto girato a San Sebastián del Oeste, Jalisco (Messico)
– Kristen Stewart – corto girato a Los Angeles (USA)
– Gurinder Chadha – corto girato a Londra (UK)
– Sebastián Lelio – corto girato a Santiago (Cile)
– Ana Lily Amirpour – corto girato a Los Angeles (USA)

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Alejandro Speitzer ed Ester Exposito
Qualcuno Deve Morire: i gay nella Spagna franchista nel nuovo dramma di Netflix


Giancarlo Leone, Fabrizio Salini, Tinny Andreatta, Lorenzo Casini, Nicola Maccanico e Daniele Cesarano
Fiction, Leone (Apa): «Riconoscere extragettito alla Rai». Netflix punta al raddoppio, Mediaset soffre


The Haunting of Bly Manor
The Haunting of Bly Manor: sulla scia di Hill House, una nuova serie horror su Netflix


Emily in Paris - Lily Collins
Emily in Paris, come Carrie a Manhattan

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.