19
giugno

Fazio sbotta contro la Rai: «Adesso basta. Trovo ogni limite superato. Torno a Rai 3 se c’è un progetto, se no resto a Rai 2. Ma non è scontato il prolungamento del contratto»

Fabio Fazio

Fabio Fazio

Adesso basta: parlo poco, ogni due anni, ma la norma ‘anti-Fazio’ approvata dal Cda mi obbliga a dire la mia. Fabio Fazio alza la voce e questa volta non le manda a dire, a margine della nuova policy – voluta dall’AD Fabrizio Salini – che pone dei limiti ad agenti e produttori in Rai. Fazio, infatti, non potrebbe più produrre e condurre allo stesso tempo Che Tempo Che Fa e di questo se ne lamenta:

Trovo ogni limite superato. Qui entriamo nel campo dell’inaccettabile: da tempo mi viene riservato un trattamento che non ha eguali né precedenti (…) ma la ‘norma anti-Fazio’ no. E non basta: hanno chiesto a tutti di ridursi il compenso, e ho accettato. Solo io, però. Sono stufo di dovermi difendere per il mio lavoro

ha dichiarato a Il Fatto Quotidiano. Quella del conduttore è un’arringa contro quella Rai che gli remerebbe contro perché, parole sue, ha osato dire che la politica dovrebbe restare fuori da Viale Mazzini. Tre anni fa era in procinto di sbarcare altrove (si parlava insistentemente di Discovery), poi l’approdo a Rai 1 e l’inizio, dopo qualche tempo, di una guerra interna che non sembra vedere la fine:

“(…) ero già serenamente avviato altrove e la Rai mi chiese di restare. Mi scappò detto che la politica non doveva più entrare nella tv. Da allora iniziò la guerra, perché quella mia frase fu letta come una questione personale. Uno stillicidio continuo, un linciaggio senza uguali né giustificazioni (…) Forse non sono vissuto come un professionista della tv, ma come un avversario politico”.

Fazio rivendica i due anni passati sulla rete ammiraglia, con tanto di numeri a ‘provare’ (secondo lui) come la sua trasmissione abbia portato vantaggi, in termini economici, all’azienda grazie alla pubblicità, che ne copre buona parte dei costi. Gli ascolti su Rai 1, però, non sono stati così esaltanti. Ma il dato che non scorderà mai sono i 123 attacchi (li ha contati tutti!) ricevuti dall’allora Ministro degli Interni Matteo Salvini. E la Rai -spiega- muta:

123 attacchi, 123 silenzi. E dopo due anni il trasloco su Rai 2. Mai avuto il numero di telefono del direttore di Rai 1 (era Teresa De Santis, ndDM)”; forse non è chiaro, ma sono uscite notizie false, han ribaltato i costi di produzione attribuendomeli come guadagni: i 400mila euro diventavano uno stipendio da 12 milioni per 4 anni”.

Chiarezza sulle sue ‘tasche’, oggetto da anni di illazioni, è stata fatta con l’intervento della Corte dei Conti (“ha dimostrato che il programma costa meno della metà di qualunque altro varietà della stessa fascia oraria”, dice). Quella sul suo futuro in Rai, invece, è tutta da accertare:

Torno a Rai 3 se c’è un accordo e un progetto, se no resto a Rai 2 (…) Ho un contratto ancora per un anno e sto lavorando a un nuovo progetto per Rai 3: una storia agiografica della tv per il 2021-2022. Ma non è scontato il prolungamento del contratto oltre la scadenza del 2021 (…) Se lo ritengono utile, posso continuare, l’importante è non diventare un campo di battaglia né un palo di esibizione”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Fabio Fazio ed Ennio Morricone
Morricone riporta Fazio su Rai 1. Ecco l’omaggio della TV al Maestro


Massimo Giletti
Massimo Giletti sul ritorno in Rai: «Qualcosa succederà a giugno». Fiorello ironizza: «Potresti condurre Che Arena Che Fa»


Monica Maggioni
Monica Maggioni: «La Rai non è al tracollo e gli ascolti di Fazio non sono flop»


Mario Orfeo
Mario Orfeo in Vigilanza Rai: «Nel 2018 possibile perdita da 100 milioni. Giletti a La7? Scelta legittima. Costava più dei suoi ricavi»

8 Commenti dei lettori »

1. ANDREA ha scritto:

19 giugno 2020 alle 12:50

Per quanto mi riguarda puo’ sparire o andare a lavorare a TELENORBA, credo che sia il presentatore più inutile della TV, con una trasmissione faziosa e irrispettosa, lo vedrei bene a condurre una trasmissione insieme alla Gruber, dal titolo I NULLA DEI ROSSI



2. Giancarlo ha scritto:

19 giugno 2020 alle 14:39

Per quanto non lo ami perché è troppo democristiano per i miei gusti,ha ragione in quest’occasione.sembra che sia unico ad avere contratto oneroso in rai o sia l’unico ad avere società di produzione esterna



3. Mister Zapping ha scritto:

19 giugno 2020 alle 15:00

Se ne va? Ce ne faremo una ragione!
Fabietto la pacchia è finita, vai pure a far cassa a Sky o a Discovery così ti guardano in tre come meriti.



4. Sanjuro ha scritto:

19 giugno 2020 alle 15:10

@ANDREA:

e invece lavorerà fino all’età pensionabile e continuerà a prendere al mese, più o meno giustamente, quello che tu non vedrai in una vita intera frignando sui social.

Ciao, campione! Mi raccomando, non esagerare con l’invidia sociale, sennò poi ti viene il bruxismo e per pagare il dentista saran dolori. :)



5. graziella ha scritto:

19 giugno 2020 alle 17:24

fazio sparisci!!! sei stato da sempre strapagato e sopravvalutato….vai vai



6. ales79 ha scritto:

19 giugno 2020 alle 17:40

ma che vada!!!! davvero però!!!!



7. Gianni ha scritto:

19 giugno 2020 alle 21:24

Insopportabile da quando faceva le imitazioni…miracolato.



8. Patrick ha scritto:

20 giugno 2020 alle 03:12

ANDREA, ci spieghi esattamente quale sarebbe la tua di utilità, cortesemente? Ti prego rosica meno che fa male alla salute.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.