15
maggio

Rai, Storie di un’Italiana: Maurizio Costanzo e Umberto Broccoli raccontano il Paese dagli anni ‘50 ad oggi

Maurizio Costanzo

Maurizio Costanzo

Il pregiatissimo materiale delle Teche Rai sarà utile a Maurizio Costanzo e ad Umberto Broccoli per raccontare lo spaccato culturale del Belpaese. E’ questo il concept su cui si baserà Rai – Storie di un’Italiana, il nuovo programma che andrà in onda da domani – sabato 16 maggio 2020 - alle 14.00 su Rai 2.

Costanzo, con la sua esperienza da giornalista, e l’archeologo e saggista Broccoli spiegheranno ai telespettatori com’è cambiata la società dagli anni ‘50 fino ai giorni nostri e per farlo si avvarranno dei ricordi, di alcuni aneddoti e delle immagini di archivio delle Teche Rai. Un viaggio che partirà dal boom economico per poi toccare vari temi storici, tra cui le vicende complicate degli anni ‘70 e i fatti più recenti accaduti nel “nuovo millennio”.

Mantenendosi su questo filone, la trasmissione non parlerà soltanto di spettacolo – anche se quest’ultimo è stato spesso una chiave di lettura e di interpretazione della nostra società -, ma ripercorrerà le varie inchieste giornalistiche, gli appuntamenti culturali e le trasmissioni innovative che hanno caratterizzato l’Italia negli ultimi settant’anni. Scritto da Maurizio Costanzo e Umberto Broccoli con Marzia Vellucci, Rai, Storie di un’Italiana avrà la regia di Claudia Seghetti.

Dalla settimana prossima, precisamente da giovedì 21 maggio, Costanzo è atteso anche su Canale 5 per un nuovo ciclo de L’Intervista.



Articoli che potrebbero interessarti


Maurizio Costanzo
Maurizio Costanzo nel sabato pomeriggio di Rai 2


Emanuele Filiberto di Savoia e Maurizio Costanzo
Maurizio Costanzo ritorna con «L’Intervista» a Emanuele Filiberto di Savoia


Maurizio Costanzo
Sanremo 2020, Maurizio Costanzo difende Amadeus: «Attacco esagerato, fatelo lavorare. La Bellucci? Stia in Francia e non ci rompa le scatole»


Antonello Falqui
Il Gran Varietà: Maurizio Costanzo e Lisa Marzoli ricordano gli show di Antonello Falqui

1 Commento dei lettori »

1. PeppaPig ha scritto:

16 maggio 2020 alle 07:46

Lo vedrò molto volentieri, e poi rivedere oggi gli anni del boom economico sarà molto interessante, anche se ci farà un pò di tristezza. E’ probabilmente la prima volta nella storia dell’uomo che guardando indietro vediamo un mondo migliore di quello che abbiamo davanti. Ma tant’è. L’uomo non si è accontentato, ha voluto troppo, di tutto, e alla fine, come dice la saggezza popolare, chi troppo vuole nulla stringe.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.