9
maggio

Barbara D’Urso sbotta per la folla ai Navigli: «Cretini che stanno lì senza mascherina a fare l’aperitivo. Non ci sto» – Video

Barbara D’Urso

Barbara D’Urso

Molto rumore mediatico, hanno generato le immagini che ritraevano i Navigli di Milano – in data 7 maggio – colmi di persone che non indossavano la mascherina e non rispettavano le misure di distanziamento sociale disposte dal governo. Durante la puntata di ieri di Pomeriggio Cinque, ad indignarsi è stata anche Barbara D’Urso, che non ha potuto non pensare alle possibili conseguenze di un gesto come quello avvenuto nel capoluogo lombardo:

Forse voi non avete capito com’è la situazione, ma l’avete capito o non l’avete capito che il virus è ancora in giro, l’avete capito o non l’avete capito che non si può stare seduti in venti a bere lo spritzzettino senza la mascherina, l’avete capito o non l’avete capito che potrebbe di nuovo ritornare, di nuovo gli ospedali, di nuovo i morti!”

ha spiegato la padrona di casa, ritenendo scorretto il comportamento di chi sta infrangendo le norme anti-contagio, anche verso tutti i cittadini che fino a questo momento hanno fatto dei sacrifici per rimanere a casa. La D’Urso non ci starebbe ad un ipotetico nuovo lockdown a seguito degli episodi verificatisi, specialmente se per colpa di qualche scellerato:

“Parlo a nome di tutti quelli che come me da due mesi e più stanno rispettando le regole. Io quando sarà possibile e avrò finito di lavorare a fine giugno vorrei tornare a casa mia al Sud e per quale motivo bisognerà poi di nuovo chiudere magari la Lombardia per colpa di alcuni cretini che stanno lì senza mascherina a fare l’aperitivo. No, scusate, non ci sto! Né io, né il sindaco, né tutti quelli la maggior parte dei milanesi e degli italiani”

ha sbottato la D’Urso amareggiata, concludendo la partaccia con una difesa dei meridionali, vittime spesso di pregiudizi, che al contrario in questa occasione “si sono comportati benissimo, tranne qualche piccolo episodio”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Barbara D'Urso
Barbara D’Urso mostra come mettere e togliere una mascherina su richiesta di un medico del San Raffaele – Video


Barbara D'Urso
Coronavirus, Barbara D’Urso mostra come sfilarsi i guanti in lattice – Video


Barbara D'Urso
Barbara D’Urso, stagione agli sgoccioli: «Qui a Mediaset accadono le cose day by day»


Barbara D'Urso
Pomeriggio Cinque, Barbara D’Urso fa gli auguri di Pasqua e si commuove – Video

6 Commenti dei lettori »

1. nicopastore ha scritto:

9 maggio 2020 alle 12:47

Barbara d’urso da grande comunicatrice,ha fatto sua la teoria dello studioso Erving Goffman che usa come metafora investigativa dei comportamenti delle persone quella della rappresentazione teatrale.Una scena ben congegnata e rappresentata induce il pubblico ad attibuire un “se’ ” ad un personaggio rappresentato. Nella rappresentazione si “crede”. In parole povere il suo mestiere la signora D’urso lo conosce.

P.s.:non sono un “dursiano” come specifico spesso nelle dirette instagram di Davide ma sono convinto che una critica non significhi affermare “mi piace” o “non mi piace” ma argomentare una tesi.



2. controcorrente ha scritto:

9 maggio 2020 alle 21:26

#nicopastore .. aggiungerei alle tue ottime analisi.. il tutto condito da un ego smisurato e calcolatore… dove ogni mossa e ogni parola devono accrescere la sua figura.. nello sfogo di ieri ha affermato che lei la mattina e’ negli studi mediaset dalle 7
MA NON ESISTE UN GIORNALISTA.. O STRISCIA.. che si apposti e la becchi quando arriva a Mediaset alle 12-13 ???
mi ricorda tanto la storia di Mussolini che faceva rimanere accesele luci a palazzo per far vedere alla gente che il duce lavorava anche di notte



3. Davide ha scritto:

9 maggio 2020 alle 23:20

Poi un giorno, quando avrete tempo, spiegate con calma e parole semplici a Carmela che parlare male di quelli del Sud è razzista esattamente allo quanto parlarne bene (specie a paragone con quelli del Nord).
Non essere razzisti prevede di NON CREDERE esistano razze (o etnie, o chiamatele come volete) superiori alle altre, non invece pensare che quelli del Sud siano meglio di quelli del Nord.
Quello è razzismo. E il razzismo fa schifo. E i razzisti pure.



4. Patrick ha scritto:

10 maggio 2020 alle 04:17

Ma per piacere, una foto fatta col teleobiettivo per dimostrare cose non vere, fatta ad hoc tanto perché i siti dei giornali si beccassero qualche like… e poi nelle immagini i navigli semideserti e gente che passeggia a distanza gli uni dagli altri senza mascherina.

Queste ridicole indignazioni basate sul nulla, questo continuo sparare a zero sulle persone ergendosi a esempi di vita (IO RISPETTO LE REGOLE. Embè vuoi un premio?)… e poi gli assembramenti sono vietati ma sui navigli, dove ci sono bar aperti e si sa che la gente ci va, magari metti qualcuno a controllare che effettivamente non si creino assembramenti.

Davvero è ora di smetterla con questa caccia alle streghe, i contagi e i morti diminuiscono ogni giorno che passa, e da due mesi non si fa altro che leggere sempre le solite vaccate da social di gente che vomita le proprie frustrazioni sugli altri… ci mancava anche la minchiata della D’Urso, davvero. Per piacere.



5. vinny ha scritto:

10 maggio 2020 alle 11:07

poi si meravigliano se la insultano. Lunedi dovrà far vedere la folla al Vomero, il lungomare di Bari e la spiaggia di Mondello. Datti na calmata Barbara viviamo in Italia e non c’è la dittatura



6. Maurizio ha scritto:

10 maggio 2020 alle 15:29

Falsa come poche. Con Marco Carta ha fatto credere a tutti che era colpa di un aereo se lui non ha potuto fare l’intervista ed invece non era vero niente perchè è stata lei a decidere di non farla. Menomale che ci ha pensato striscia a sbugiardarla!! E chissà quante altre balle racconta la pinocchietta in trasmissione.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.