7
maggio

Pagelle TV della Settimana (27/04-3/05/2020). Promossi Homeland e gli Arteteca. Bocciati Prati e caso Botteri

Giovanna Botteri a Striscia

Promossi

9 a Homeland. Nove anni e otto stagioni dopo, è calato in America il sipario sulla serie spionistica. Nata come la storia di un militare sospettato di essere un traditore, col tempo si è addentrata nella politica estera statunitense raccontandone, con chiarezza ma senza essere banale, le contraddizioni e i punti critici. Sebbene la conclusione sia arrivata tardiva, gli sceneggiatori sono riusciti ad evitare il rischio, sempre incombente in questi casi, di snaturare il prodotto.

8 gli Arteteca. Il duo comico napoletano supera il 10% di share con Finalmente Sposi, film proposto da Rai2 che li vede protagonisti. In questi anni la tv ha commesso l’errore di sottovalutare l’appeal dei comici di Made in Sud, rimasti per lo più confinati al programma comico.

7 alle recenti dichiarazioni di Ambra al Corriere (per maggiori info clicca qui). Non si capisce quale molla le sia scattata dopo tutti questi anni (sarà la quarantena?), ma l’autoanalisi fatta appare lucida e lascia ben sperare per un futuro lontano dagli snobismi che hanno caratterizzato parte della sua ’seconda vita’ mediatica. Basta fare di tutto per non essere Ambra.

6 a Hollywood. Ryan Murphy riscrive per Netflix la storia del cinema a stelle e strisce come fosse una novella a lieto fine. Si lascia guardare e incuriosisce per via di alcune commistioni con la realtà, tuttavia il risultato è abbastanza mellifluo. Il lieto fine non è frutto di sliding doors bensì di accadimenti che vanno per il verso giusto in maniera sin troppo facile.

Bocciati

5 a Pamela Prati che va su tutte le furie per l’annuncio della replica della sua intervista sul caso Caltagirone a Verissimo (per maggiori info clicca qui). Ancora parla?

4 a Missione Fashion Style, nuovo pilota di Real Time in cui il parrucchiere Federico salva dal baratro ’saloni da incubo’. Se il peccato di scarsa originalità era concedibile, lo stesso non può dirsi per il programma in sè, avaro di idee autorali e soprattutto dall’impianto fake dall’inizio alla fine.

3 al mesto addio di Disney Channel. Il canale più amato dai bambini di Sky, nato ben 22 anni fa, lascia il Belpaese sotto silenzio. E Disney+, che idealmente ne raccoglie il testimone, non è la stessa cosa.

2 al caso Striscia la Notizia – Giovanna Botteri. Parlare di bodyshaming è stato fuori luogo. Parimenti il tg satirico non può certo vantarsi di aver difeso la giornalista contro gli hater, anche perchè se così fosse – nella migliore delle ipotesi – avrebbe dato loro un megafono.

1 a Massimo Giletti. Il giornalista critica la mala informazione altrui senza guardare in casa propria (per maggiori info clicca qui).



Articoli che potrebbero interessarti


MARIA DE FILIPPI E ALBERTO
Pagelle Tv della Settimana (20-26/05/2019). Promossi Domenica In e Alberto Urso. Bocciato il paradosso Rai-Fabio Fazio


diodato
Pagelle TV della Settimana (11-17/05/2020). Promossi Diodato e Fiorello. Bocciati Summertime e Clerici


Striscia la Notizia, Giovanna Botteri
Giovanna Botteri chiude la polemica con Striscia: «La satira è libertà. Non dobbiamo fare la pace perché non abbiamo mai litigato»


Fazio e Littizzetto - Striscia la Notizia
Giovanna Botteri, Striscia rincara e scomoda Fazio e Littizzetto – Video

1 Commento dei lettori »

1. PeppaPig ha scritto:

6 maggio 2020 alle 17:34

Tutto sono tranne un’ammiratrice di Giletti, ma dargli 1 proprio questa settimana che ha fatto lo scoop del secolo …. Bravura o fortuna non so, ma ricevere una notizia del genere, in diretta, da fonte che più autorevole non si può, ma a quanti giornalisti è capitato nella vita? Vera o falsa che sia la notizia, e non fossimo in Italia ma in qualsiasi altro paese occidentale sarebbe caduto il Governo. Di questo gli va dato atto, anche se a me, poi, il suo modo di fare sensazionalistico continua a non piacere.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.