8
aprile

Lucia Annunziata ricoverata allo Spallanzani

Lucia Annunziata

Lucia Annunziata

Allo Spallanzani di Roma si registra il ricovero di Lucia Annunziata. La giornalista di Sarno, conduttrice su Rai 3 di Mezz’ora In Più, in seguito all’insorgere di febbre e di difficoltà respiratorie, è stata portata all’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive, che dall’inizio dell’emergenza sanitaria accoglie i positivi al Coronavirus.

Stando a quanto si apprende, la Annunziata è stata trasportata in ambulanza all’ospedale e ricoverata nella serata di ieri. Sono in corso tutti gli accertamenti necessari ed è stata sottoposta a tampone per verificare se i sintomi manifestati sono riconducibili al Covid-19.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Samuel Peron
Ballando senza Samuel Peron: è nuovamente positivo al Coronavirus


Tv7
Tv7: il programma anticipa la seconda ondata ed entra in Rianimazione


soliti ignoti amadeus
Soliti Ignoti: confermato lo speciale di domenica in diretta


Tommaso Zorzi
Tommaso Zorzi al GF Vip con la febbre

14 Commenti dei lettori »

1. Ale ha scritto:

8 aprile 2020 alle 15:21

Ai comuni mortali invece ai primi sintomi dicono solo di stare in casa ed il ricovero ed il tampone te lo concedono solo quando stai messo così male che ormai è troppo tardi.



2. aleimpe ha scritto:

8 aprile 2020 alle 15:40

Domenica ha fatto “In mezz’ora” su Rai 3, ma poi 48 ore dopo è stata ricoverata in ospedale, come mai ?



3. Sanjuro ha scritto:

8 aprile 2020 alle 15:50

@Ale: l’invidia sociale fa molto 2019, non va più di moda.
In tempi così bui, a uscite becere e squallide come le tue si preferiscono rispetto, buonsenso e, ancor meglio, un dignitoso silenzio.



4. Nick ha scritto:

8 aprile 2020 alle 15:57

Sono d’accordo con Ale, e questo è il motivo di questo numero elevato di decessi.



5. Ale ha scritto:

8 aprile 2020 alle 16:53

Sanjuro invece le fette di salame sugli occhi sono molto 2020 e quelle vedo che vanno molto di moda. Vaglielo a dire a persone come quella ragazza intervistata in non so più quale programma tv (talmente ce ne sono che ormai si occupano del virus) che diceva che suo padre di 50 anni si sarebbe salvato se solo l’avessero ricoverato ai primi sintomi.



6. Sanjuro ha scritto:

8 aprile 2020 alle 17:43

@Ale: e Lucia Annunziata con la morte di quel padre di 50 anni cosa c’entrerebbe?



7. Ale ha scritto:

8 aprile 2020 alle 18:15

Sanjuro se non ti è chiaro, la giornalista ai primi sintomi dopo solo 48 ore è già stata ricoverata in ospedale mentre quel padre di 50 anni ha dovuto aspettare molti più giorni.



8. Sanjuro ha scritto:

8 aprile 2020 alle 18:40

@Ale: e quindi?
Colpa della Annunziata?



9. sergio ha scritto:

8 aprile 2020 alle 18:42

@Sanjuro: onestamente l’invidia sociale non centra nulla, è un dato di fatto che il tampone non lo fanno ai primi sintomi anche perchè il Comitato tecnico scientifico della Protezione Civile ha più volte segnalato carenze nella disponibilità di reagenti necessari per l’esecuzione del test.



10. Sanjuro ha scritto:

8 aprile 2020 alle 18:59

@Ale: quindi i due casi sono strettamente correlati e l’Annunziata è direttamente responsabile della morte del 50enne.
Ok, chiaro.



11. Ale ha scritto:

8 aprile 2020 alle 19:59

Sanjuro non hai capito una mazza.



12. Sanjuro ha scritto:

8 aprile 2020 alle 20:26

Io mi sarei limitato a rivolgere degli auguri di pronta guarigione.
Sta un po’ al proprio personale parametro di decenza.



13. Patrick ha scritto:

9 aprile 2020 alle 03:13

Quante cazzate scrivete quando commentate, mamma mia. Si vede che non avete proprio una beata minchia da fare da mattina a sera. Beati voi che avete tutto questo buontempo.



14. Maurizio ha scritto:

9 aprile 2020 alle 11:53

Se sono cazzate allora perchè sprechi il tuo (poco) tempo a leggerle?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.